Berlusconi: "Niente fiducia a governo Lega-M5s, formula pauperista e giustizialista"

Secondo il leader di Forza Italia il Paese necessita "di ben altro, come nel 1994 quando facemmo nascere il centrodestra"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi annuncia il no di Forza Italia alla fiducia al governo Conte, un esecutivo giudicato "pauperista e giustizialista". Gli azzurri sono pronti a una opposizione "molto rigorosa" contro ogni atto che possa mettere a rischio la libertà, i conti dello Stato e il risparmio.

Berlusconi dopo il vertice tenutosi ieri a Palazzo Grazioli alla presenza dello Stato maggiore di Forza Italia aspetta la mattina di oggi 2 giugno Festa della Repubblica per dare il suo giudizio sul governo gialloverde:

"Siamo in un momento particolarmente difficile c'è una formula di governo inedita e contraddittoria, non scelta dagli italiani col voto che deve condividere valori e programmi opposti all'insegna del populismo Noi siamo per l'Europa, garante di pace negli ultimi 70 anni dopo due Guerre mondiali.Forza Italia sarà molto rigorosa nell'opporsi a tutto quello che riteniamo non positivo per l'Italia e gli italiani. Ci opporremo al pauperismo, al giustizialismo, ad ogni atto che metta in pericolo i conti pubblici, il ruolo internazionale del nostro Paese, il lavoro e il risparmio degli italiani, la nostra libertà. Per questo noi non possiamo che votare 'no' alla fiducia a questo Governo"

Secondo il leader di Forza Italia, oggi il paese necessita:

"di ben altrocome nel 1994 quando facemmo nascere il centrodestra. Ancora oggi ci dobbiamo mobilitare per dare voce a un'Italia che non può identificarsi né nel governo giallo-verde né nella sinistra. Nel corso di questi 25 anni abbiamo rappresentato la parte migliore dell'Italia, che oggi chiede il cambiamento, ma nella responsabilità e nella concretezza. E' l'Italia delle persone serie e di buonsenso, è l'Italia che lavora e che ha competenza, che sente il dovere di aiutare chi è rimasto indietro. Noi di Forza Italia siamo ancora qui oggi a rappresentare questa parte del Paese. Siamo cn gli italiani che vogliono eliminare l'oppressione fiscale, l'oppressione burocratica e giudiziaria. E' lo Stato che deve essere al servizio dei cittadini"

Berlusconi ha poi difeso la collocazione europea dell'Italia, distanziandosi dalle posizioni euro critiche del nuovo governo:

"Noi siamo per l'Europa, perché ha il grandissimo merito di averci garantito, dopo due guerre mondiali, settant'anni di pace e la libera circolazione delle persone, delle imprese e dei capitali. Siamo anche consapevoli che l'Europa deve cambiare, rifondarsi dal basso.In questo momento l'alternativa è o noi o loro, per questo gli italiani di buona volontà devono scendere in campo, venite con noi per aiutarci a costruire il nostro comune futuro. Voglio inviarvi un augurio dal cuore, che riusciate a realizzare i sogni che portate avanti per voi e per le persone che amate"

ha concluso il quattro volte premier.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO