Video: Salvini indagato per sequestro di persona aggravato. Lui ne approfitta per fare una sceneggiata

L'"unpacking" dell'atto giudiziario in diretta Facebook forse è un po' troppo...

Al ministro dell'Interno Matteo Salvini oggi hanno consegnato un atto giudiziario della Procura di Palermo con il quale gli è stato comunicato che risulta indagato per sequestro di persona aggravato in relazione alla decisione di tenere fermi sulla nave Diciotti della Guardia Costiera i migranti che erano stati salvati in acque maltesi. Il reato è aggravato perché è durato per più giorni e c'erano anche dei minori.

La Procura di Palermo ha anche diffuso una nota in cui viene riportato quanto comunicato a Salvini:

"Questo ufficio ha richiesto al tribunale di Palermo, collegio speciale per i reati cosiddetti ministeriali, di procedere ad indagini preliminari nei confronti del ministro dell’Interno, senatore Matteo Salvini, per il reato di sequestro di persona aggravato (artt. 81 e 605, commi 1, 2n. 2 e cod. Pen), commesso nel territorio siciliano fino al 25 agosto 2018, in pregiudizio di numerosi soggetti stranieri; ciò, in ossequio alle disposizioni della legge costituzionale n. 1 del 1989 e della legge n. 219 del 1989. Dell’avvio di tale procedura è stato dato avviso al senatore Salvini ed è in corso la notifica degli avvisi ai soggetti da ritenersi persone offese del reato ipotizzato, come previsto dalla legge costituzionale sopra citata. Ai sensi delle sopra indicate disposizioni di legge, la competenza a svolgere le indagini appartiene al cosiddetto tribunale dei ministri; nessun atto di indagine è stato quindi compiuto da questa Procura, che ha pertanto proceduto esclusivamente sulla base degli atti ricevuti e degli elementi, in fatto e in diritto, allo stato dagli stessi ricavabili"

Salvini dice di essere pronto a farsi interrogare anche domani e ribadisce che rifarebbe tutto quello che ha fatto, ma il video che potete vedere qui sopra è, francamente, eccessivo. Il ministro fa una vera e propria sceneggiata, con tanto di pause, cambi di tono, elenchi numerati con le dita (di berlusconiana memoria), fino all'appendere l'atto al muro perché la considera una "medaglietta". Tutto questo in diretta su Facebook. Ne ha anche approfittato per nominare alcuni dei suoi nemici più noti, da Roberto Saviano a Fiorella Mannoia.

Un video di 12 minuti che sembrano eterni, in cui Salvini fa sfoggio di tutta la sua abilità istrionica, sottolineando come i cittadini siano suoi "complici". Non entriamo nel merito dell'indagine, ma quello che vogliamo sottolineare è che la comunicazione di Salvini in questo video è a dir poco stucchevole. Va bene comunicare direttamente con i cittadini, ma tutta questa sceneggiata è troppo, come se non aspettasse altro che fare la vittima delle "toghe rosse" (anche questa una mossa di berlusconiana memoria).

Poco dopo Salvini ha anche postato un altro breve messaggio (e ci chiediamo se non bastasse questo):

"Rischio fino a 15 anni di carcere per aver difeso i confini e gli Italiani?
Ne sono orgoglioso, lo rifarei e lo rifarò ancora.
Vi voglio bene Amici, grazie per l’affetto!
#iononmollo"

Salvini sceneggiata con atto giudiziario

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO