Di Battista: suo padre Vittorio indagato per offese a Mattarella

Indagine per "offese al prestigio e all’onore del presidente della Repubblica".

Vittorio Di Battista indagato per offese a Mattarella

Sebbene l'hashtag #iostoconMattarella sia stato quello più gettonato sui social negli ultimi giorni, non sono mancati i messaggi offensivi nei confronti del Presidente della Repubblica dopo che il governo M5S-Lega è saltato per il rifiuto di accettare nella squadra di governo il Prof. Paolo Savona come ministro dell'Economia. Alcuni insulti sono stati talmente gravi, ai limiti della minaccia, che sono dovute intervenire le forze dell'ordine.

E tra gli indagati c'è anche Vittorio Di Battista, padre di Alessandro Di Battista, uno dei leader del MoVimento 5 Stelle che, pur non essendosi candidato alle elezioni dello scorso 4 marzo, è sempre una voce importante dei pentastellati e infatti è presente a tutti i comizi più importanti per le elezioni locali.

Vittorio Di Battista, lo scorso 23 maggio, ha scritto su Facebook un post intitolato "I dolori di Mister Allegria" con chiaro riferimento al Presidente Mattarella. A un certo punto nel messaggio, che vedete nell'immagine, ma è stato cancellato dall'autore, Di Battista Senior scrive: "Mister Allegria, fai il tuo dovere e non avrai seccature". Ebbene, dopo che i carabinieri concluderanno le procedure per l'identificazione dell'autore del post, Vittorio Di Battista sarà quasi certamente iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di aver rivolto "offese al prestigio e all’onore del presidente della Repubblica".

Molto più gravi sono state altre frasi apparse sui social, come quelle di chi scriveva "La mafia ha ucciso il Mattarella sbagliato" o "Finirai come tuo fratello". Commenti indegni, di una gravità tale che richiedono, ovviamente, un serio intervento da parte delle forze dell'ordine.

A Palermo è stato aperto un fascicolo e ta gli indagati ci sono già tre persone con l'accusa di "attentato alla libertà del Presidente della Repubblica", mentre a Roma si sta valutando la possibilità di unire tutti i casi di offese a Mattarella in un unico fascicolo oppure di fare delle differenze per i reati più gravi.

Alessandro Di Battista

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO