Anche Di Battista contro Mattarella. Fico: su Savona lasciamo fare al Colle e a Conte

d battista e fico su mattarella savona

Anche Alessandro Di Battista, esponente di spicco del M5s, si scaglia contro il Capo dello Stato Sergio Mattarella per la sua "ingerenza" nella scelta del ministro dell’Economia, per il veto che avrebbe posto sulla figura del professore Paolo Savona, fortemente voluto da Matteo Salvini al Tesoro.

Il presidente della Repubblica ha tutto il diritto costituzionale di voler concordare alcuni ministri con il premier incaricato, ma porre veti sul ministro dell'Economia, malgrado il curriculum che vanta il Dottor Savona, lo trovo assolutamente inaccettabile. (...) Ciò che viene messo in discussione di Savona sono le sue idee che rappresentano però l'indirizzo politico del prossimo governo

scrive Di Battista su Facebook.

A provare a spegnere un po’ gli animi dall’alto della sua carica è il presidente di Montecitorio Roberto Fico nel primo pomeriggio di oggi dice: su Savona lasciamo fare al premier incaricato al capo dello Stato ricalcando la dichiarazione rilasciata qualche ora prima da Davide Casaleggio "fiducioso" che Mattarella e Conte trovino una soluzione all'impasse.

Salvini dopo aver attaccato a più riprese l’ingerenza dell’Europa e dei burocrati di Bruxelles stamattina se l'è presa soprattutto con la Germania che capeggia, a suo dire, la rivolta contro Savona all’Economia.

La stampa tedesca stamattina è andata in effetti all’attacco di Paolo Savona definito come un euro critico "che odia la Germania” (Bild) e con titoli del tipo: "L'Italia vuole un nemico della Germania al governo” fatto non da un tabloid ma dall’autorevole Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO