Ponte Morandi, la Liguria chiede una legge speciale per la ricostruzione

Approvata all'unanimità durante la seduta straordinaria congiunta di oggi, martedì 4 settembre.

Il Consiglio regionale della Liguria e il Consiglio comunale di Genova, oggi riuniti in una seduta straordinaria congiunta, hanno ufficialmente chiesto al governo di Giuseppe Conte una legge speciale che punti a snellire le complesse procedure per la ricostruzione del ponte crollato lo scorso 14 agosto.

Una legge ad hoc che serva a velocizzare l'affidamento dei lavori di progettazione e ricostruzione del viadotto Morandi, ma anche di far fronte all'emergenza dei cittadini come accade nei casi di terremoto o altre calamità naturali, dalla sospensione dei tributi a quella dei mutui.

La richiesta, approvata oggi all'unanimità, include anche la nomina di un commissario straordinario per la ricostruzione e tutta una serie di strumenti collaterali "quali ad esempio l'istituzione di una zona economica speciale, che prevedano finanziamenti e misure specifiche di carattere economico e fiscale, compresi strumenti di integrazione salariale a favore delle attività economiche coinvolte e l'attivazione di specifici ammortizzatori sociali".

Giusto ieri Edoardo Rixi, Sottosegretario del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, aveva escluso la possibilità di una legge speciale, perchè a suo dire non sarebbe la strada più veloce da seguire:

Il rischio è di trovarsi a discutere di questa norma dopo la finanziaria e questo non sarebbe un bene per la città. Non sono ancora in grado di fare anticipazioni, torneremo sull'argomento nelle prossime settimane, ma abbiamo l'urgenza di fornire risposte per una tragedia che non è solo genovese ma è anche un banco di prova della capacità italiana di reagire alle difficoltà.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO