Viminale, censimento degli immobili pubblici: guerra ad abusivi e centri sociali

L'annuncio con una circolare del ministero

viminale abusivi centri sociali

Il Viminale dà il via ad una stretta nei confronti degli occupanti abusivi degli immobili pubblici e privati. Con una circolare, il ministero dell’Interno avvia un censimento in tutte le province italiane da portare a termine con rapidità e con lo scopo di individuare tutti coloro i quali occupano case ed edifici senza averne titolo. L’obiettivo è quello di andare a colpire anche migranti irregolari e centri sociali, ma sono previste delle misure a tutela di soggetti “fragili” e minori.

Per queste categorie, la circolare del Viminale dispone interventi a carico dei Servizi sociali dei Comuni, purché sia appurato che i soggetti fragili o minori non possano ricevere aiuto da altre strutture o parenti. Solo dopo lo sgombero, in ogni caso, partiranno gli accertamenti che potrebbero consentire ad alcuni dei soggetti abusivi di rientrare all’interno dell’assistenza pubblica. Gli sgomberati che non si trovano in situazioni di “fragilità”, dispone ancora il ministero dell’Interno, sono previste "forme più generali di assistenza nell'immediatezza dell'evento".

L’obiettivo è quello di innalzare il livello di sicurezza sul territorio e dare una maggiore tutela alla proprietà privata. Entro fine settembre sarà lo stesso Viminale a fare il punto sullo stato delle operazioni e i risultati ottenuti. Intanto, dal 5 settembre sarà a disposizione di polizia e carabinieri di 12 città italiane il taser, la pistola elettrica non letale. La sperimentazione, secondo Matteo Salvini, "aiuterà migliaia di agenti a fare meglio il loro lavoro".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO