Roma: intitolata via ad Almirante | Interviene la Raggi: "Presenterò una mozione"

Virginia Raggi ieri sera era ospite del programma televisivo Porta a Porta quando Bruno Vespa le ha chiesto di commentare la mozione approvata dall'Assemblea Capitolina per l'intitolazione di una strada a Giorgio Almirante. La Sindaca è parsa confusa e sorpresa, ma ha cercato di spiegare la decisione presa in autonomia dal suo gruppo consiliare.

Ieri notte, però, la Sindaca ha pubblicato un breve messaggio su Facebook: "Nessuna strada a Roma sarà dedicata a Giorgio #Almirante. Domani stesso presenterò una mozione a mia prima firma". La Raggi è stata dunque costretta a rimediare in prima persona all'iniziativa presa dal gruppo consiliare, anche per la reazione di una buona parte dei sostenitori del Movimento 5 Stelle.

La Sindaca ha chiesto ai consiglieri di preparare una mozione per vietare l'intitolazione di strade o piazze a persone che hanno sposato idee razziste o antisemite. Nel curriculum di Almirante c'è l'incarico di caporedattore per la rivista "La difesa della razza" dal 1938 al 1943, che lo rende indubbiamente incompatibile.

Ecco cosa scrisse Almirante nel 1942 sulla rivista succitata:

«Il razzismo ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia, e sia viva in tutti, la coscienza della razza. Il razzismo nostro deve essere quello del sangue, che scorre nelle mie vene, che io sento rifluire in me, e posso vedere, analizzare e confrontare col sangue degli altri. Il razzismo nostro deve essere quello della carne e dei muscoli; e dello spirito, sì, ma in quanto alberga in questi determinati corpi, i quali vivono in questo determinato Paese; non di uno spirito vagolante tra le ombre incerte d’una tradizione molteplice o di un universalismo fittizio e ingannatore. Altrimenti finiremo per fare il gioco dei meticci e degli ebrei; degli ebrei che, come hanno potuto in troppi casi cambiar nome e confondersi con noi, così potranno, ancor più facilmente e senza neppure il bisogno di pratiche dispendiose e laboriose, fingere un mutamento di spirito e dirsi più italiani di noi, e simulare di esserlo, e riuscire a passare per tali. Non c’è che un attestato col quale si possa imporre l’altolà al meticciato e all’ebraismo: l’attestato del sangue».

Roma: intitolata via ad Almirante, M5S vota con Fdi

roma almirante

Roma - È passata in Assemblea capitolina la mozione di Fratelli d'Italia per l'intitolazione di una strada a Giorgio Almirante, fondatore del Movimento Sociale Italiano. Decisivi i voti a favore del Movimento 5 Stelle, ad eccezione di due astenuti e uno contrario, mentre il Partito Democratico è uscito dall’aula per protesta nei confronti della sindaca Virginia Raggi. All’indomani dell’inchiesta relativa al nuovo stadio della Roma, dunque, un nuovo caso mediatico per i pentastellati capitolini, mentre esulta il partito di Giorgia Meloni, per bocca del capogruppo Fabrizio Ghera e dei consiglieri Andrea De Priamo, Maurizio Politi, Francesco Figliomeni e Rachele Mussolini della lista 'Con Giorgia'.

"Vittoria storica della destra italiana e romana - fanno sapere - , l'aula Giulio Cesare ha votato la mozione di Fratelli d'Italia, come già proposto dalla presidente di Fdi Giorgia Meloni per intitolare una via o una piazza a Giorgio Almirante che proprio nella Capitale ha raccolto sempre grandi consensi, come sottolineato dall'intervento del capogruppo di Fdi Fabrizio Ghera che ha evidenziato il ruolo di Almirante come 'padre della patria'. Come Fdi esprimiamo soddisfazione per l'approvazione di questo provvedimento che rende omaggio a un uomo politico che non ha mai smesso di chiedere la pacificazione nazionale e al quale sono state intitolate targhe e monumenti in molte cittadine italiane".

Ospite a Porta a Porta per rispondere principalmente alle accuse relative all’inchiesta sul nuovo stadio della Roma, la sindaca Virginia Raggi si è difesa affermando di essere sorpresa e di non sapere nulla. Al contempo, la prima cittadina della capitale ha ribadito il ruolo sovrano dell’Assemblea capitolina:

"Non sapevo nulla, mi sorprende. Sono qui da lei - dice a Bruno Vespa - e mi sono allontanata dal Consiglio comunale da qualche ora. Se lo condivido? Se l'Aula ha votato favorevolmente è perché i consiglieri M5s si sono determinati in questo senso. Quindi assolutamente sì: se hanno votato - ha aggiunto Raggi - evidentemente vogliono intitolare una strada a questo personaggio. Prendo atto della volontà dell'aula, che è sovrana come il Parlamento".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO