Elezioni Comunali 2018: affluenza definitiva del 61%. I dati città per città

Tra i Comuni interessati ci sono anche 20 Capoluoghi.

Elezioni Comunali 2018 - Comuni al voto - 10 giugno

00:36 - Il dato incoraggiante dell'affluenza alle ore 19 è stato smentito dal dato definitivo delle 23. Nelle odierne elezioni amministrative ha infatti votato il 61,19% contro il 67,22% delle precedenti elezioni.

- Brescia 59,15% (Elezioni Precedenti: 67,09%)
- Sondrio 57,93% (" " 61,80%)
- Treviso 55,79% (" " 61,76%)
- Vicenza 55,96% (" " 63,70%)
- Imperia 60,80% (" " 63,97%)
- Massa 62,22% (" " 66,75%)
- Pisa 58,42% (" " 56,80%)
- Siena 63,08% (" " 68,39%)
- Ancona 56,19% (" " 60,12%)
- Teramo 65,23% (" " 73,08%)
- Terni 59,47% (" " 67,52%)
- Viterbo 64,80% (" " 68,56%)
- Avellino 65,55% (" " 69,47%)
- Barletta 65,60% (" " 74,03%)
- Brindisi 65,67%. (" " 71,55%)
- Municipi III e VIII di Roma 27,10% e 27,02%

I dati della Regione Sicilia (affluenza al 56,44%):
- Messina 64,98% (" " 70,22%)
- Ragusa 58,18% (" " 63,48%)
- Siracusa 55,27% (" " 66,20%)
- Trapani 59,16% (" " 58,94%)
- Catania 53,15% (" " 63,34%)

20:00 - A livello nazionale l'affluenza alle ore 19 è del 44,05% (contro il 40,03% delle precedenti elezioni amministrative). Ecco i dati dei capoluoghi di provincia e dei due Municipi di Roma Capitale:

- Brescia 43,37% (Elezioni Precedenti: 39,53%)
- Sondrio 41,94% (" " 35,99%)
- Treviso 40,36% (" " 36,62%)
- Vicenza 41,16% (" " 38,05%)
- Imperia 49,10% (" " 37,16%)
- Massa 43,73% (" " 34,54%)
- Pisa 43,15% (" " 30,91%)
- Siena 47,78% (" " 40,76%)
- Ancona 39,24% (" " 31,96%)
- Teramo 46,09% (" " 49,88%)
- Terni 41,83% (" " 49,68%)
- Viterbo 46,84% (" " 37,42%)
- Avellino 47,11% (" " 37,86%)
- Barletta 43,38% (" " 35,62%)
- Brindisi 46,09%. (" " 50,97%)
- Municipi III e VIII di Roma (dato non disponibile)

I dati della Regione Sicilia:
- Messina 47,34% (" " 35,55%)
- Ragusa 41,50% (" " 30,01%)
- Siracusa 38,10% (" " 32,36%)
- Trapani 39,75% (" " 41,78%)
- Catania 36,09% (" " 30,54%)

15:00 - Il Viminale ha reso nota anche l’affluenza città per città delle elezioni comunali 2018, di seguito tutti i dati:

- Brescia 14,37%
- Sondrio 21,87%
- Treviso 21,53%
- Vicenza 19,21%
- Imperia 22,29%
- Massa 19,27%
- Pisa 20,15%
- Siena 21,50%
- Ancona 17,63%
- Teramo 19,71%
- Terni 18,47%
- Viterbo 19,74%
- Avellino 19,98%
- Barletta 21,16%
- Brindisi 20,53%.
- Municipi III e VIII di Roma 8%.

I dati della Regione Sicilia:
- Messina 18,78%
- Ragusa 17,85%
- Siracusa 17%
- Trapani 16,47%
- Catania 15,33%.

13:30 - Alle 12 l’affluenza alle urne è stata del 19,82% in 623 comuni dei 760 chiamati a rinnovare le rispettive amministrazioni. I dati diffusi dal Viminale confermano una crescita rispetto alle precedenti elezioni omologhe, quando alle ore 12 l’affluenza era state del 14,48%. Al dato non concorre la percentuale della Sicilia, che non viene gestita dal Viminale, bensì direttamente dalla Regione.

Domenica 10 giugno 2018, ore 10:00 - Le urne sono aperte da tre ore nei 761 Comuni italiani chiamati al voto. Si chiuderanno questa sera alle ore 23. C'è curiosità per vedere se sarà confermato il trend visto nelle ultime elezioni politiche e regionali e cioè se gli elettori continueranno a preferire Lega e MoVimento 5 Stelle, le due forze politiche al governo, oppure se si orienteranno verso altre scelte e se il Pd confermerà almeno le sue "roccaforti rosse".

Elezioni amministrative 2018

Domenica 10 giugno 2018, dalle ore 7 del mattino alle 23 di sera si vota in 761 Comuni italiani. Dove sarà necessario il ballottaggio si tornerà al voto domenica 24 giugno. Tra i Comuni al voto ce ne sono 109 con più di 15mila abitanti e 652 con meno di 15mila abitanti.

Inoltre andranno al voto venti capoluoghi di provincia e cioè: Brescia, Sondrio, Treviso, Vicenza, Imperia, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Terni, Viterbo, Avellino, Barletta, Brindisi, Catania, Messina, Ragusa, Siracusa e Trapani.

Si vota anche in due municipi di Roma Capitale, vale a dire il III e l'VIII, per un totale di 290.934 elettori nella Città Eterna. In tutta Italia, invece, i votanti saranno 6.749.654 in 7.995 sezioni elettorali.

I comuni in cui si torna al voto prima della scadenza naturale del mandato dei sindaci sono ben 142. Inoltre in otto comuni non è stata presentata alcuna lista e saranno dunque commissariati. Tra questi comuni troviamo San Luca, in provincia di Reggio Calabria, dove nessuno si vuole candidare a causa delle infiltrazioni mafiose (è commissariato dal 2013) e dove il solo Klaus Davi, noto massmediologo, voleva farsi avanti, ma chiedendo una proroga per la presentazione delle liste elettorali. Gli altri sette sono: Austis, Magomadas, Putifigari, Ortueri e Sarule, tutti in Sardegna, Rodero in Lombardia e San Biagio Platani in Sicilia.

Secondo Avviso Pubblico, rete di Regioni ed Enti locali contro le mafie, dall'inizio del 2018 già 16 Comuni sono stati sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata, sette in Calabria, tre in Campania, tre in Sicilia e tre in Puglia.

Le elezioni comunali avranno una rilevanza anche a livello nazionale? Il governo è già stato fatto, quindi potrebbero essere intese come una sorta di primo test sul consenso dell'esecutivo giallo-verde, ma c'è anche chi ci vede una sfida interna tra Lega e MoVimento 5 Stelle e chi conquista più comuni potrebbe spostare il rapporto di forza all'interno del governo Conte a proprio favore. La Lega di Matteo Salvini, comunque, a livello locale continua a presentarsi come alleata di Forza Italia di Silvio Berlusconi e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e avversaria dei pentastellati.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO