Chi è Pietro Grasso, Presidente del Senato? Il discorso di insediamento in diretta : «Verità e giustizia»

19.10: Grasso si prende un applauso convinto quando parla della sua ricerca di «verità e giustizia» e quando dice di auspicare che si aprano commissioni d'inchiesta sulle stragi del nostro paese.

19.04: in diretta, ecco il discorso di insediamento di Pietro Grasso.

18.35: Pietro Grasso è il nuovo Presidente del Senato. A scrutinio ancora in corso, l'applauso ne sancisce comunque l'elezione. Grasso raggiunge così l'altra eletta, Laura Boldrini, Presidente della Camera.

17.30: con ogni probabilità, salvo sorprese dell'ultimo minuto, sarà proprio Pietro Grasso il Presidente del Senato. Se i senatori del Centrosnistra voteranno compatti (125 voti), i montiani voteranno scheda bianca come pare e i senatori del M5S avranno libertà di voto (con molti che, pur non volendo compromettersi con il centrosinistra, non agevolerebbero mai la vittoria di Schifani, la matematica è tutta dalla parte del magistrato candidato con il Pd e dovrebbe fargli vincere senza troppi patemi il ballottaggio con l'ex Presidente del Senato Renato Schifani.

16 marzo 2013 - 9.00: il nome di Pietro Grasso è stato fatto dal Pd per la presidenza del Senato. Si pensava che avrebbe accolto anche il placet del M5S, ma così non sarà, a quanto pare.

22 dicembre 2012 - Pietro Grasso èl'uomo del giorno: più di Mario Monti o Antonio Ingroia che non sciolgono ancora la riserva sull'eventuale candidatura alle prossime elezioni, il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso brucia tutti sul tempo e chiede l'aspettativa al Csm per candidarsi con il PD. Domani in conferenza stampa con Bersani chiarirà se parteciperà alle primarie parlamentari o avrà un "posto assicurato", ma poco cambia: sarà lui il pezzo pregiato nelle liste del Partito Democratico, e si parla già di lui come del futuro ministro della Giustizia.

Nato a Licata il giorno di Capodanno del 1945, Pietro Grasso (che molti continuano a chiamare Piero), inizia la sua carriera nelle istituzioni come pretore a Barrafranca dal 1969. Nella metà degli anni '70 arriva a Palermo come pm, in tempo per occuparsi delle indagini sulle connivenze tra mafia e affari, e dell'omicidio del presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella nel 1980. Quattro anni dopo è giudice "a latere" del primo maxiprocesso contro Cosa Nostra, istruito da Falcone e Borsellino, e assieme al presidente della Corte Alfonso Giordano è stato l'estensore della sentenza di condanna per i 475 imputati. Dopo il maxiprocesso, arrivano i primi contatti con la politica.

Diventa infatti consulente della Commissione parlamentare antimafia, diretta prima da Gerardo Chiaromonte e poi da Luciano Violante. Nel 1991 l'allora Guardasigilli Claudio Martelli lo vuole come consigliere alla Direzione Affari Penali del ministero di Grazia e Giustizia, assieme a Giovanni Falcone. Dopo le stragi del 1992 e l'istituzione della Direzione Nazionale Antimafia, Grasso viene nominato procuratore aggiunto a Palermo e Firenze, dove si occupa degli attentati del 1992 e del 1993.

Dall'agosto 1999 all'ottobre 2005 è procuratore capo di Palermo, dove si segnala per l'arresto di 13 tra i 30 latitanti più pericolosi. Nel 2005 sostituisce Pier Luigi Vigna come Procuratore Nazionale Antimafia: una nomina non senza polemiche perché il favorito Gian Carlo Caselli venne estromesso da un emendamento "ad personam" inserito dal Pdl nella Riforma Castelli che di fatto spianò la strada a Grasso. Come Procuratore antimafia, Grasso ha guidato la DNA alla cattura, nel 2006, del capo di Cosa Nostra Bernardo Provenzano.

Apprezzato a destra come a sinistra, Grasso al contrario di altri colleghi non si è mai esposto pubblicamente. Ha elogiato l'impegno del governo Berlusconi nella lotta alla mafia, e oggi ha ricevuto anche l'apprezzamento di Marcello Dell'Utri. La politica lo ha cercato spesso, prima come sindaco di Palermo, poi come governatore della Sicilia, ma Grasso ha sempre rifiutato, rimandando l'eventuale candidatura alla pensione, e dicendo di preferire una "lista civica nazionale" ai partiti. Oggi ha cambiato idea.

Foto |© Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO