Giuseppe Conte nei luoghi colpiti dal sisma: "Da domani in Aula il decreto terremoto"

Il Presidente del Consiglio ha fatto visita ai terremotati e ha assicurato che il decreto terremoto continuerà molto presto il proprio percorso in Parlamento.

Giuseppe Conte sui luoghi del terremoto

11 giugno 2018 - Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, come anticipato la settimana scorsa, si è recato oggi ad Accumoli e Amatrice, due dei centri più colpiti dal terremoto che ha devastato il centro dell'Italia a partire dal 24 agosto 2016 e che ha provocato 299 morti.

Con un post su Facebook, Conte ha confermato l'impegno del governo nei confronti delle migliaia di persone rimaste senza casa e da mesi in attesa della messa in moto di quel complesso meccanismo che permetta l'avvio della ricostruzione:

A loro, a tutti i terremotati del centro Italia, delle Marche, del Lazio, dell’Umbria, Dell’Abruzzo, voglio dire che non saranno lasciati soli. Voglio dire loro che tutto il mio impegno sarà volto a fare in modo che oltre al dolore e alle gravi perdite che hanno subito in quella notte dell’agosto di due anni fa, non debbano più subire anche la solitudine e il senso di abbandono da parte delle istituzioni.

Ai giornalisti che hanno seguito la visita di Conte, il Premier ha dichiarato:

Non ho fatto promesse mirabolanti. Loro mi chiedono di poter sperare. Le persone anziane mi dicono che sperano di morire solo dopo aver visto ricostruiti le loro case e i loro paesi. [...] Non hanno solo ferite legate al fatto che hanno perso dei familiari o degli amici, ma hanno ferite anche legate alla distruzione del territorio.

Nello specifico, però, Conte ha assicurato che il decreto terremoto tornerà in discussione al Parlamento già da domani:

Già da domani dobbiamo lavorare, c'è un decreto in discussione al Parlamento, un decreto che sarà strategico per poter ripartire con la ricostruzione. La ricostruzione sarà molto difficile, me ne rendo conto, e non è soltanto un problema finanziario. C'è la necessità di operare una semplificazione sul piano burocratico. Non ha fatto promesse a nessuno, ho solo promesso che ci impegneremo molto, prima di tutto per portare a casa un decreto. Speriamo davvero di poter partire col piede giusto.

Il Premier Giuseppe Conte la settimana prossima ad Amatrice e Accumoli


7 giugno 2018

Giuseppe Conte andrà dai terremotati

Durante il suo discorso programmatico al Senato, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha annunciato che la sua prima uscita sarebbe stata nei luoghi terremotati. Ovviamente, prima ha un impegno improrogabile, il G7 in Canada, domani, venerdì 8, e sabato 9 giugno, ma la settimana prossima farà sicuramente un salto ad Amatrice e, quasi certamente, anche ad Accumoli.

Il deputato reatino del MoVimento 5 Stelle Gabriele Lorenzoni ieri ha scritto sulla sua pagina Facebook:

"Ho parlato con Di Maio. Conte sarà impegnato dall'8 giugno col G7 in Canada, verrà ad Amatrice molto probabilmente la prossima settimana, non per fare una passerella, ma con qualcosa di concreto in mano"

Nei commenti i suoi conterranei gli hanno chiesto di portarlo anche ad Accumoli e Lorenzoni ha risposto: "Ci potrebbe essere un cambio di programma, la situazione è in evoluzione". Intanto l'Ansa scrive che anche gli uffici dei due comuni che nell'agosto 2016 sono stati colpiti dal terremoto hanno confermato che Conte andrà a far visita la settimana prossima e come data si ipotizza già lunedì 11 giugno.

I terremotati hanno ricevuto spesso visite da parte dei politici, ma la situazione per loro è ancora molto complicata. Il Premier Conte andrà di persona per farsi un'idea e toccare con mano come vivono da ormai quasi due anni gli abitanti di Amatrice e Accumoli, ma vedremo se ha già qualche proposta.

Lorenzoni, infatti, sostiene che quella di Conte non sarà una semplice "passerella", come le tante viste finora da parte dei politici, ma si presenterà con qualcosa di concreto.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO