Tre giornalisti in caserma per ore: indagano sui flussi finanziari della Lega

La denuncia della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Giornalisti che indagano su Lega in caserma

Nella giornata di ieri, mercoledì 13 giugno 2018, tre giornalisti, uno de Il Fatto Quotidiano, un altro de la Repubblica e il terzo de La Stampa, sono stati fermati dalla Guardia di Finanza a Bolzano, dove si trovavano per seguire l'indagine della Procura di Genova sui flussi finanziari della Lega e in particolare sul presunto occultamento all'estero di tre milioni di euro. I tre giornalisti sono stati tenuti in caserma per tre ore e hanno dovuto rispondere a domande sui loro articoli. La Federazione Nazionale della Stampa Italiana in un comunicato ha denunciato l'episodio e ha scritto:

"Federazione nazionale della Stampa italiana, Associazione Ligure Giornalisti, Ordine Giornalisti della Liguria e Gruppo Cronisti Liguri condannano il comportamento intimidatorio messo in atto da magistratura e polizia giudiziaria nei confronti dei colleghi impegnati a illuminare una delle vicende più oscure di questi ultimi anni, riportando aggiornamenti importanti e di sicuro interesse pubblico su un'indagine finanziaria che riguarda riciclaggio conseguente a truffa ai danni dello Stato nel percepimento di 48 milioni di fondi pubblici"

La Fnsi definisce "muscolare" la scelta della magistratura e della polizia giudiziaria e si dice sorpresa di questo tentativo di "imbavagliare l'informazione e imbrigliare la libertà di stampa". Anche il Sindacato giornalisti e l'Unione cronisti del Trentino Alto Adige hanno espresso la propria solidarietà e hanno ricordato che i tre sono impegnati "a illuminare una delle vicende più oscure di questi ultimi anni, riportando aggiornamenti importanti e di sicuro interesse pubblico su un'indagine finanziaria che riguarda riciclaggio conseguente a truffa ai danni dello Stato nel percepimento di 48 milioni di fondi pubblici"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO