Meloni con Salvini: "Mattarella, Juncker e la Merkel se ne facciano una ragione"

L'ex alleata in soccorso di Salvini dopo le recenti schermaglie

Anche Giorgia Meloni è intervenuta in difesa di Matteo Salvini e del Governo giallo-verde nonostante le recenti schermaglie. La Presidente di Fratelli d'Italia ha attaccato Mattarella per la nuova "inaccettabile ingerenza" e poi anche Juncker e la Merkel per non essersi "rassegnati al fatto che l'Italia è ancora una nazione sovrana".

Giorgia Meloni, insomma, non sposa il progetto di Governo di Salvini, ma non tifa per il suo sabotaggio: "Su Paolo Savona, una nuova inaccettabile ingerenza di Mattarella, dopo l’ostinazione a non conferire l’incarico di governo al centrodestra. Ho comunicato a Salvini che Fratelli d’Italia, pur senza aver cambiato idea sul governo giallo-verde, offre il suo convinto aiuto per rivendicare il diritto di un governo a scegliere un ministro dell’Economia non indicato da Bruxelles. L’Italia è ancora una nazione sovrana, Juncker e la Merkel se ne facciano una ragione".

Effettivamente il veto di Mattarella su Paolo Savona è al quanto singolare e assomiglia molto ad una "inaccettabile ingerenza". Il Presidente della Repubblica ha la libertà di porre veti sui nomi dei ministri, ma generalmente questa facoltà è stata esercitata per bocciare personaggi privi di titoli per dirigere un determinato dicastero. In questo caso, invece, il veto su Paolo Savona sembra essere esclusivamente figlio delle sue idee sull'Europa.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO