Salvini: “Tanti nemici tanto onore!”. Zingaretti: "I suoi nemici sono gli italiani"

Zingaretti: "Mussolini ha distrutto e umiliato l'Italia. Se questo è l'obiettivo di Salvini, i suoi nemici sono gli italiani"

Matteo Salvini

18.00 - Non è la prima volta che Matteo Salvini, da Ministro dell'Interno, cita Benito Mussolini. Lo aveva fatto almeno tre volte dal 1 giugno scorso, ma l'uscita di oggi è passata meno inosservata del solito e le critiche stanno piovendo da più parti.

Se stamattina ci aveva pensato Federico Fornaro di LeU ad andare all'attacco, chiedendo anche l'intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel corso delle giornata è intervenuto anche Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio e possibile nuovo leader del Partito Democratico - sarà uno dei candidati alle prossime primarie - che in una breve nota ha dichiarato:

Mussolini ha distrutto e umiliato l'italia con un drammatico prezzo di sangue. Se questo è l'obiettivo di Salvini, i suoi nemici sono gli italiani. Ma forse fa queste boutade per nascondere la verità: il governo, a parte le chiacchiere, è un fallimento.

Da Liberi e Uguali è giunto anche il commento di Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, che ha notato come la citazione fatta da Salvini sia giunta - chissà se causalmente o meno - proprio nell'anniversario della nascita di Mussolini, nato a Predappio il 29 luglio 1883:

Che il ministro dell'Interno citi una frase di Benito Mussolini, proprio il giorno della nascita del dittatore che portò l'Italia alla rovina, la dice lunga sulla sua cultura politica, sul suo rispetto della Costituzione e della Repubblica italiana nata dalla Resistenza antifascista. Da oggi lo potremo definire non solo razzista ma anche un nostalgico del fascismo.

Dal Movimento 5 Stelle non sono arrivate dichiarazioni o prese di posizione - e probabilmente non arriveranno, come accade spesso con le uscite fuori luogo di Salvini - ma sorprende anche il silenzio assordante del Partito Democratico - ad eccezione di Zingaretti - che ancora una volta conferma di trovarsi in uno stato di sonno, a cominciare dal segretario generale Maurizio Martina che fa davvero molta fatica ad emergere e farsi notare.

15.00 - "Tanti nemici, tanto onore!": non siamo al bar ma lo scrive sui suoi profili social Matteo Salvini. Il ministro dell’Interno in una domenica estiva sonnolenta e caldissima trova il modo di far parlare di sé rispolverando niente di meno che uno dei più usurati motti fascisti.

Il capo del Viminale ci ha abituati a toni poco istituzionali, per usare un eufemismo, ma fino a questo punto finora non si era arrivati. E c'è chi accusa Salvini di allisciare i neofascisti, presentatosi come il nuovo dux.

Salvini correda il suo "Tanti nemici, tanto onore!" con un articolo di un quotidiano online che riferisce degli attacchi al ministro dell’Interno arrivati negli ultimi giorni da ambienti cattolici, dalla Conferenza dei vescovi a Famiglia Cristiana, e dall’opposizione politica.

Da ultimo ieri il consiglio dell’Isola di Maiorca ha votato all’unanimità Salvini come persona non gradita.

L'espressione appartiene storicamente alla retorica propagandistica di Benito Mussolini. Leggerla oggi sul profilo Twitter del ministro dell'Interno testimonia la volontà di Salvini di sdoganare non soltanto uno degli slogan principe di Mussolini, ma al tempo stesso di lanciare un messaggio chiaro alla destra estrema a riconoscersi nel nuovo Duce, il condottiero impegnato nella battaglia contro i migranti

accusa il capogruppo alla Camera di LeU (Liberi e Uguali) Federico Fornaro.


Il Presidente del Consiglio Conte cosa attende ancora per richiamare pubblicamente Salvini al suo ruolo istituzionale di ministro dell'Interno, totalmente incompatibile con slogan di questo genere?

conclude Fornaro.

"Tanti nemici, tanto onore", le origini dello slogan

Lo slogan mussoliniano "Molti nemici molto onore" non è opera di Giulio Cesare, come diversi altri motti cari al duce, ma sarebbe stato coniato per la prima volta da un generale tedesco del Sacro Romano Impero, Georg von Frundsberg (1473-1528), valoroso condottiero della Casata Asburgica sotto l’imperatore Massimiliano I.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO