Decreto dignità: multe per le aziende che delocalizzano

Giuseppe Conte con Salvini e Di Maio

Multe salate per le aziende che delocalizzano, che trasferiscono cioè la produzione all’estero per tagliare i costi. C’è anche questo nel Decreto dignità che il Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio sta predisponendo.

Nella bozza del Decreto dignità, primo vero atto del governo Conte, anche lo stop alla pubblicità su scommesse e gioco d’azzardo, agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato per combattere la precarietà e semplificazioni fiscali (con la fattura elettronica per i benzinai che è stata però rinviata).

In tema di contratti, il limite massimo del tempo determinato resta di 36 mesi: ogni rinnovo a partire dal secondo avrà però un costo contributivo di +0,5%. Le proroghe possibili invece scendono da 5 a 4.

Alle aziende beneficiarie di aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima di dieci anni, arriveranno multe che possono andare da 2 a 4 volte la sovvenzione ricevuta, con interessi fino al 5%. Inoltre dovrà essere recuperato l’iperammortamento anche in caso di cessione degli investimenti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO