Matteo Renzi: "Di Maio e Salvini sfascisti delle istituzioni, hanno tenuto l'Italia in ostaggio"

Il segretario dimissionario del Pd ha cominciato la sua campagna elettorale.

Renzi

Da Palazzo Giustiniani, una delle sedi del Senato, Matteo Renzi oggi, verso le 19:30, ha tenuto una diretta Facebook che ha avuto tutta l'aria di essere una sorta di apertura della sua nuova campagna elettorale, visto che certamente si andrà alle elezioni dopo l'estate. E infatti ha usato proprio i toni da campagna elettorale contro Di Maio e Salvini, che ha definito "sfascisti delle istituzioni", quei toni che rimprovera ai suoi avversari (capaci solo di "insulti" e di fare una "eterna diretta Facebook") e nei quali tuttavia si trova sempre a proprio agio. Il segretario dimissionario del PD ha esordito dicendo:

"Siamo in una situazione difficile, ma che chiede l'intervento di ognuno di noi. Quello che sta accadendo è molto grave. 85 giorni di stallo e ci sono due responsabili: Di Maio e Salvini. Questi due aspiranti statisti la stanno tenendo in ostaggio. Non si sono presentati insieme alle elezioni, ma noi abbiamo detto 'ok, hanno vinto, tocca a loro'. Ricordate la battaglia che ho fatto per evitare che il Pd fosse la loro ruota di scorta?"

Poi ha attaccato soprattutto Salvini, sostenendo che sia stato lui a far saltare il governo con i 5 Stelle perché "Si è impaurito" e ha spiegato:

"Hanno promesso obiettivi irraggiungibili e hanno usato un grande alibi. Savona è stato il grande alibi per la fuga di Salvini, per permettergli di tornare al voto. Mattarella è stato così paziente da dargli la possibilità di mettere un altro"

Quindi secondo Renzi, da una parte Salvini ha complottato per far fallire il suo progetto di governo con i 5 Stelle e tornare al voto e dall'altra aveva paura di passare dalle parole ai fatti andando davvero al governo:

"Perché non sono partiti e hanno cambiato i toni? Perché a loro non interessano gli italiani, ma solo fare una gigantesca e costante campagna elettorale, una continua diretta Facebook, come hanno fatto l'altro giorno con Salvini che ha scritto 'sono molto arrabbiato' e Di Maio che gli ha messo il like. Spread non è una parolina tecnica, significa che i mutui costeranno di più. Bisogna avere il coraggio di dire che stanno giocando sulla pelle degli italiani. Dobbiamo reagire, scendere in piazza quando è necessario"

Poi ha insistito:

"Al popolo si sono presentati divisi, poi hanno scelto un Presidente del Consiglio non eletto da nessuna parte e nessuno aveva accettato di discutere dell'uscita dell'Italia dall'euro. Voi avete votato M5S e Lega per uscire dall'euro? Sono stati solo Bagnai e Borghi a sostenerlo in campagna elettorale e li abbiamo battuti entrambi. Se loro hanno intenzione di uscire dall'Europa? Lo dicano"

Renzi ha parlato ovviamente del suo partito, ritenendo che queste nuove elezioni siano un'occasione di "rivincita del Pd e salvataggio del Paese" e ha detto:

"Noi faremo una campagna senza litigare e con il coinvolgimento dei cittadini. Iniziano tre mesi difficili, che avremmo voluto evitare, ma tre mesi belli, impegnativi. Dobbiamo andare a coinvolgere le persone, non stare chiusi nei circoli. Le prossime elezioni riguardano il futuro dei nostri figli. Occorrerà l'impegno di tutti. Non possiamo permettere a due che investono tutto sull'odio, sugli insulti, di riportare l'Italia in piena crisi"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO