Martina sul governo: "in cento giorni fatti zero ma tanti danni"

L'intervento del segretario dem alla Festa dell'Unità di Ravenna

martina governo zero fatti tanti danni

Il segretario del Pd Maurizio Martina all'attacco del governo Conte: "in cento giorni fatti zero, danni tanti" spiega l'ex Ministro delle Politiche agricole e forestali dal palco della Festa dell'Unità di Ravenna. Quali sono questi danni? Martina ne cita "principalmente uno": questo è un esecutivo non di chi governa, ma di chi "di fronte al problema, non cerca la soluzione, ma il nemico"

"Così si sfascia il Paese" dice il segretario dem che poi si rivolge al Ministro dell'Interno Matteo Salvini invitandolo innanzitutto a rispettare la Costituzione. Secondo Martina "la vergogna delle parole di Salvini va combattuta. Caro Salvini, ti dico io da qui prima gli italiani: tu c'entri, non eri altrove, eri lì, quelle risorse sono risorse dei cittadini italiani, restituisci quei 49 milioni, non sei al di sopra della legge". Il riferimento è al sequestro dei fondi della Lega da parte della magistratura per la truffa allo Stato della gestione Bossi-Belsito.


Martina se la prende anche con il Ministro dello Sviluppo-Lavoro Luigi Di Maio per le sue "bugie" sull'Ilva: "sono andati in giro, in lungo e in largo, a cercare fantomatiche soluzioni, salvo poi chiudere la partita esattamente nel solco del lavoro che i governi del Pd avevano costruito. Caro Di Maio, se hai una faccia sola, chiedi scusa a Taranto e all'Italia per le bugie che hai raccontato e per le falsità che hai venduto prima della campagna elettorale e anche dopo".

Secondo Martina infatti Di Maio e company "hanno confermato il lavoro che abbiamo fatto noi e ci hanno fatto costare questa sceneggiata 80 milioni di euro. Su quale conto lo mettiamo, caro Di Maio, chi paga?"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO