Giorgia Meloni: "Il governo denunci subito la Open Arms"

La nave della Ong sarebbe responsabile di "gravissimi reati".

Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, è intervenuta sul caso della denuncia da parte dell'Ong Proactiva Open Arms nei confronti del governo italiano e di quello libico per omicidio colposo e omissione di soccorso. Secondo l'ex ministro del governo Berlusconi, l'attuale esecutivo guidato da Giuseppe Conte e che ha come ministro dell'Interno il suo "amico" Matteo Salvini dovrebbe reagire denunciando a sua volta Open Arms. Ecco che cosa ha scritto Meloni su Facebook:

"Open Arms, una delle tante ONG che agevola gli scafisti nel mediterraneo, ha denunciato la Libia e l’Italia per omicidio colposo. Ora il Governo italiano dimostri che la musica è cambiata, denunci subito la Open Arms per tutti i gravissimi reati di cui è responsabile: dalla tratta di esseri umani a causata strage. Se anche lucrare sui disperati grazie ai finanziamenti di Soros non sarà considerato reato, il disgusto della gente perbene rimarrà comunque"

Poco dopo Meloni ha anche pubblicato un video in cui è ripresa la protesta inscenata oggi davanti al Viminale con le mani tinte di rosso, a simboleggiare il sangue delle vittime del Mediterraneo, e ha scritto:

"Dopo le magliette rosse per chiedere più accoglienza, ora le mani rosse per più diritti agli immigrati. Ultimi giorni di luglio dedicati a un mondo senza frontiere, e poi via tutti a Capalbio e Saint Tropez per le vacanze, alcuni pure con i soldi lucrati sull'accoglienza. Tutti gli italiani vorrebbero essere così buoni, purtroppo non possono permetterselo"

Intanto il Viminale ha ribadito di aver invitato la Open Arms ad attraccare in uno dei porti siciliani che erano aperti ad accoglierla, ma la nave si è rifiutata e si è diretta a Palma di Maiorca. Il fondatore della Ong Oscar Camps ha spiegato questa decisione dicendo di non ritenere più l'Italia un porto sicuro.

Foto © Facebook Giorgia Meloni

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO