Di Maio: "ora il taglio dei parlamentari. Sul decreto Dignità niente fiducia"

Il ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro ospite di Agorà Estate

taglio dei parlamentari

È un Luigi Di Maio soddisfatto quello che il giorno dopo l'ok dell'ufficio di presidenza della Camera al taglio dei vitalizi per gli ex deputati dice:

ora mi sembra arrivato anche il momento di tagliare il numero dei parlamentari

Il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro è intervenuto stamattina ad Agorà Estate su Rai 3. Ieri il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro aveva proposto un taglio dei parlamentari a 400 deputati (dagli attuali 630) e 200 senatori (dagli attuali 315).

Sui tempi per la realizzazione del taglio dei parlamentari Di Maio non si sbilancia ma spiega:

Dobbiamo presentare la proposta di legge costituzionale, perché dobbiamo fare una modifica costituzionale. Ma è nel contratto di governo, vogliamo ridurre il numero dei parlamentari

Il leader dei 5 Stelle ha parlato anche del Decreto dignità assicurando che sul provvedimento presentato come la "Waterloo del precariato" non sarà posta la fiducia nelle aule parlamentari:

Non metteremo la fiducia sul decreto Dignità ma faremo in modo di difendere quello che abbiamo fatto

Il timore è che il decreto venga emendato e annacquato:

Il dibattito nel Pd su come votare? Se una forza d'opposizione è in dubbio, significa che questo decreto qualcosa fa

ha aggiunto Di Maio il quale spera anche che "prima della pausa estiva" si possano mettere le mani al taglio delle pensioni d'oro.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO