Ilva, Di Maio stoppa Beppe Grillo: "solo opinioni personali"

ilva di maio grillo

Luigi Di Maio stoppa Beppe Grillo "derubricando" la sua proposta sull’Ilva a parere personale: "Grillo, come altri, in questo momento esprime opinioni personali". Il fondatore del MoVimento 5 Stelle aveva parlato non di chiusura (come lui stesso ha poi precisato) ma di riconversione dell’Ilva di Taranto, con conseguente bonifica dell’area e successiva creazione di un parco.

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, intervistato questa mattina da Radio Anch'io, oltre ad aver rassicurato commercianti e consumatori ribandendo che l’Iva non aumenterà ha voluto così smorzare sul nascere le polemiche relative al futuro dell'Ilva e dei suoi lavoratori.

L’idea di Grillo rinvia a quanto fatto in Germania per alcune riconversioni di impianti e zone industriali nella regione della Ruhr, con la creazione di parchi paesistici. Sul futuro dell'Ilva in ogni caso Di Maio ha spiegato che non prenderà una decisione prima di aver ascoltato le parti: "Al Mise abbiamo diverse centinaia di dossier da affrontare: tutto sarà gestito con responsabilità, senza proclami".

L’ex vicepresidente della Camera ha poi replicato anche al suo predecessore al Mise Carlo Calenda che ha criticato la convocazione ai tavoli di crisi dei politici locali: "Calenda non è più ministro, adesso il ministro dello Sviluppo Economico sono io e se Calenda permette vorrei cambiare un po' di cose. Poi, alla fine, saranno i cittadini a giudicarmi".

Per quanto riguarda le clausole di salvaguardia da sminare per evitare l'aumento dell'Iva dal 22% al 23%, Di Maio, a proposito di coperture, si è limitato a dire "prendiamo un impegno" (per trovarle).

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO