Che legame c'è (davvero) tra Atlantia (Autostrade) e GEDI (Repubblica, L'Espresso ecc.)?

Il MoVimento 5 Stelle ha diffuso una mappa del "potere dei Benetton".

La mappa del potere dei Benetton

Semplificare non è sempre la via più giusta per informare. Il MoVimento 5 Stelle, che i social li sa sfruttare molto bene, in questi giorni ha un po' esagerato. Tramite Facebook, infatti, ha diffuso questa immagine, preparata da Stefano Buffagni, che attualmente ricopre un ruolo di rilievo, quello di sottosegretario di Stato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L'immagine diffusa è questa:

La mappa del potere dei Benetton

Risultato: l'utente medio di Internet, che non ha letto né la didascalia di Buffagni (anche perché l'immagine in questione ha cominciato a "girare" senza il commento del sottosegretario), ha capito che Atlantia "possiede" tutte le aziende a cui è stata collegata con le freccette in questa immagine.

Per capire invece qual è stato il "lavoro" reale del MoVimento 5 Stelle nell'arrivare a questa enorme (anzi esagerata) semplificazione, bisogna andare sul Blog delle Stelle e ripescare il post intitolato "La mappa del potere dei Benetton", pubblicato senza firma. Nel post si accusano i giornali appartenenti a Gedi Editoriale e Caltagirone Spa di aver "difeso a spada tratta Atlantia e i Benetton" dopo il crollo del ponte Morandi di Genova.

Intanto facciamo due premesse (conoscendo le possibili reazioni dei nostri stessi lettori): Blogo non appartiene ad alcuna di quelle società, è indipendente, dunque osserva la realtà da esterno; sempre da osservatori esterni, non abbiamo notato una "difesa a spada tratta" da parte dei giornali citati dal M5S nei confronti di Atlantia, anzi, L'Espresso e la Repubblica hanno pubblicato documenti riservati ed evidenziato le pecche della concessione ad Autostrade (come del resto hanno fatto anche Luigi Di Maio e Danilo Toninelli). Dunque non capiamo le ragioni del vittimismo (o complottismo?) del post del M5S su questo specifico caso.

Specifichiamo anche che riteniamo egregio lo sforzo profuso per redigere la mappa dei collegamenti tra i Benetton e le aziende citate, ma, appunto, il problema è che si rischia di "peccare di semplificazione".

I collegamenti individuati nella mappa diffusa dal M5S, infatti, riguardano singole persone e, per esempio, nel caso specifico di GEDI Gruppo Editoriale, società molto importante perché possiede una gran parte di quotidiani e periodici italiani (da la Repubblica all Espresso, da La Stampa a Il Secolo XIX e Radio Deejay, solo per citarne alcuni), il link sarebbe rappresentato solo da Monica Mondardini, manager molto stimata che fino ad aprile scorso era amministratore delegato di GEDI e ora è vicepresidente, dopo aver ceduto il ruolo precedente a Laura Cioli. Mondardini siede anche nel Consiglio di Amministrazione di Atlantia, il gruppo che possiede Autostrade per l'Italia. Da qui a dire che Atlantia possiede GEDI ce ne vuole... Ma purtroppo è stato proprio questo il messaggio che è passato a causa della semplificazione fatta da Buffagni.

Ora, noi non sospettiamo minimamente che il sottosegretario non abbia agito in buonafede, perché nel suo profilo spiegava che il collegamento individuato era, appunto, nella persona di Monica Mondardini, ma che ci sia un peccato di semplificazione appare più che evidente, soprattutto a causa dell'ingenuità e della fretta che hanno gli utenti nel leggere le notizie sui social network e anche nella grande voglia di giungere a conclusioni che sono molto lontane dalla realtà.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO