Beppe Grillo contro Claudio Amendola: "campa pubblicizzando il gioco d’azzardo e ci attacca"

L'attore romano nei giorni scorsi aveva detto di "non voler vivere in un paese che chiude i porti". Grillo se le prende anche con gli "intellettuali della sinistra" citando lo scrittore Albinati

amendola-gioco-dazzardo.png

Beppe Grillo contro Claudio Amendola che ha criticato la politica in tema di migranti del governo gialloverde. Amendola aveva detto di "non voler vivere in un paese che chiude i porti".

"Campa pubblicizzando il gioco d’azzardo e ci attacca" è stata la replica di Grillo. Il padre nobile del MoVimento 5 Stelle oggi con un post sul suo blog si sofferma prima sulla debacle del Pd alle elezioni amministrative, poi se la prende con il noto attore romano e anche con lo scrittore, vincitore del Premio Strega, Edoardo Albinati:

"Tutti quanti confidano nelle differenze fra noi e la Lega, perché sono come fantasmi che non riescono a toccare palla nel mondo reale: non gli resta che sfogarsi e invocare disgrazie, come quel premio strega che si augurava morisse un bambino sull'Aquarius, credevo fosse soltanto un brutto scherzo del web. Ma dopo neppure 10 giorni si stanno albinatizzando tutti quanti, una trasformazione che fa pensare più al finale di mezzogiorno e mezzo di fuoco che ad un paese ed un partito democratico. Gente che campa pubblicizzando il gioco d'azzardo augura a noi ogni male possibile, non vogliono vivere in un paese con i porti chiusi (forse temono qualche bisca di stato in meno)".

Il ministro dell'Interno Salvini a metà giugno aveva fatto circolare un video in cui Albinati diceva di voler vedere cosa avrebbe fatto il governo nel caso in cui fosse morto "qualcuno sulla nave Aquarius".

In quanto al crollo del Pd alle amministrative, anche nelle regioni rosse, Grillo fa il modesto:

"Riconosco che la parte del leone, nel togliere di mezzo il PD dai comuni di quasi tutto il paese, non e' stata nostra, non e' una vittoria del MoVimento. Questa constatazione paradossalmente solleva un po'; perche' la rabbia disperata dei sodali dell'intellighenzia piddina e' davvero impressionante"

Poi l'attacco agli intellettuali della sinistra, i quali:

"mostrano i canini e ringhiano che siamo fascisti, hanno perso qualunque forma di contegno e questo non e' bello. Il livor furioso che si è scatenato nei cervelli che fiancheggiano la sinistra sta tracimando oltre ogni ragionevolezza. Sono talmente arrabbiati che pregano per le disgrazie, le invocano, tifano per le buche a Roma e guardano al mondo con la stessa fregola degli appassionati di B Movie Horror..."

A proposito di pubblicità per il gioco d'azzardo, il ministro dello Sviluppo-Lavoro e vicepremier pentastellato Luigi Di Maio ha promesso che sarà abolita con il Decreto dignità. Restiamo in attesa.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO