Carlo Calenda annulla la cena: "In questo contesto è inutile e dannoso"

calenda invito a cena per salvare il pd

Aggiornamento ore 22:10 - Carlo Calenda ha fatto sapere con un tweet di aver cancellato la cena a casa sua a causa delle eccessive polemiche interne al Pd.

17 settembre 2018 - Il primo a raccogliere pubblicamente l'invito a cena di Carlo Calenda è stato l'ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che, intervenendo ieri sera alla Festa dell'Unità a Modena, ha accettato l'incontro, ma ha sottolineato che non sarà una cena a risolvere i problemi del Partito Democratico:

Figurati se si rifiuta questo invito. Se si fa e c'è questo invito non è una cosa a cui si può rinunciare. Detto questo, se qualcuno pensa che i problemi del Pd si risolvono perché alcune persone si vedono a cena, forse non ha esattamente chiaro cosa sia il Partito Democratico. Il Pd ha bisogno con urgenza di una cosa che comincia per "C" e che non è cena, e si chiama grossomodo Congresso.

Giusto ieri il segretario Maurizio Martina aveva confermato il Congresso, senza dare una data, e le successive primarie nel mese di gennaio 2019.

Scioglimento del Pd? Calenda invita a cena Renzi, Gentiloni e Minniti

Dopo la proposta del presidente del PD Matteo Orfini di sciogliere il partito e rifondarlo oggi si muove Carlo Calenda. L’ex ministro dello sviluppo, da sempre fautore di una svolta per un nuovo PD, con un tweet pubblico, da cui si attende risposte anche private, invita a cena a casa sua l’ex premier Paolo Gentiloni, l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti e l’ex premier Matteo Renzi.

Calenda replica al saggista e giornalista Giuliano da Empoli, uno dei consiglieri di Renzi, che su Twitter aveva scritto: "La Storia non sarà clemente con i quattro leader del Pd, Renzi, Gentiloni, Calenda, Minniti che condividono la stessa linea politica se per ragioni egoistiche non riusciranno a sedersi intorno a un tavolo per impedire la deriva del PD verso l’irrilevanza e la sottomissione al M5S".

Calenda risponde: "Hai ragione Giuliano. Questo è un invito formale. Vediamoci @PaoloGentiloni @matteorenzi #minniti. Per essere operativi e per limiti miei di movimento: martedì da me a cena. Invito pubblico per renderlo più incisivo ma risposta privata va benissimo"

L’idea di Orfini di sciogliere il PD non è piaciuta per niente a Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria avversato dai renziani che non avendo ancora un proprio candidato - è il ragionamento dello staff del governatore del Lazio - cercano ogni scusa possibile per rinviare il congresso e la nomina del nuovo segretario: da qui la mossa di Orfini di cambiare nome e simbolo al partito.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO