Migranti, 1000 persone al largo della Libia: il no dell'Italia e la proposta di Barcellona

"Giusto che intervengano le Autorità Libiche, come stanno ben facendo da giorni, senza che le navi di Ong straniere si intromettano e disturbino".

Nave ProActiva Open Arms

Oltre 1000 migranti sono alla deriva in queste ore nel Mar Mediterraneo a bordo di sette diverse imbarcazioni di fortuna che potrebbero affondare da un momento all'altro. A denunciarlo è la Ong spagnola Proactiva Open Arms, che effettuerà i primi soccorsi nelle prossime ore vista la vicinanza della sua nave all'area in cui si trovano le imbarcazioni al largo della Libia.

Che fine faranno queste persone? Le operazioni di soccorso sono ancora in corso e il solito braccio di ferro è già partito. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha prontamente confermato la chiusura dei porti italiani:

Altri 1.000 immigrati sui gommoni?
Giusto che intervengano le Autorità Libiche, come stanno ben facendo da giorni, senza che le navi di Ong straniere si intromettano e disturbino.
Sappiano questi “signori”, finanziati da Soros e compagnia bella, che i porti italiani sono e saranno chiusi a chi aiuta i trafficanti di esseri umani.

Altri 1.000 immigrati sui gommoni?
Giusto che intervengano le Autorità Libiche, come stanno ben facendo da giorni, senza...

Posted by Matteo Salvini on Sunday, June 24, 2018

Tra le ipotesi già al vaglio c'è quella di un sbarco a Barcellona, dopo che la sindaca Ada Colau ha attaccato l'Italia per la sua posizione e chiesto l'autorizzazione al primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ad aiutare la nave "Open Arms" e le altre imbarcazioni che daranno supporto nel soccorso delle circa mille persone:

In questo momento più di 1000 persone sono alla deriva su 7 barche, e l'Italia vuole lasciarli nella mani della Libia, dove si torturano, violentano e schiavizzano le persone. Barcellona si offre come porto sicuro.

Oscar Campos, fondatore dell'Ong Proactiva Open Arms, ha confermato il NO dell'Italia, che ha invitato la nave a lasciare i migranti in mano alla Guardia Costiera della Libia, proprio come anticipato dalla sindaca di Barcellona e da Matteo Salvini:

Intanto anche la nave Lifeline si trova ancora nel Mediterraneo in attesa di ricevere istruzioni sui quasi 300 migranti che sta trasportando.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO