Sondaggi politici 2014: crolla Forza Italia

Al primo posto, stabile il Partito Democratico.

a:2:{s:5:"pages";a:19:{i:1;s:0:"";i:2;s:19:"Sondaggi 4 febbraio";i:3;s:25:"Sondaggi 17 dicembre 2013";i:4;s:20:"Sondaggi 13 dicembre";i:5;s:20:"Sondaggi 10 dicembre";i:6;s:24:"Sondaggi 6 dicembre 2013";i:7;s:20:"Sondaggi 29 novembre";i:8;s:20:"Sondaggi 26 novembre";i:9;s:20:"Sondaggi 22 novembre";i:10;s:20:"Sondaggi 19 novembre";i:11;s:19:"Sondaggi 8 novembre";i:12;s:19:"Sondaggi 29 ottobre";i:13;s:19:"Sondaggi 22 ottobre";i:14;s:19:"Sondaggi 18 ottobre";i:15;s:19:"Sondaggi 11 ottobre";i:16;s:18:"Sondaggi 4 ottobre";i:17;s:27:"I sondaggi del 27 settembre";i:18;s:18:"Sondaggi 14 giugno";i:19;s:53:"4 giugno: confermato il calo del Movimento 5 Stelle
";}s:7:"content";a:19:{i:1;s:8423:"

I sondaggi politici trasmessi da Agorà e condotti da Ixè mostrano come il calo di Forza Italia sia continuo e porti il partito guidato da Silvio Berlusconi addirittura al 16,8%. Le previsioni più funeste si stanno dunque avverando, tanto che il Movimento 5 Stelle, al 25,3% e in leggera crescita, è lontano ormai otto punti e mezzo. Al primo posto rimane stabile il Pd, che cresce ancora e arriva al 33,5%.

Tra i partiti minori, la Lega Nord è al 4,6%, il Nuovo Centrodestra al 4,4%, Fratelli d'Italia al 3,4% e Sel al 2,7%.

Sondaggi venerdì 11 aprile

Sondaggi Politici 28 Marzo 2014

Anche per venerdì 11 aprile 2014 la trasmissione di Raitre Agorà ha commissionato dei sondaggi a Ixè per valutare le intenzioni di voto degli italiani.

Il Pd è sempre il primo partito e nell'ultima settimana ha visto incrementare il suo consenso dello 0,1%. Cala leggermente il Movimento 5 Stelle, che perde lo 0,6%, mentre Forza Italia passa, tra il 4 e l'11 aprile, dal 16,9% al 17,2%. Scende sotto il 4% il Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano e tra i partiti minori guadagnano, sempre pochissimo, Scelta Civica (+0,3%), Sel (+0,2%), Italia dei Valori e Fratelli d'Italia+An (per entrambi +0,1%).

Se si votasse oggi gli indecisi sarebbero il 19,4% secondo le stime di Ixè, gli astenuti o coloro che lascerebbero la scheda bianca il 25,1%, quindi in totale chi non ha ancora scelto un partito è il 44,5%.
Diminuisce il numero di coloro che non hanno intenzione di andare a votare: passano dal 49,3% del 7 marzo al 44,5% dell'11 aprile.
Per quanto riguarda le coalizioni, secondo le intenzioni di voto raccolte da Ixè è avanti quella di centrosinistra con il 38,2%, poi il centrodestra con il 32,1% e infine il Movimento 5 Stelle (che è solo) con il 24,9%.

Nello specifico è stato chiesto agli intervistati chi voterebbero se le elezioni europee fossero oggi e per il 32,2% le preferenze darebbero al Pd, in aumento in una settimana, mentre calano i consensi per il M5S che passa dal 26,1% del 4 aprile al 25,2% di oggi, crescono invece Forza Italia (dal 18,6% al 19,1%) e Nuovo Centro Destra-UDC-PPE (dal 4,9% al 5,3%).

Per quanto riguarda la fiducia nei leader, Renzi è colui che ha più consensi, anche se ha perso l'1% in una settimana (dal 59% al 58%), stessa percentuale che ha invece guadagnato Giorgio Napolitano (dal 39% al 40%). Il calo più vistoso è quello di Beppe Grillo, dal 32% al 29% in sette giorni. Secondo il 55% degli intervistati, inoltre, Renzi sta mantenendo le promesse.

Sondaggi politici 28 marzo 2014


Gli ultimi sondaggi politici parlano chiaro: se si andasse a votare oggi, il 31,7% degli elettori scegliere il Partito Democratico, in aumento di un punto percentuale rispetto a quanto emerso il 21 marzo scorso dal sondaggio realizzato da Ixè per la trasmissione televisiva Agorà.

Con le elezioni europee sempre più vicine, il 28 marzo è stato il Movimento 5 Stelle ad avere segnato un balzo maggiore, arrivando dal 22,4% del 21 marzo al 24,6% di venerdì scorso. Forza Italia, invece, continua a cadere registrando un calo del 2,8%: oggi solo il 18,4% degli elettori sceglierebbe il rinato partito di Silvio Berlusconi.

Lega Nord sale di quasi due punti percentuale (5,5%) seguito dal Nuovo Centrodestra che si ferma al 3,9% davanti a Fratelli d’Italia, Sel, UDC e Scelta Civica.

Il motivo del calo di fiducia nei confronti di Forza Italia è strettamente collegato proprio alla fiducia nell’ex premier e ormai ex cavaliere Silvio Berlusconi., scesa secondo lo stesso sondaggio di due punti percentuale fino al 16%.

Matteo Renzi, seppur in calo, domina la classifica con il 57%, seguito da Giorgio Napolitano al 40% (entrambi scesi del 3%), mentre Beppe Grillo resta al terzo posto, ma registra un aumento nella fiducia del 4% e sale al 30%.

Il partito del non voto, invece, continua lentamente a scendere e passa dal 47,6% del 21 marzo 2014 al 45,8% del 28 marzo.

Sondaggi Politici 28 Marzo 2014

Il Pd è primo partito, Forza Italia insegue. Cresce la Lista Tsipras

Tre sono i sondaggi politici in vista delle Elezioni Europee del 14 marzo e l’esito dell’elaborazione dei dati sulle intenzioni di voto è piuttosto uniforme con il Partito Democratico in testa e Forza Italia che insegue con un distacco di 6 punti per Tecnè (30,4% Pd e 24,4% Fi), 5 punti per Ghisleri/Euromedia (28,5% Pd e 23,5% Fi) e 4,5 punti per Ipr Marketing (28% Pd e 23,5% Fi).

Il terzo partito resta il Movimento 5 Stelle dato al 23,1% da Ghisleri/Euromedia, al 21,4 da Tecnè e al 24% da Ipr Marketing.

La crescita più decisa, nelle ultime settimane, è stata quella della Lista Tsipras che viene data al 4,9% da Ghisleri/Euromedia, al 5,4% da Tecnè e al 4% da Ipr Marketing.

Ma il partito più folto resta quello dei rassegnati, di color che hanno espresso indecisione oppure l’intenzione di astenersi o di lasciare la scheda bianca: al 36,8% per Ghisleri/Euromedia e al 45% per Ipr Marketing, per Tecnè il partito del non voto sarebbe addirittura il più folto, con il 51,1%.

Sondaggi politici 13 febbraio

I sondaggi Ipsos mostrano un Partito Democratico quasi dieci punti sopra Forza Italia con il 33%. Il Movimento 5 Stelle segue con il 21,4%. Dopo di loro i partiti minori, tra cui Ncd al 5,6%; la Lega Nord al 3,1% e Sel al 2,5%. Se si voterà con l'Italicum, al primo turno la spunterebbe il centrodestra con il 37,5%, mentre il centrosinistra resterebbe indietro di un punto.

Se invece il centrosinistra riuscisse a conquistare il secondo turno, sarebbero Pd e alleati a conquistare la maggioranza di governo. Niente da fare, invece, se per caso il Movimento 5 Stelle dovesse conquistare il secondo turno: sarebbe sconfitto sia da centrosinistra che da centrodestra.

Sondaggi politici 13 febbraio

Sondaggi politici 11 febbraio

Sondaggi 11 febbraio

Nei sondaggi politici trasmessi ieri sera dal TgLa7 (firmati Emg) non si muove un granché: i grandi partiti guadagnano qualcosa - come nel caso del Partito Democratico che guadagna lo 0,7 e arriva al 29,7% - o arretrano un poco - come nel caso di Forza Italia che perde lo 0,4 e scende al 21%. Il Movimento 5 Stelle invece rimane sostanzialmente fermo al 24%. Nel complesso delle coalizione è il centrodestra a essere in vantaggio, ma solo al primo turno e di un soffio: 35 contro 34,8%. Al secondo turno (visto che nessuna delle coalizioni arriva al 37%) invece vincerebbe il centrosinistra, con il 52,2%. Nella gallery, tutti i dettagli.

Gallery: sondaggi 11 febbraio

Sondaggi 7 febbraio

Il Partito Democratico resta di gran lunga il primo movimento in Italia con il 30,7% dei voti - secondo i sondaggi Ixé trasmessi stamane ad Agorà - ma perde qualcosa: lo 0,7%. Il M5S continua a crescere, "merito" del corso ancor più radicale intrapreso nell'ultima settimana che evidentemente ha galvanizzato gli elettori: 22,8% (+1,7%). Forza Italia perde un punto secco e scende al 21,8%. Interessante notare come la somma di quanto perdono Pd e Fi sia esattamente quanto guadagna l'M5S.

Stabile la Lega Nord al 3,6%, scende ancora il Nuovo Centrodestra al 3,4%. Sel è data al 3%, l'Udc al 2,6%, Fratelli d'Italia al 2,3%. Nel complesso il centrosinistra è in avanti con il 35,7% sul 35,4% del centrodestra.

sondaggi

";i:2;s:6131:"

Sondaggi 4 febbraio

Sondaggi 4 febbraio

4 febbraio. I nuovi sondaggi Emg trasmessi ieri dal TgLa7 non mostrano grandi scossoni. Guadagna qualcosa il Movimento 5 Stelle, perde pochissimo il Partito Democratico e anche Forza Italia. La cosa più importante è che, nonostante l'ingresso dell'Udc nelle sue fila, la coalizione di centrodestra non riuscirebbe comunque a conquistare il premio di maggioranza. Resta però in vantaggio di quasi un punto su quella del centrosinistra.

Gallery: sondaggi 4 febbraio

Il Movimento 5 Stelle guadagna mezzo punto, si può parlare di successo della linea oltranzista? In verità i sondaggi non sono in grado di essere precisi fino al mezzo punto percentuale; quel che è sembrerebbe, almeno, è che la bagarre scatenata non ha fatto perdere voti. Probabilmente nelle prossime settimane si capirà meglio come l'elettorato ha reagito alle azioni del M5S. Tutti i numeri nella gallery.

Sondaggi 28 gennaio

Sondaggi politici 2014

28 gennaio Tornano i sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7 di Enrico Mentana. E mostrano un Pd in netto calo (ma con il centrosinistra avanti di poco sul centrodestra), una Forza Italia che si rafforza e un Movimento 5 Stelle che cresce parecchio. Probabile che il Partito Democratico paghi per l'intesa di Matteo Renzi con l'arcinemico Silvio Berlusconi, e che di conseguenza sia il Movimento 5 Stelle a essere premiato. I dettagli nella gallery.

Gallery: sondaggi politici 2014

Sondaggi 24 gennaio

sondaggi

24 gennaio 2014 I sondaggi Ixè trasmessi ad Agorà raccontano di un Partito Democratico ancora in crescita, che sale al 31,1%. Secondo partito Forza Italia al 22,3% (in risalita netta) e che quindi supera il Movimento 5 Stelle, in leggera discesa al 21,8%. Il Nuovo Centrodestra, che all'inizio veniva valutato su cifre quasi doppie a quelle di questi giorni, scende ancora e arriva al 3,7%, stesso risultato per la Lega Nord. Sel stabile al 2,9%, perde qualcosa Fratelli d'Italia al 2,1.

sondaggi politici 2014 - 21 gennaio ipsos 2

21 gennaio 2014 - Arrivano i sondaggi dell'Ipsos per Ballarò, come al solito illustrati da Nando Pagnoncelli, che confermano sostanzialmente il rapporto di forza fra quelle che sono diventate le prime tre forze del paese (almeno sulla carta dei sondaggi) e che sarebbero anche gli unici tre partiti rappresentati in parlamento se passasse l'Italicum e se NCD e Centro corressero da soli.

Il partito democratico prenderebbe il 33,2%. Forza Italia si attesta in seconda posizione al 22,7% e il Movimento Cinque Stelle consolida la propria terza posizione con il 20,8%.
Il resto è stato fondamentalmente spazzato via. L’avventura di Alfano con il Nuovo Centrodestra non va oltre il 6,4%. La Lega Nord è ai minimi storici: 3,5%. L’UDC è al 3,0%, Scelta Civica racimola un 2,6%, Fratelli d’Italia-AN il 2,5%, Sel il 2,3%. Tutti gli altri sommati non superano il 3%.

Sondaggi politici 2014 - 21 gennaio 2014 Ipsos

21 gennaio - Euromedia I sondaggi Euromedia pubblicati oggi da Il Giornale raccontano di un Partito Democratico sempre al primo posto con il 29,1%, segue Forza Italia al 22%, Movimento 5 Stelle al 21,8%. Dei partiti minori, nessuna supera la soglia di sbarramento del 5% prevista con l'Italicum per chi si coalizza, quindi nel prossimo Parlamento entrerebbero tre soli partiti.

17 gennaio 2014: il Pd fa segnare una battuta d'arresto nella sua crescita (dopo il +0,8% della settimana scorsa, ecco il -0,9% di oggi, alla vigilia dell'incontro fra Berlusconi e Renzi) e si attesta al 30,4%.

Il Movimento 5 Stelle sale lievemente al 22,3% (+0,2%), Forza Italia è al 21,2% (-0,2%).

10 gennaio 2014: Il Partito Democratico continua a crescere. Secondo Ixè, si attesta sopra al 30% in maniera stabile. Cresce anche il Movimento 5 Stelle, al 22,1%: la compagine di Beppe Grillo è il secondo partito. Anche Forza Italia beneficia dell'effetto-Berlusconi: 21,5% per il condannato e decaduto ex presidente del consiglio.

Agli altri resta poco o nulla.

Sondaggi politici 2013

I sondaggi sbagliano spesso, ma quando sono tutti, proprio tutti, d'accordo, allora forse è il caso di prenderli un po' più sul serio. E nelle ultime settimane i principali istituti di rilevazioni hanno concordato su un fatto: il Partito Democratico guadagna parecchio dalla nuova segreteria firmata Matteo Renzi. Mentre il Movimento 5 Stelle è in sofferenza. Molto probabilmente per la stessa ragione, e cioè che molti elettori M5S sono attratti - per quanto sembri paradossale - dal nuovo Pd.

Lo confermano anche i sondaggi Ixè trasmessi stamane ad Agorà. Che mostrano un Pd che guadagna ancora e supera il 30%, mentre il Movimento 5 Stelle arretra ed è soltanto un soffio sopra Forza Italia, che ormai si è stabilizzata attorno al 20%.

Tra i partiti minori continua a stare tra il 4 e il 5% il Nuovo Centrodestra di Alfano, mentre perdono qualcosa sia la Lega Nord (il nuovo corso di Salvini all'insegna dell'antieuropeismo non sembra essere premiato, per il momento) che Sel.

";i:3;s:1259:"

Sondaggi 17 dicembre 2013

Sondaggi 17 dicembre

Non si ferma l'effetto Renzi: conclusa la prima settimana da segretario del Partito Democratico, i sondaggi premiano le attese che si registrano attorno al rottamatore e il Pd arriva al 31% (secondo i sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7). Da notare come si stia fortemente ridimensionando Sel, che è ormai arrivata al 2,7%.

Gallery: sondaggi 17 dicembre

Perde parecchio anche la "costola" di Forza Italia, e cioè Ncd, che arriva al 4,1%. Mentre il partito di Silvio Berlusconi guadagna ancora qualche decimale. Brutte notizie per il Movimento 5 Stelle, che da qualche settimana è in trend negativo e che subisce un altro arretramento, pur restando sempre sopra quota 20%. Si tratta con tutta probabilità dello spostamento di voti causato da Renzi e che ha portato allo scontro con Grillo.

Tutti i numeri nella gallery.

";i:4;s:732:"

Sondaggi 13 dicembre

I sondaggi politici Ixè trasmessi ad Agorà confermano la stessa dinamica di quelli del lunedì di Enrico Mentana: l'effetto Renzi rafforza il Pd e indebolisce il Movimento 5 Stelle. E così, il Partito Democratico sale di oltre due punti percentuali e si avvicina alla soglia del 30%, mentre il M5S perde un punto e mezzo e scende al 21,9%.

A questo punto è Forza Italia che ne insidia la seconda piazza: 21,3%. Con il Nuovo Centrodestra che perde qualcosa ma è attorno al 5%. Si muovo poco dalle altri parti, anche se c'è da segnalare che la Lega Nord del nuovo corso di Matteo Salvini arriva al 4% crescendo di mezzo punto.

";i:5;s:1380:"

Sondaggi 10 dicembre

Sondaggi politici 10 dicembre

L'effetto primarie e della nuova segreteria firmata Matteo Renzi si fa già sentire nei sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7. Il Partito Democratico infatti guadagna quasi un punto e arriva poco sotto il 30%. Numeri che probabilmente si consolideranno settimana prossima sotto la spinta dell'entusiasmo di queste primarie (che rischiavano di essere un flop e invece si sono dimostrate un successo) e della immagine "nuova" di Matteo Renzi. Poi si capirà che tipo di partito ha in mente l'ex rottamatore.

Per il momento a farne le spese è il Movimento 5 Stelle: tra gli elettori M5S non sono pochi i simpatizzanti di Matteo Renzi (che poi è la ragione per cui Grillo lo attacca così di frequente), ed evidentemente un certo flusso elettorale tra i due partiti c'è. Il partito di Grillo perde un punto e scende al 22,3%.

Forza Italia guadagna qualcosa e sale al 20,6%, mentre il Ncd di Alfano continua a scendere e al momento vale all'incirca il 5%. Tutti i numeri nella gallery.

Gallery. Sondaggi politici 10 dicembre

";i:6;s:1548:"

Sondaggi 6 dicembre 2013

I numeri di Forza Italia e Nuovo Centrodestra continuano a consolidarsi.

Dopo un periodo in flessione il Partito Democratico, proprio alla vigilia delle primarie Pd, trova un po' di slancio e torna sopra il 27%. Il risultato è che viene notevolmente staccato il Movimento 5 Stelle, che perde parecchio e in una sola settimana, scendendo al 23,3%. In una fase del genere, e soprattutto nella settimana successiva al V3Day è difficile capire come mai il M5S perda consensi. Sempre che non sia l'effetto Renzi, considerando che, nonostante possa sembrare strano, sono in tanti i "grillini" attratti dal Sindaco di Firenze (che poi è la ragione per cui Grillo lo attacca un giorno sì e l'altro pure).

Forza Italia rimane stabile appena sopra il 20%, come stabile è anche il Nuovo Centrodestra: 5,3%. Ormai i numeri attorno al partito di Alfano si stanno consolidando ed è probabile che si possa iniziare a dare un certo credito a ciò che i sondaggisti rilevano. Segue Sel al 3,7%, la Lega Nord al 3,5% e via via gli altri.

Numeri insomma che non stanno subendo grandi scosse, ma potrebbe anche essere una sorta di quiete prima della tempesta, considerando che entro breve tutti i partiti, da Forza Italia al Pd passando per il M5S, potrebbero dare il via alla battaglia per le prossime elezioni che si iniziano a intravedere all'orizzonte.

";i:7;s:1319:"

Sondaggi 29 novembre

La decadenza di Berlusconi fa bene a Forza Italia: nel giro di soli 7 giorni il partito del Cavaliere guadagna qualcosa come 3,3 punti percentuali e sale al 20,6% (questo secondo i sondaggi Ixe di questa mattina ad Agorà). Inutile girarci attorno: ogni volta che Berlusconi si trova nelle condizioni di essere "vittima di qualche persecuzione" il suo popolo si stringe caloroso attorno a lui. Ne fa le spese, ma solo in parte, il Nuovo Centrodestra, che scende di un punto al 5,2%.

Il Partito Democratico cede ancora qualche decimale. Al momento si trova al 26,7. Una posizione non ideale quando manca poco più di una settimana alle primarie Pd. Di tempo per tornare a essere il partito da 30% dei voti che i democratici vogliono essere ce n'è ancora parecchio, ma solitamente la stagione delle primarie regalava altri numeri agli uomini del Pd.

Il Movimento 5 Stelle è al 24,5%, perde qualcosa ma rimane su livelli molto elevati. E, soprattutto, il V3Day di domenica potrebbe regalare nuove soddisfazioni a Beppe Grillo e ai suoi.

";i:8;s:1351:"

Sondaggi 26 novembre

Sondaggi 26 novembre

Grossi scostamenti nei sondaggi elettorali Emg andati in onda su La7 ieri sera, che mostrano come al Pd non sia sufficiente la stagione delle primarie e l'offensiva a tutto campo di Matteo Renzi per conquistare voti. E questo perché l'essere il partito di riferimento delle larghe intese (ancora più dopo la rottura del Pdl) è qualcosa che si paga. Si paga tanto più nel momento in cui si vota la fiducia a un ministro, Cancellieri, che si trova nell'occhio del ciclone: il Pd scende di quasi due punti e arriva al 28,2%.

Nel campo del centrodestra - che come coalizione è in vantaggio sul centrosinistra - inizia a sgonfiarsi il partito di Angelino Alfano (come predetto da Alessandra Ghisleri), che cede oltre un punto e cala al 5,8%; mentre Forza Italia guadagna e sale al 19,6%.

Infine il Movimento 5 Stelle, che nel marasma dei partiti di governo, come al solito, raccoglie il voto degli scontenti, mette in tasca oltre un punto e mezzo e sale al 23,6%. Tutti i numeri nella gallery.

Gallery: sondaggi 26 novembre

";i:9;s:1140:"

Sondaggi 22 novembre

I sondaggi Ixe trasmessi stamane ad Agorà smentiscono quanto finora si è detto: che Forza Italia e il Nuovo Centrodestra assieme valgano di più del solo Pdl. Secondo questi numeri, infatti, Forza Italia sarebbe al 17,3%, Ncd al 6,2%. La somma fa 23,5% e quindi un punto in meno del 24,4% che il Pdl aveva raccolto settimana scorsa. Numeri che quindi smentiscono, in parte, anche le voci di un possibile accordo tra Berlusconi e Alfano per rafforzare il centrodestra (o quanto meno che si tratti un piano riuscito).

Torna invece a crescere il Partito Democratico, che guadagna mezzo punto rispetto a sette giorni fa e arriva al 27,3%. Ma dove il Pd guadagna, Sel continua a perdere, scendendo al 4,1% (-0,6), molto probabilmente a causa dello scandalo Ilva che ha coinvolto il leader del partito Nichi Vendola.

Stabile il Movimento 5 Stelle, che perde qualche decimale ma rimane altissimo attorno al 25%. Con la scissione del Pdl, il partito guidato da Beppe Grillo è ormai stabilmente la seconda forza in Italia.

";i:10;s:3551:"

Sondaggi 19 novembre

Sondaggi politici 19 novembre

Si conferma quanto già affermato dai primissimi sondaggi su Forza Italia e il Nuovo Centrodestra: divisi Alfano e Berlusconi riescono a mettere assieme più voti di quanti non facessero assieme. Merito probabilmente della capacità dell'ex delfino di andare a racimolare voti dai democristiani in cerca di casa (e qualcuno ce ne sarà pure, visto che Scelta Civica e l'Udc sono ai minimi termini) e della nuova Forza Italia di ringalluzzire quanti non si sono mai appassionati al più tradizionale Pdl.

Gallery: sondaggi politici 19 novembre

E così Forza Italia al 18,1% e Nuovo Centrodestra al 7,1 assieme prendono oltre un punto percentuale in più rispetto al Pdl. Niente di eccezionale, e meno dei 5 punti abbondanti di vantaggio che altrove venivano assegnati, ma comunque un segnale più che positivo. Soprattutto visto che gli alleati non risentono della situazione e quindi è il centrodestra tutto a guadagnare.

Nel centrosinistra il Pd rimane primo partito al 30%, ma è Sel che deve iniziare a preoccuparsi: da settimane le sue performance non sono brillanti, e adesso ci si mette pure lo scandalo Ilva che ha colpito Vendola e fa perdere al suo perdere parecchi decimali, col che Sel scende al 3,6%. Stabile il Movimento 5 Stelle al 22%. Nella gallery tutti i numeri partito per partito.

Sondaggi 12 novembre

Sondaggi 12 novembre

Il Partito Democratico non riesce più a giovarsi delle primarie e anzi, in un certo senso, sono proprio le primarie che in questo frangente lo stanno danneggiando. Questo perché la sfida tra Renzi e tutti gli altri ha innescato una serie di polemiche e sospetti che sta indebolendo l'immagine del Pd proprio alla vigilia di un appuntamento che, di solito, non fa che rafforzarlo. E così: seconda settimana consecutiva in calo e partito che torna sotto la soglia del 30% nei sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7.

Nel Pdl non si muove una foglia, almeno per quanto riguarda i numeri dei sondaggi, visto che sappiamo come la situazione del partito di Silvio Berlusconi sia tempestosa e ormai vicina alla scissione di Alfano. Ma perché la cosa si compia (o meno) bisogna attendere il consiglio nazionale del 16 novembre. Manca poco, ma solo allora i disorientati elettori pidiellini potranno chiarirsi le idee su cosa gli aspetta per il futuro. Per il momento, non ci si sposta da quota 23%.

Infine il Movimento 5 Stelle, che nell'ultima settimana è stato abbastanza quieto e tanto gli basta per guadagnare, e anche tanto. D'altra parte si sa che il motore principale del successo del M5S è il fallimento degli altri partiti tutti. Nella gallery, tutti i risultati di partito e di coalizione.

Gallery. Sondaggi 12 novembre

";i:11;s:3696:"

Sondaggi 8 novembre

La questione delle tessere gonfiate sembra aver iniziato a fare danni al Partito Democratico, che dopo settimane di crescita senza sosta incassa una prima battuta d'arresto nei sondaggi Ixe trasmessi da Agorà: dal 29% al 28,2%. Non un buon segno, se si considera che la stagione delle primarie solitamente regala consensi in perenne crescita al Pd. Che si blocchi o meno il tesseramento, al momento per il partito di Epifani la cosa più importante sembra stoppare immediatamente le polemiche.

Il Movimento 5 Stelle si conferma secondo partito al 24,5%. Dato elevato - e molto più alto di quanto attribuitogli dai sondaggi Emg - che però non sembra accontentare i sostenitori di Beppe Grillo che lamentano come il MoVimento venga appositamente sottostimato dai "poteri forti" dei sondaggisti. Si ricorda solo che la statistica - che sbaglia tanto e spesso, come capita in tutte le discipline - è comunque una scienza, mentre i sondaggi condotti tra amici non hanno valore per una serie di questioni che qui non è il caso di approfondire (le persone tendono a frequentare chi la pensa similmente a loro, per farla molto breve). Come direbbero gli statistici: il campione non è rappresentativo.

Terza piazza per il Pdl, che recupera qualche decimale e passa dal 23,5% al 24%. È evidente che per quanto riguarda il partito di Silvio Berlusconi tutto si deciderà a partire dal 16 novembre, quando ci sarà la conta decisiva durante il Consiglio Nazionale, rinascerà Forza Italia e forse si andrà alla scissione. Per il momento, insomma, sembra la quiete prima della tempesta.

Sondaggi 5 novembre

Sondaggi 5 novembre

I sondaggi Emg trasmessi ieri dal TgLa7 mostrano una situazione che si sta ormai consolidando: Partito Democratico ampiamente primo partito, Pdl-Forza Italia in difficoltà e Movimento 5 Stelle fermo da tempo attorno al 20%. Il che però non significa che se si andasse a votare le cose andrebbero necessariamente così. Prima di tutto bisogna vedere se il traino delle primarie Pd continuerà a funzionare e a portare il Partito Democratico - che ha ormai raggiunto e superato quota 30% - ancora più su, ma soprattutto bisognerà vedere come si evolverà la situazione nel campo del centrodestra, se gli alfaniani decideranno per la rottura e se il partito pagherà in termini elettorali la decadenza di Berlusconi (difficile, visti i precedenti).

Importante anche capire come e quando si andrà a votare, chi avrà causato la fine del governo ecc. ecc. Per non parlare del fatto che Beppe Grillo, in campagna elettorale, dà decisamente il suo meglio e il Movimento 5 Stelle non potrà che giovarne. Questo per dire che i numeri abbastanza cristallizzati di queste settimane non devono far pensare che le prossime elezioni siano già decise. Anche perché ancora non si sa nemmeno quando si andrà a votare. Di seguito, nella gallery, tutti i numeri dei partiti.

Sondaggi 5 novembre

";i:12;s:4448:"

Sondaggi 29 ottobre

Sondaggi 29 ottobre

Sembra proprio che "l'effetto Matteo Renzi" inizi a farsi sentire sul Partito Democratico, che dopo il week end della Leopolda 2013 guadagna oltre un punto percentuale. Non sarebbe uno scossone importante, se non fosse che il Pd è in crescita costante già da un po' di settimane e proprio nei sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7 di ieri ha superato quota 30%. Con le Primarie che si fanno sempre più vicine, questo trend potrebbe ulteriormente aumentare (stessa dinamica osservata l'anno scorso, quando poi però alle elezioni il Pd riuscì a ottenere un risultato ben sotto le aspettative).

Parallelamente scende invece il Pdl, che passa dal 25,4 al 24,1%. Certo, il partito di Silvio Berlusconi sta attraversando un momento molto difficile tra litigi e polemiche (ricorda sempre più il Pd, a dire la verità), ma non si può neanche escludere che molti elettori ex sostenitori del Cavaliere stiano facendo una rotazione di 180° in direzione Pd. D'altra parte è noto come dalle parti del centrodestra Matteo Renzi sia particolarmente amato.

Stabile invece il Movimento 5 Stelle, che nei sondaggi nazionali continua a essere stabilmente sopra quota 20%, ma che ieri, nelle elezioni in Trentino, ha preso una bella batosta, fermandosi al 5% in provincia di Trento e addirittura al 2,5 in provincia di Bolzano. Segno che il M5S è una forza a livello nazionale, ma ottiene ben pochi risultati nelle elezioni amministrative. Tutti i numeri dei sondaggi nella gallery qui sotto.

Sondaggi 29 ottobre

Sondaggi 25 ottobre

Il Pd sempre primo partito.

Il Movimento 5 Stelle torna a salire nei sondaggi, superando il Pdl (alle prese con la complessa rinascita di Forza Italia) e tornando quindi secondo partito in Italia; questo almeno stando ai sondaggi Ixè trasmessi stamattina ad Agorà. Come si spiega il boom del M5S? Nelle ultime settimane le vicende pentastellate sono state soprattutto caratterizzate dalla forte polemica tra Beppe Grillo e i suoi parlamentari riguardo l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, la cosa strana è che fino a questo momento i periodi di caos interno al moVimento venivano sempre seguiti da un calo nei sondaggi.

Questa volta è il contrario: potrebbe c'entrare l'annuncio del terzo V Day o addirittura si può pensare che sia stata proprio la "questione clandestinità" a portare nuovi favori al M5S (ma per merito dei parlamentari o di Grillo?). Fatto sta che il Movimento 5 Stelle sale al 24,6%, mettendo a segno un +2,8 che lo porta a superare il Popolo delle Libertà.

Il Pdl-Forza Italia, infatti, è alle prese con le difficoltà del periodo, stretto tra la decadenza di Berlusconi, l'aria di scissione e le manovre politiche interne che lo rendono sempre più simile a un litigioso partito normale. Ma il Pdl normale non è, legato com'è alla figura del padre assoluto Silvio Berlusconi che fino a questo momento ne ha sempre garantito l'unità. Ed è proprio il fatto che quell'unità oggi sia messa in dubbio a fare sì che il partito perda consensi, pur rimanendo abbondantemente sopra la soglia del 20%.

In tutto questo, primo partito rimane sempre il Pd, con il 27,8%. Da solo in testa, quindi; in attesa che le primarie Pd portino ai democratici nuovi consensi (come solitamente avviene) e in attesa di vedere se la nuova guida con tutta probabilità firmata Matteo Renzi porterà i risultati che tutti si aspettano.

";i:13;s:2199:"

Sondaggi 22 ottobre

Sondaggi politici 21 ottobre

Non ci sono grandi cambiamenti nei sondaggi Emg di questa settimana trasmessi dal TgLa7. Almeno per quanto riguarda i grandi partiti, perché se poi si va a vedere tra gli "altri", si scopre che Scelta Civica perde circa un quarto dei voti. Un disastro. La causa che ha portato a un crollo del genere è da ricercarsi nell'addio del fondatore Mario Monti, che passa al gruppo misto, e nella spaccatura interna al partito, in cui l'ala prevalente sta provando a mettere in cantiere il progetto per quella Nuova Dc da farsi con gli alfaniani del Pdl. Si vedrà se il progetto andrà in porto, quel che è certo è che il Terzo Polo, agonizzante da ormai 7 mesi, è definitivamente morto: Scelta Civica scende al 3,2% e l'Udc è solo all'1,8%.

Gallery. Sondaggi politici 21 ottobre

Il Partito Democratico è invece sempre primo partito con il 29%, ai quali si aggiunge il 4,6% di Sel e i voti racimolati da Psi e altri, che permette alla coalizione di centrosinistra di restare in testa con il 35,1%. Il Pdl-Forza Italia è infatti stabile al 25,4%, assieme a Lega Nord (4%), Fratelli d'Italia (2,2%), La Destra (1,3%) e altri arrivano al 34,2.

Buon risultato per il Movimento 5 Stelle, che guadagna un punto secco e arriva al 21,5%.

Ecco tutti i numeri:

Pdl-Forza Italia: 25,4% (+0,2)
Lega Nord: 4% (-0,2)
Fratelli d'Italia: 2,2% (-0,2)
La Destra: 1,3% (+0,1)
Altri: 1,3%

Totale centrodestra: 34,2% (+0,3)

Partito Democratico: 29% (+0,3)
Sel: 4,6% (+0,1)
Psi: 0,8% (=)
Altri: 0,7%

Totale centrosinistra: 35,1% (+0,3)

Movimento 5 Stelle: 21,5% (+0,9)

Scelta Civica: 3,2% (-1,2)
Udc: 1,8% (+0,2)

Totale centro: 5% (-1)

Rifondazione Comunista: 0,9% (-0,1)
Italia dei Valori: 0,6% (-0,1)
Verdi: 0,7% (=)
Fare: 0,7% (=)

";i:14;s:2824:"

Sondaggi 18 ottobre

L'unica cosa sulla quale tutti i sondaggi sono d'accordo è che al momento il Partito Democratico è primo partito in Italia. E considerando che entro breve la corsa per le primarie Pd (con prevedibile trionfo di Matteo Renzi) entrerà nel vivo, è abbastanza facile immaginare che le cose non cambieranno nei prossimi mesi.

Per gli altri due grandi partiti, Pdl-Forza Italia e Movimento 5 Stelle, la situazione sembra essere più caotica. A causa probabilmente delle montagne russe che sta attraversando il primo - alle prese con la spaccatura tra berlusconiani e novelli alfaniani, ma che questa settimana cresce - e dello scontro interno che si è consumato nel Movimento 5 Stelle sulla questione dell'abolizione del reato di clandestinità (scontro, in verità, tra i parlamentari pentastellati e i due capi M5S). Ecco tutti i numeri:

Pd: 28,4% (-0,5)
Pdl: 24,5% (+1,9)
M5S: 21,8% (-2,5)
Scelta Civica: 4,5% (=)
Lega Nord: 4% (-0,1)
Sel: 4,3% (+0,3)
Fratelli d'Italia: 2,2% (-0,1)

Sondaggi 15 ottobre

Sondaggi 15 ottobre

A seconda di quale sondaggio si vada a leggere cambia veramente moltissimo, visto che le rilevazioni Ixe di venerdì scorso parlavano di un Movimento 5 Stelle secondo partito e quelle del lunedì di Emg danno invece il Pdl in vantaggio di 4/5 punti sul M5S. Ma allora c'è qualche punto fermo? Sembrerebbe di sì, dal momento che tutti gli istituti concordano almeno sul fatto che il Partito Democratico è la prima forza e che la coalizione di centrosinistra è avanti rispetto al quella di centrodestra.

Gallery. Sondaggi 15 ottobre

Tutti i partiti però continuano a ballare, se il Pd è ancora in testa al 28,7%, perde però un punto rispetto agli stessi sondaggi di lunedì scorso. Il Pdl si riprende un po' e guadagna un punto che lo porta al 25,2%, mentre il Movimento 5 Stelle guadagna qualcosa e torna nuovamente a toccare il 20,6%. Ecco tutti i numeri:

Pdl-Forza Italia: 25,2% (+1,1)
Lega Nord: 4,2% (=)
Fratelli d'Italia: 2,4% (+0,1)
La Destra: 1,2% (=)
Altri: 0,9%

Totale centrodestra: 33,9% (+1,3)

Partito Democratico: 28,7% (-0,9)
Sel: 4,5% (=)
Psi: 0,8% (-0,1)
Altri: 0,8%

Totale centrosinistra: 34,8% (-1,2)

Movimento 5 Stelle: 20,6% (+1,1)

Scelta Civica: 4,4% (-0,9)
Udc: 1,6% (+0,3)

Totale centro: 6% (-0,6)

Rifondazione Comunista: 1% (-0,1)
Italia dei Valori: 0,7% (-0,2)
Verdi: 0,7% (-0,2)
Fare: 0,7% (=)

";i:15;s:3575:"

Sondaggi 11 ottobre

Non si sa ancora che effetto avrà sul Movimento 5 Stelle la questione del reato di clandestinità e le posizioni contrapposte tra Grillo e Casaleggio e i parlamentari pentastellati. Certo è che fino a questo momento il M5S vola: nei sondaggi Ixe presentati oggi ad Agorà i 5 Stelle sono secondo partito. Merito di una crescita importante messa a segno nelle scorse settimane che si sta, per il momento, stabilizzando attorno al 24%.

Merito anche, però, della brusca discesa di Pdl-Forza Italia, che rimane stabile su un 22,6% che ha riportato tutti con i piedi per terra dopo gli ottimi risultati dei mesi scorsi. Sondaggi alla mano, è ancora più evidente come per il Popolo delle Libertà non sia conveniente provare a far cadere il governo per poi andare a elezioni (per Berlusconi è un altro paio di maniche, visto che sono le altre le questioni che lo muovono).

Il Partito Democratico rimane saldamente in cima con un ottimo 28,9%. Dietro questi tre ci sono solo partitini: Scelta Civica, Lega e Sel attorno al 4%; Fratelli d'Italia al 2,3%. Ecco tutti i numeri:

Pd: 28,9%
M5S: 24,3%
Pdl: 22,6%
Scelta Civica: 4,5%
Lega Nord: 4,1%
Sel: 4%
Fratelli d'Italia: 2,3%

Sondaggi 8 ottobre

Sondaggi 8 ottobre

Il centrosinistra nettamente avanti.

Si conferma il trend dei giorni scorsi anche nel sondaggio Emg trasmesso dal TgLa7: la sventata crisi di governo rafforza il Partito Democratico, manda in tilt il Pdl spaccato a metà, mentre il Movimento 5 Stelle rimane stabile. La situazione si è quindi rapidamente invertita: tra le beghe giudiziarie e la decadenza di Berlusconi, ma soprattutto a causa della crisi che il Cavaliere ha provato a imporre e che ha spaccato il partito mettendo in forse la stessa nascita della nuova Forza Italia, il Pdl si ritrova su valori molto più bassi rispetto alle scorse settimane (24,1%).

Gallery. Sondaggi 8 ottobre

Inoltre, il Partito Democratico continua a crescere, e considerando che tra poco inizierà la stagione delle primarie (che porta con sé sempre in dote una buona crescita nei sondaggi), è probabile che le cose non subiranno scossoni nel futuro prossimo. Il Pd per il momento è al 29,6%, ma soprattutto il centrosinistra è al 36%, parecchio in vantaggio rispetto a un centrodestra fermo al 32,6%.

Il Movimento 5 Stelle rimane sempre dov'è ormai collocato da un pezzo, appena sopra o appena sotto quota 20. Questa settimana, per la precisione, il risultato è del 19,5%. Ecco tutti i numeri:

Pdl-Forza Italia: 24,1% (-0,9)
Lega Nord: 4,2% (+0,2)
Fratelli d'Italia: 2,3% (-0,1)
La Destra: 1,2% (=)
Altri: 0,8%

Totale centrodestra: 32,6% (-0,3)

Partito Democratico: 29,6% (+0,4)
Sel: 4,5% (+0,2)
Psi: 0,9% (+0,2)
Altri: 1%

Totale centrosinistra: 36% (+1,7)

Movimento 5 Stelle: 19,5% (-0,2)

Scelta Civica: 5,3% (+0,1)
Udc: 1,3% (=)

Totale centro: 6,6% (+0,1)

Rifondazione Comunista: 1,1% (+0,1)
Italia dei Valori: 0,9% (-0,2)
Verdi: 0,9% (+0,1)
Fare: 0,7% (-0,2)

";i:16;s:3405:"

Sondaggi 4 ottobre

Il sondaggio Swg pubblicato oggi sul Corriere della Sera mostra come la vicenda della crisi di governo e dello scontro tra Berlusconi e Alfano, vinto nettamente da quest'ultimo, non è rimasto senza conseguenze, anzi. Non solo il Pdl continua a perdere colpi (cede quasi due punti rispetto ai sondaggi sempre Swg di venerdì scorso) arrivando al 24,8%; ma il Pd al contrario fa il botto, arriva al 31,2% guadagnando quasi 4 punti in una sola settimana.

Com'è possibile? Può essere che sia merito di Enrico Letta, uscito bene dalla vicenda, o forse del fatto che la questione primarie (finalmente risolta) ha posto fine alle liti interne. Almeno per il momento. Il risultato è che il centrosinistra prende il largo, arrivando al 36,4% contro il 34% del centrodestra.

E il Movimento 5 Stelle? Perde parecchio rispetto a venerdì scorso, scendendo al 19,1%. Ecco tutti i numeri:

Pd: 31,2%
Sel: 3,8%
Altri: 1,4%

Totale centrosinistra: 36,4%

Udc: 1,4%
Scelta Civica: 4,6%

Totale centro: 6%

Pdl: 24,8%
Lega Nord: 4,5%
Altri: 4,7%

Totale centrodestra: 34%

Movimento 5 Stelle: 19,1%

Sondaggi 1 ottobre

Sondaggi politici 1 ottobre

Queste settimane convulse all'insegna delle liti nella (ex?) maggioranza di governo e della sfida del Movimento 5 Stelle per tornare al voto con il Porcellum ci hanno abituati a parecchi saliscendi tra i partiti. Ma forse non è un caso che proprio mentre la crisi di governo è in atto sia il Partito Democratico ad avvantaggiarsi e il Popolo delle Libertà a perdere colpi. Il che significherebbe che gli elettori di centrodestra non hanno apprezzato la mossa di Berlusconi per arrivare alla caduta del governo. E il risultato che per la prima volta dopo parecchio tempo il centrosinistra supera il centrodestra.

Gallery. Sondaggi politici 1 ottobre

Il Movimento 5 Stelle perde colpi all'improvviso. Come mai? Solitamente è proprio nei momenti di crisi che il partito di Beppe Grillo raggiunge il massimo dei consensi, ma può essere che in questa occasione - in cui si profila all'orizzonte la possibilità di una maggioranza alternativa che escluda il Pdl - i tanti sostenitori M5S che sostengono l'ipotesi di un governo con il Pd stiano voltando le spalle ai pentastellati per indicare loro la rotta da seguire. Ecco tutti i numeri:

Pdl-Forza Italia: 25% (-0,6)
Lega Nord: 4% (-0,1)
Fratelli d'Italia: 2,4% (=)
La Destra: 1,2% (+0,2)
Altri: 0,9%

Totale centrodestra: 33,5% (-0,3)

Partito Democratico: 29,2% (+1,8)
Sel: 4,3% (-0,1)
Psi: 0,7% (=)
Altri: 0,9%

Totale centrosinistra: 35,1% (+1,7)

Movimento 5 Stelle: 19,7% (-1,7)

Scelta Civica: 5,2% (+0.3)
Udc: 1,3% (-0,1)

Totale centro: 6,5% (+0,2)

Rifondazione Comunista: 1% (=)
Italia dei Valori: 1,1% (=)
Verdi: 0,8% (+0,1)
Fare: 0,9% (+0,1)

";i:17;s:40422:"

I sondaggi del 27 settembre

Il Pd è sempre primo partito, ma scende.

Partito Democratico e Popolo delle Libertà scendono nei sondaggi. E ad avvantaggiarsene non può che essere il Movimento 5 Stelle. Che sfonda abbondantemente quota 20, salendo fino al 22,4% e arrivando così a toccare un risultato che non si vedeva da molto tempo. Per la precisione da quando, mesi fa, i primi scontri tra talebani e dissidenti misero in difficoltà il partito. Nelle ultime settimane l'M5S - nonostante le crepe non siano ancora state ricomposte, anzi - ha trovato una strategia vincente, fatta di partecipazioni ai talk show e azioni più o meno clamorose in Parlamento (il bacio "gay" tra i parlamentari o la solita sul tetto). E il premio è arrivato, anche se per il momento l'ipotesi "primo partito e premio di maggioranza" è ancora parecchio distante.

Vanno molto meno bene le cose nei due principali partiti: il Pd (27,5%) si conferma al primo posto ma cede un punto secondo le stesse rilevazioni Swg trasmesse ad Agorà settimana scorsa. Lo stesso vale per il Pdl, staccato di meno di un punto al 26,6%. Dietro di loro il vuoto: nessuno degli altri partiti riesce ad andare oltre quota 4%. Ecco i numeri:

Pd: 27,5%
Pdl: 26,6%
M5S: 22,4%
Scelta Civica: 4,2%
Sel: 4,1%
Lega Nord: 3,3%
Fratelli d'Italia: 2,1%

Sondaggi 24 settembre

Il Movimento 5 Stelle oltre quota 20%.

Forse è ancora troppo presto per poter davvero "sondare" il consenso elettorale della nuova Forza Italia, ma se il buongiorno si vede dal mattino per Silvio Berlusconi questa potrebbe essere l'ennesima brutta notizia del periodo più difficile della sua ventennale carriera politica: il suo nuovo partito non solo non fa il botto, ma a quasi una settimana dal definitivo annuncio via videomessaggio e conseguente inaugurazione della sede, il suo partito personale cala nel sondaggio Emg trasmesso sul TgLa7, facendo registrare un non entusiasmante 25,6%.

Gallery: sondaggi 24 settembre

Stabile invece il Partito Democratico, che rimane al 27,4% con un centrosinistra tutto che ormai da tempo è cristallizzato sul 33% e poco più. Una percentuale che, nonostante i risultati tutt'altro che entusiasmanti del centrodestra pone la coalizione dietro il centrodestra.

In tutto questo a ridersela è il Movimento 5 Stelle, che torna a crescere a livelli velocissimi e raggiunge un risultato che non si vedeva da molto tempo: 21,4%. Evidentemente la nuova strategia di fare rumore e azioni a effetto in Parlamento e contemporaneamente accettare ospitate tv a profusione premia. Ecco tutti i numeri:

Pdl-Forza Italia: 25,6% (-1,3)
Lega Nord: 4,1% (+0,3)
Fratelli d'Italia: 2,4% (+0,2)
La Destra: 1% (+0,4)
Altri: 0,7%

Totale centrodestra: 33,8% (-0,5)

Partito Democratico: 27,4% (+0,1)
Sel: 4,4% (-0,2)
Psi: 0,7% (-0,1)
Altri: 0,9%

Totale centrosinistra: 33,4% (-0,1)

Movimento 5 Stelle: 21,4% (+1,4)

Scelta Civica: 4,9% (-0,4)
Udc: 1,4% (+0,2)

Totale centro: 6,3% (-0,2)

Rifondazione Comunista: 1% (-0,3)
Italia dei Valori: 1,1% (=)
Verdi: 0,7% (=)
Fare: 0,8 (+0,1)

Sondaggi 20 settembre

Crollo del Movimento 5 Stelle

Ancora non si sa se e quando si tornerà al voto, ma ormai ci sono tre elementi che sembrano essersi cristallizzati: il Partito Democratico ha tutte le chanche per essere primo partito, la coalizione di centrodestra è comunque più forte e il Movimento 5 Stelle continua a oscillare tra il 18 e il 20%.

Questo non significa che le cose debbano necessariamente restare così. Nel Partito Democratico la presa del potere da parte di Matteo Renzi è ovviamente visto come il fattore in grado di scardinare gli equilibri, ragion per cui il Pdl e i quotidiani di area sono da tempo all'attacco del rottamatore che potrebbe portare via parecchi voti al centrodestra. La risposta degli avversari per il momento è tutta legata alla rinascita di Forza Italia, ma è ancora presto per dire quanto possa valere il ritorno del vecchio partito. Quanto al Movimento 5 Stelle, il timore dei vari partiti è sempre lo stesso, e cioè che i sondaggi non siano in grado di calcolare con esattezza il valore del partito guidato da Beppe Grillo, che questa settimana perde due punti. Ecco tutti i numeri dei sondaggi Swg trasmessi ad Agorà:

Pd: 28,5% (+2,5)
Pdl: 27,7% (-0,3)
M5S: 18,3% (-2,2)
Sel: 4,5% (-0,3)
Lega Nord: 4,3% (-0,3)
Scelta Civica: 3,9% (-0,2)
Rifondazione Comunista: 2% (+0,2)
Fratelli d'Italia: 2,1% (-0,1)
La Destra: 1,6% (+0,3)
Udc: 1% (-0,2)
Idv: 1,1% (-0,1)

Sondaggi 13 settembre

Stabili Partito Democratico e Popolo delle Libertà.

Tra i due litiganti il terzo gode: vecchio adagio che però si adatta bene alla situazione. Mentre Popolo delle Libertà e Partito Democratico - e cioè le due forze principali della coalizione di larghe intese - sono presi nei loro litigi quotidiani sulla durata del governo e la decadenza di Berlusconi, è il Movimento 5 Stelle ad approfittarne, mettendo a segno un bel rialzo secondo i sondaggi Swg trasmessi ad Agorà.

Il partito guidato da Beppe Grillo supera infatti per la prima volta da un bel po' di tempo la soglia psicologica del 20%, arrivando per la precisione al 20,5 (+0,7). Davanti, e di parecchio, ci sono comunque Pdl (praticamente fermo al 28%) e Pd (fermo al 26%). Il che significa due cose: il partito di Silvio Berlusconi non è penalizzato dai molteplici guai del suo leader mentre tra i democratici ancora non si vede il tanto atteso "effetto Matteo Renzi".

Ecco tutti i numeri:

Pdl: 28% (+0,1)
Pd: 26% (=)
M5S: 20,5% (+0,7)
Sel: 4,8% (-0,8)
Lega Nord: 4,6% (-0,1)
Scelta Civica: 4,1% (+0,2)
Rifondazione Comunista: 1,8% (+0,2)
Fratelli d'Italia: 2,2% (+0,3)
La Destra: 1,3% (=)
Udc: 1,2% (-0,4)
Idv: 1,1% (-0,1)

Sondaggi 10 settembre

Tornano i sondaggi Emg trasmessi dal TgLa7 e mostrano come nel mese e mezzo che è trascorso dall'ultima rilevazione ben poco sia cambiato. Nonostante tra agosto e i primi di settembre di cose ne siano successe: la condanna definitiva di Berlusconi, l'aria di Primarie nel Pd e la crisi di governo per il momento solo ventilata ma comunque dietro l'angolo (soprattutto se la giunta voterà la decadenza di Berlusconi).

Avvenimenti importanti ma che non modificano il quadro di un elettorato fermo sulle proprie posizioni: il Pdl resta stabile e primo partito attorno al 27%, sperato però dal Pd, che mette a segno un punto di crescita e arriva al 27,8%. Perde qualcosa invece il Movimento 5 Stelle, comunque attestato su valori importanti al 19,5%. Il che non significa che il Partito Democratico stia crescendo a scapito del M5S, visto che anche Sel perde un punto e scende al 4,5%.

Gallery. Sondaggi 10 settembre

Ecco tutti i numeri:

Popolo delle Libertà: 27,3% (+0,1)
Lega Nord: 3,4% (+0,2)
Fratelli d'Italia: 2,2% (-0,1)
La Destra: 0,8% (-0,1)
Altri: 1,1%

Totale centrodestra: 34,8% (+0,5)

Partito Democratico: 27,8% (+1)
Sel: 4,5% (-0,9)
Psi: 0,8% (=)
Altri: 0,7%

Totale centrosinistra: 33,8% (+0,1)

Movimento 5 Stelle: 19,5% (-1,1)

Scelta Civica: 4,8% (+0,2)
Udc: 1,2% (-0,3)

Totale centro: 6% (-0,1)

Rifondazione Comunista: 1,5% (+0,2)
Italia dei Valori: 1,1% (+0,2)
Verdi: 0,8% (=)
Fare: 0,7 (-0,1)

Sondaggi 6 settembre

I sondaggi Swg trasmessi oggi ad Agorà confermano quanto si diceva ieri in quelli di Euromedia Research: Popolo delle Libertà primo partito, centrodestra in vantaggio, Movimento 5 Stelle sempre forte. E il Partito Democratico? In rialzo, ma decisamente al secondo posto. Anche se è noto come la stagione delle Primarie Pd porti sempre una buona dote di consensi al partito, che quindi potrebbe cavalcare l'onda della competizione interna per provare ad agguantare gli avversari.

Ecco tutti i numeri del sondaggio:

Pdl: 27,9% (=)
Pd: 26% (+2)
M5S: 19,8% (-0,3)
Sel: 5,6% (-1)
Lega Nord: 4,7% (-0,4)
Scelta Civica: 3,9 (-0,6)
Rifondazione Comunista: 1,6% (-0,3)
Fratelli d'Italia: 1,9% (+0,4)
La Destra: 1,3% (+0,1)
Udc: 1,6% (+0,4)
Idv: 1,2% (+0,1)
Altro: 4,5% (-0,4)

Sondaggi 5 settembre

Euromedia Research pubblica un nuovo sondaggio sui partiti politici. Sondaggio che casca in una fase che sembra precedere di poco una crisi di governo e che quindi può dare indicazioni importanti. La cosa che più salta all'occhio è il boom del Movimento 5 Stelle, che rispetto all'ultima rilevazione di Euromedia (datata 2 luglio) guadagna ben tre punti e mezzo e arriva al 19,5%.

Ottimo risultato anche per il Pdl, che continua a vivere un momento positivo nonostante le difficoltà di Silvio Berlusconi e si attesta al 28,5% (+0,4). La Lega Nord è al 3,5%, Fratelli d'Italia stabile al 2% mentre gli "altri" perdono qualcosa e scendono all'1,5%. Nel complesso il centrodestra è al 35,5% (-0,4).

E si tratta di un vantaggio importante rispetto al centrosinistra, che in attesa di definire il proprio futuro dopo le Primarie Pd perde ben due punti e scende al 26%. Guadagna ancora Sel che è al 6% (da notare come il buon risultato del partito di Nichi Vendola arrivi in un periodo di completa mancanza di esposizione mediatica). Gli "altri" raggranellano un misero 0,5% col che il centrosinistra tutto si ferma al 32,5% (-1,5).

Dalle parti del centro si ride ben poco: orfani della scomparsa Fli, Scelta Civica (3,5%) e Udc (2,5) riescono a mettere assieme solo il 6%.

Sondaggi 30 agosto

La notizia principale dei giorni scorsi era il presunto sorpasso del Partito Democratico ai danni del Popolo delle Libertà, penalizzato dai falchi. Ora, è difficile capire se il sondaggio Swg trasmesso ad Agorà e condotto il 29 agosto abbia già potuto rilevare le opinioni degli italiani dopo la cancellazione dell'Imu; ma quello che è certo che è mostra un Pdl saldamente in testa alle preferenze degli elettori (27,9%) e con un importante distacco sul Pd (24%).

Terza piazza per il Movimento 5 Stelle che continua ad aggirarsi attorno a quota 20%. Seguono i partiti minori, tra cui continua a fare la parte del leone Sel, seguito da Lega Nord e Scelta Civica. Ma nel complesso, se si considerano i dati trasmessi oggi con quelli di tre giorni fa di Coesis saltano all'occhio differenze importanti: 4 punti di differenza riguardo al Pd, 2/3 punti di differenza riguardo il Movimento 5 Stelle, due punti di differenza riguardo il Pdl. Essendo la rilevazione statistica un metodo scientifico (con un margine di errore massimo del 3%), differenze così ampie sono difficili da spiegare. Come che sia, ecco i dati degli ultimi sondaggi Swg:

Pdl: 27,9%
Pd: 24%
M5S: 20,1%
Sel: 6,6%
Lega Nord: 5,1%
Scelta Civica: 4,5%
Rifondazione Comunista: 1,9%
Fratelli d'Italia: 1,5%
Udc: 1,2%

Sondaggi 27 agosto

Il Partito Democratico torna primo partito.

E adesso si capisce meglio perché Silvio Berlusconi abbia deciso di mettere il bavaglio ai falchi. Si era accennato al fatto che la decisione fosse stata presa "sondaggi alla mano", ma di queste rilevazioni non s'era vista neanche l'ombra. Adesso arrivano i primi numeri, che raccontano di un Pdl in difficoltà (che perde un punto) e superato dal Pd (che invece lo guadagna); anche se, va detto, non si tratta di scossoni irrecuperabili.

I numeri sono dell'istituto Coesis Research:

Partito Democratico: 28%
Popolo delle Libertà: 26%
Movimento 5 Stelle: 17/18%
Sel: 6%
Scelta Civica: 5%
Lega Nord: 4%
Fratelli d'Italia: 3%
Udc: 2%

Che significa questo? Perché i falchi fanno perdere punti al Pdl? Lo spiega ad Affari Italiani il direttore di Coesis Alessandro Amadori:

"Se continua così il Pdl può perdere anche altri punti. Più sono forti i falchi e meno il Pdl è una forza nazional-popolare. Agli occhi degli italiani non è più quel partito post o neo democristiano. Probabilmente è stato dato troppo spazio a una persona di carisma ma di nicchia come Daniela Santanchè. Il Pdl rischia di diventare il partito della protesta e dell'instabilità".

Sondaggi 30 luglio

In attesa della sentenza del Processo Mediaset che deciderà del futuro politico di Silvio Berlusconi (e di conseguenza del Governo Letta), anche i valori dei partiti nei sondaggi Emg trasmessi ieri dal TgLa7 sembrano temporeggiare. Si muove poco, anche se nel complesso delle due principali coalizioni si iniziano a vedere dei segnali.

Fotogallery: Sondaggi 30 luglio

Il centrodestra non sembra godere di ottima salute: il Pdl perde mezzo punto e passa al 27,2%; la Lega Nord sempre più marginale arriva al 3,2% e nessuno degli altri alleati (Fratelli d'Italia, La Destra) guadagna qualcosa. Con il risultato che nel complesso la coalizione di centrodestra perde poco meno di un punto e scende al 34,3%.

Non si tratterebbe di nulla di che, se non fosse che il centrosinistra - conquistando qualche decimale - si riporta vicino. Vediamo come: il Pd, dopo il tracollo di settimana scorsa, "rimbalza" a arriva al 26,8%; Sel guadagna qualcosa è arriva al 5,4. Nel complesso il centrosinistra guadagna mezzo punto, ma il 33,7% conquistato nel complesso lo riporta a pochi passi dal centrodestra.

Fila tutto per il verso giusto nel Movimento 5 Stelle, che ormai non procede più a grandi passi, ma lentamente continua nella sua opera di riconquista degli elettori che erano momentaneamente fuggiti: un altro mezzo punto guadagnato porta il partito di Beppe Grillo al 20,6%.+

Ecco tutti i dati:

Popolo delle Libertà: 27,2% (-0,5)
Lega Nord: 3,2% (-0,3)
Fratelli d'Italia: 2,3% (=)
La Destra: 0,9% (=)
Altri: 0,7%

Totale centrodestra: 34,3% (-0,7)

Partito Democratico: 26,8% (+0,4)
Sel: 5,4% (+0,2)
Psi: 0,8% (=)
Altri: 0,7%

Totale centrosinistra: 33,7% (+0,5)

Movimento 5 Stelle: 20% (+0,8)

Scelta Civica: 4,6% (-0,3)
Udc: 1,% (-0,1)

Totale centro: 6,1% (-0,4)

Rifondazione Comunista: 1,3% (=)
Italia dei Valori: 0,9% (+0,1)
Verdi: 0,8% (-0,1)
Fare: 0,8 (+0,1)
Futuro e Libertà: 0,2% (=)

Sondaggi 26 luglio

Il Movimento 5 Stelle continua la risalita.

Tempi bui per il Partito Democratico, che in pochi mesi è passato dall'illusione di vincere facilmente le elezioni di febbraio al ritrovarsi incastrato in un governo di larghe intese a guida democratica che penalizza il partito mentre il Popolo delle Libertà dato per morto guadagna consensi e stacca sempre di più Enrico Letta, Guglielmo Epifani e compagnia.

Questa settimana il Pd scende addirittura di due punti percentuali nel sondaggi Swg di Agorà. Cifre che raramente si vedono nei sondaggi e che significano allarme rosso: i democratici passano dal 25,5% al 23,5. Come se ne esce? Difficile capirlo prima che si tenga la sequenza di congresso, primarie, nuove elezioni (quando saranno); l'unica buona nuova arriva da altri dati, quelli relativi ai sondaggi sul gradimento dei leader, che mostrano come sia proprio il Partito Democratico ad avere nel suo "vivaio" le forze necessarie per superare il pessimo momento.

Cresce ancora un po' invece il Pdl, che passa dal 26,5% al 27 e cresce soprattutto il Movimento 5 Stelle, che continua a recuperare voti dopo essere riuscito a mettere un freno alle polemiche che lo hanno dilaniato per lungo tempo e sta pian piano tornando ai consensi che aveva registrato alle politiche. Per il momento si attesta al 20%, una crescita di un punto e mezzo.

Sondaggi 23 luglio

Continua a crescere anche il Pdl.

Il trend va avanti ormai da tre settimane e vista la situazione di scontro totale interna al Pd e il Pdl in attesa che arrivi il giorno del giudizio del 30 luglio (in cui si decideranno le sorti del Processo Mediaset) non sembra destinato a cambiare: il Movimento 5 Stelle continua a crescere e piano piano sta tornando sui livelli del voto di febbraio. Gli ultimi sondaggi Emg trasmessi ieri dal TgLa7 parlando di un'avanzata che porta il partito di Beppe Grillo al 20% (+0,8).

Nel Partito Democratico le cose vanno diversamente, questa settimana perde solo due decimali arrivando al 26,4%; ma a preoccupare è più che altro lo stallo in cui il Pd continuerà a trovarsi finché non si eleggerà il nuovo segretario e finché il governo di larghe intese continuerà a produrre le inevitabili tensioni.

Gallery: sondaggi 23 luglio

Tensioni che però non danneggiano il Pdl, che guadagna un altro mezzo punto e arriva al 27,7%. Nel complesso, soprattutto a causa della Lega Nord - che perde parecchio ed è al 3,5% - la coalizione di centrodestra arrestra di qualcosa e scende al 35%, comunque in vantaggio sul centrosinistra (33,2%).

Ecco tutti i numeri:

Popolo delle Libertà: 27,7% (+0,5)
Lega Nord: 3,5% (-0,7)
Fratelli d'Italia: 2,3% (-0,1)
La Destra: 0,9% (=)
Altri: 0,6%

Totale centrodestra: 35% (-0,4)

Partito Democratico: 26,4% (-0,2)
Sel: 5,2% (-0,2)
Psi: 0,8% (+0,1)
Altri: 0,8%

Totale centrosinistra: 33,2% (-0,3)

Movimento 5 Stelle: 20% (+0,8)

Scelta Civica: 4,9% (+0,1)
Udc: 1,6% (+0,1)

Totale centro: 6,5% (+0,2)

Rifondazione Comunista: 1,3% (=)
Italia dei Valori: 0,8% (-0,2)
Verdi: 0,9% (=)
Fare: 0,8 (+0,1)
Futuro e Libertà: 0,2% (=)

Sondaggi 19 luglio

Il Pdl si rafforza come primo partito, stabile il Movimento 5 Stelle.

Si muove poco nei sondaggi di Swg trasmessi ad Agorà, e soprattutto quel poco che si muove porta con sé brutte notizie per il Partito Democratico. Sorpassato dal Pdl settimana scorsa, il Pd continua a scendere, perde quasi un punto e arriva al 25,5%. E soprattutto vede aumentare il divario con il suo alleato/rivale: il Pdl rimane stabile al 26,5%. Si conferma la tendenza per cui il Pdl non deve fare niente per essere il primo partito, perché è il Pd a pensare da solo a fare danni. E dopo il caso Shalabayeva con la sfiducia ad Alfano - a cui i democratici si sono opposti - le cose probabilmente peggioreranno.

Se ne avvantaggia Sel, che invece guadagna un punto tondo tondo e arriva al 6,4%. Per il Pd è il minore dei mali, visto che quando si tornerà al voto sarà comunque il partito di Vendola il suo alleato, e anche perché di solito quando il Pd perde voti è il Movimento 5 Stelle a conquistarne. Ma non questa volta: l'M5S conferma di essere in un buon periodo, ma in questa settimana non guadagna consensi, fermandosi al 18,5%. Ecco tutti i dati:

Pdl: 26,5% (-0,1)
Pd: 25,5% (-0,8)
M5S: 18,5% (-0,1)
Sel: 6,4% (+1)
Scelta Civica: 4,4% (+0,4)
Lega Nord: 4,2% (-0,7)
Fratelli d'Italia: 2% (+0,2)
Azione Civile: 1,8% (-0,1)
Udc: 1,7% (-0,2)



Sondaggi 16 luglio

Il M5S arriva al 19,2% ai danni del Partito Democratico.

Un po' per il cambio di strategia, per l'onda lunga della conferenza stampa seguita all'incontro con Napolitano, un po' per le difficoltà del Partito Democratico, fatto sta che il Movimento 5 Stelle ha ripreso a correre, ed è ormai da un paio di settimane (grazie anche al Restitution Day e allo stop alle guerre interne) che i sondaggi - in questo caso quelli Emg trasmessi dal TgLa7 - danno il partito guidato da Beppe Grillo in continua crescita.

Nel giro di due settimane il Movimento 5 Stelle guadagna più di due punti. Un punto e mezzo solo in sette giorni, arrivando al 19,2%. Il tutto ai danni del Pd, che perde un punto e mezzo e scende al 26,6%. È evidente che c'è una parte consistente di elettorato che si sposta con disinvoltura dal Pd al M5S a seconda di quale partito sia più in forma, perché è ormai da tempo che si registrano salite e discese assolutamente speculari. Nel Pd non è un buon periodo - tra affanni del governo di larghe intese e tutti contro tutti in vista del congresso -, e il Movimento 5 Stelle se ne avvantaggia.

Ma chi se ne avvantaggia più di tutti è il Popolo delle Libertà, che torna primo partito senza neanche doversi impegnare. Il Pdl guadagna solo due decimali e arriva al 27,2%, ma viste le difficoltà dei nemici/alleati del Pd, tanto basta per trovarsi in testa alla corsa virtuale. Ecco tutti i risultati:

Popolo delle Libertà: 27,2% (+0,2)
Lega Nord: 4,2% (+0,3)
Fratelli d'Italia: 2,4% (=)
La Destra: 0,9% (+0,1)
Altri: 0,7%

Totale centrodestra: 35,4% (+0,3)

Partito Democratico: 26,6% (-1,5)
Sel: 5,4% (-0,3)
Psi: 0,7% (=)
Altri: 0,8% (+0,2)

Totale centrosinistra: 33,5% (-1,6)

Movimento 5 Stelle: 19,2% (+1,6)

Scelta Civica: 4,8% (+0,4)
Udc: 1,5% (=)
Fli: 0,2% (=)

Totale centro: 6,5% (+0,4)

Rifondazione Comunista: 1,3% (+0,2)
Italia dei Valori: 1,1% (+0,1)
Verdi: 0,9% (+0,1)
Fare: 0,7 (-0,1)

Gallery. Sondaggi 15 luglio

Sondaggi 13 luglio

Il partito di Beppe Grillo guadagna quasi un punto e mezzo. Il Popolo delle Libertà scende, ma il centrodestra è sempre avanti.

Il Movimento 5 Stelle sa come recuperare voti in libera uscita. Prima si sono placati gli scontri tra talebani e dissidenti, poi il giorno del Restitution Day e infine la conferenza stampa di un Beppe Grillo, particolarmente rabbioso, dopo l'incontro con Napolitano.

Il risultato è che nei sondaggi Swg il Movimento 5 Stelle compie un bel balzo in avanti, salendo di oltre un punto percentuale (+1,3%) e arrivando al 18,6%. Ancora lontani dai risultati delle elezioni politiche, ma è evidente come il M5S sia riuscito a invertire il trend negativo che durava ormai da parecchie settimane.

C'è chi sale e ovviamente c'è chi di conseguenza scende, ma questa settimana è il Popolo delle Libertà a cedere, e parecchio. Il partito di Silvio Berlusconi paga probabilmente le difficoltà del Cavaliere sul fronte giustizia - e l'ascesa pentastellata - e scende al 26,6% dal 28,3%. Stabili gli alleati di coalizione (La Destra guadagna e arriva al 2%) e nel complesso il Centrodestra perde un punto e si ferma al 36,3%.

Comunque un bel vantaggio sul centrosinistra, dove non si muove praticamente nulla e la coalizione rimane bloccata al 33,2%. Il Partito Democratico è al 26,3% (+0,3), scende leggermente Sel che arriva al 5,4% (-0,3). Resta solo da segnalare come Scelta Civica registri il suo peggior risultato: 4% (-0.9), meno della metà di quanto preso alle elezioni.

Sondaggi 9 luglio

Centrosinistra e centrodestra perfettamente alla pari.

Centrosinistra e centrodestra sono perfettamente alla pari nell'ultimo sondaggio Emg trasmesso dal TgLa7, entrambe le coalizioni sono al 35,1%. Ma se Pdl e alleati salgono, Pd e Sel registrano una battuta d'arresto: colpa dei litigi nel Partito Democratico in vista del congresso? Colpa del governo Letta? O forse è solo colpa del Restitution Day del Movimento 5 Stelle, che ha ridato entusiasmo ai suoi elettori dopo mesi difficili e che è andato di pari passo con lo stop agli scontri interni.

E in effetti il Movimento 5 Stelle sale, guadagna più di mezzo punto e si porta al 17,6%. Sono risultati che lo tengono ancora ben lontano dai due primi partiti (secondo i sondaggi), ma almeno la discesa è stata arrestata. Anche perché tanto il primo partito è pur sempre quello dell'astensione, che raggiunge il 31,6% con una crescita di oltre un punto. Ecco tutti i risultati:

Gallery: sondaggi 8 luglio

Pd: 28,1% (-0,9)
Sel: 5,7% (=)
Psi: 0,7% (+0,1)
Altri: 0,6% (-0,2)

Totale centrosinistra: 35,1% (-1)

Pdl: 27% (+0,4)
Lega Nord: 3,9% (+0,4)
Fratelli d'Italia: 2,4% (+0,1)
La Destra: 0,8% (-0,3)
Altri: 1%

Totale Centrodestra: 35,1% (+0,6)

Scelta Civica: 4,4% (+0,3)
Udc: 1,5% (-0,1)
Fli: 0,2% (-0,1)

Totale Centro: 6,1% (+0,1)

Movimento 5 Stelle: 17,6% (+0,6)

Rifondazione Comunista: 1,1 (-0,2)
Idv: 1,1 (+0,3)
Verdi: 1% (-0,2)
Fare: 0,8 (=)

Sondaggi 5 luglio

Scendono nettamente il Partito Democratico e l'M5S

Perché nel giro di una settimana il Pdl guadagna un punto e mezzo, altrettanto perde il Pd e il Movimento 5 Stelle continua ad arretrare? A volte le dinamiche dei sondaggi sono abbastanza misteriose, ma si può provare a immaginare che il Popolo delle Libertà si stia avvantaggiando della marcia di avvicinamento al rilancio di Forza Italia. Una mossa che, nonostante i mille litigi interni al Pdl, sta ridando entusiasmo agli elettori del Cavaliere.

Nel Partito Democratico è più facile pensare che i mille scontri in vista del Congresso del Pd non stiano appassionando gli elettori, che probabilmente si concentrano molto di più sul governo di larghe intese (e anche lì non regna certo la concordia). Nel M5S si registra ancora un calo, ma si vedrà come reagiranno gli elettori dopo la giornata del Restitution Day. Ecco tutti i dati:

Pdl: 28,3% (+1,5)
Pd: 26% (-1,6)
M5S: 17,3% (-0,8)
Sel: 5,7% (-1,1)
Scelta Civica: 4,9% (-0,4)
Lega Nord: 4,9% (-0,3)
Fratelli d'Italia: 2,2% (+0,2)

Sondaggi 2 luglio

Il Partito Democratico continua a crescere e torna vicino a quota 30. Sono i delusi del M5S che tornano all'ovile?

Se guardiamo ai numeri dei sondaggi di tre mesi fa, quindi in pieno caos post-elettorale, scopriamo che i tre partiti principali erano tutti intorno al 25%, grosso modo quanto conquistato alle politiche più una crescita del Pdl. Tra i partiti minori, quello che più è cresciuto da allora è Sel, che è passato da un 3% medio a un numero attorno al 5,5%. Non è una sorpresa che a perdere di più rispetto a tre mesi fa sia il Movimento 5 Stelle, che è passato dal 25% che gli veniva attribuito allora al 17% a cui lo inchiodano i dati Emg trasmessi al tgLa7.

E così si capisce meglio perché gli altri partiti riescano a crescere pur senza avere nulla di particolare di cui giovarsi: il Pd è alle prese con la lotta tra pro e anti Renzi; il Pdl parla solo dei processi di Berlusconi e Sel attende di capire quando finirà questa strana opposizione ai suoi alleati. Eppure tutti e tre questi partiti crescono: tre mesi dopo il Pd ha guadagnato circa 4 punti (i sondaggi di ieri lo davano al 29%); Sel due punti e mezzo (5,7) e il Pdl un punto e mezzo (26,6%). La Lega Nord è invece stabile attorno al 3,5%. In totale quindi questi partiti hanno guadagnato 8 punti.

Guarda la gallery: sondaggi 1 luglio

E così si spiega come sia possibile che i partiti registrino questo livello di crescita pur senza nessuna medaglia da appuntarsi: sono tutti voti recuperati al Movimento 5 Stelle, che infatti in questi tre mesi ha perso proprio 8 punti, passando dal 25 al 17%. Cosa confermata anche dal fatto che il Pd era stato il partito più penalizzato (e adesso è quello che più ne guadagna). Sono voti che potrebbero tornare al M5S? Certamente sì, soprattutto se il partito di Beppe Grillo riuscirà, come pare intenzionato a fare, a lasciar perdere le guerre intestine e a concentrarsi sul lavoro in aula.

Ecco tutti i risultati:

Pd: 29% (+1,2 rispetto a settimana scorsa)
Sel: 5,7% (-0,1)
Psi: 0,6% (=)
Altri: 0,8%

Totale Centrosinistra: 36,1% (+0,9)

Pdl: 26,6% (-0,4)
Lega Nord: 3,5% (-0,1)
Fratelli d'Italia: 2,3% (+0,4)
La Destra: 1,1 (+0,1)
Altri: 1%

Totale Centrodestra: 34,5% (+0,2)

Movimento 5 Stelle: 17% (-0,9)

Scelta Civica: 4,1% (-0,5)
Udc: 1,6% (+0,3)
Fli: 0,3% (-0,2)

Totale Centro: 6% (-0,4)

Rifondazione Comunista: 1,3% (-0,2)
Idv: 0,8% (=)
Verdi: 1,2% (+0,2)
Fare: 0,8% (+0,1)

Sondaggi 28 giugno

Dopo la condanna nel Processo Ruby a Berlusconi, anche il Pdl guadagna consensi.

Era da esattamente un mese che il Movimento 5 Stelle perdeva consensi settimana dopo settimana. Adesso il trend si è invertito. È ancora presto per capire se si tratta di un "rimbalzo" occasionale, o se invece il partito di Beppe Grillo ha preso a risalire la china. Potrebbe anche essere la seconda, visto che c'è qualche ragione che può spiegare la risalita: è da un po' che l'infinita diatriba tra dissidenti M5S e talebani tace; non ci sono state nuove espulsione e soprattutto è evidente da parte di Grillo e dei parlamentari pentastellati il tentativo di dare più risalto alla loro azione politica; aggiungiamoci anche la vittoria di Ragusa. Il risultato è che il Movimento 5 Stelle torna a crescere, passando dal 16,9 al 18,1%. Oltre un punto in più.

Mentre il Pd resta inchiodato al 27,6% (ma confermandosi comunque primo partito); il Pdl trova nuova linfa, paradossalmente, dalla condanna di Berlusconi nel Processo Ruby, passando dal 25,9 al 26,8%. Paradossalmente fino a un certo punto, visto che non è la prima volta, e visto come si stanno mettendo le cose non sarà nemmeno l'ultima, che i sostenitori del Cavaliere si stringono attorno al loro leader nei momenti di maggiore difficoltà. Ecco tutti i numeri.

Pd: 27,6% (=)
Pdl: 26,8% (+0,9)
Movimento 5 Stelle: 18,1% (+1,2)
Scelta Civica: 5,3% (+0,1)
Lega Nord: 5,2% (+0,5)
Sel: 4,6% (-0,7)
Fratelli d'Italia: 2,2% (-0,1)
Azione Civile: 1,9% (+0,2)
Udc: 1,3% (-0,4)

Sondaggi 25 giugno

Per ragioni uguali il Pd e il Pdl, per ragioni tutte sue il Movimento 5 Stelle, ma la notizia è che i tre partiti principali perdono consensi nei sondaggi Emg trasmessi ieri sera da La 7. Per il Partito Democratico e il Popolo delle Libertà è facile individuare la causa: il governo di larghe intese presieduto da Enrico Letta. Mai particolarmente amato fin dall'inizio, adesso il percorso a ostacoli, le liti interne al governo e le indecisioni sulla politica economica stanno facendo calare la fiducia degli italiani nell'esecutivo. E i due principali partiti che lo sostengono non possono che accusare il colpo. Il Pd scende dal 28,5 al 27,8%, mentre il Pdl passa dal 27,3 al 27%.

Nel Movimento 5 Stelle le ragioni del calo dei consensi sono più che note: le liti interne, le espulsioni, le fughe (ultima quella di Adriano Zaccagnini), il flop delle amministrative (e si vedrà se la brillante vittoria di Ragusa restituirà un po' di entusiasmo ai sostenitori M5S). Tutto questo fa sì che il partito di Beppe Grillo ceda quasi un altro punto: dal 18,8% al 17,9%.

Guarda la gallery: sondaggi 24 giugno

Ecco tutti i risultati:

Pd: 27,8% (-0,7)
Sel: 5,8% (+0,2)
Psi: 0,6% (=)
Altri: 1,0%

Totale centrosinistra: 35,2% (-0,4)

Pdl: 27% (-0,3)
Lega Nord: 3,6% (-0,5)
Fratelli d'Italia: 1,9% (+0,1)
La Destra: 1% (+0.6)
Altri: 0,8%

Totale centrodestra: 34,3% (-0,1)

Movimento 5 Stelle: 17,9% (-0,9)

Scelta Civica: 4,6% (-0,2)
Udc: 1,3% (+0,1)
Fli: 0,5% (+0,2)

Totale Centro: 6,4% (+0,1)

Rifondazione: 1,5% (+0,4)
Idv: 0,8% (+0,2)
Verdi: 1% (+0,4)
Fare: 0,7% (+0,2)

Sondaggi 21 giugno

Il Pdl stabile, si rafforza Fratelli d'Italia.

Ormai è da qualche settimana che la situazione politica non registra particolari scossoni, per l'esattezza da quando il primo turno delle amministrative 2013 ha fatto registrare, sempre dando per assodato che il vero vincitore è stato l'astensionismo, il successo del Pd (a cui è seguita una crescita nei sondaggi) e la sconfitta del Movimento 5 Stelle (che - anche in seguito alle mille polemiche - ha iniziato a calare). In tutto questo il Pdl resta fermo al palo, ma facendo registrare numeri comunque molto elevati.

Anche i sondaggi Swg che ha presentato questa mattina Agorà non si discostano dal panorama descritto: il Partito Democratico perde mezzo punto (inizia a passare quel briciolo di entusiasmo seguito alle comunali?), ma resta stabilmente primo partito al 27,6% (e soprattutto il mezzo punto perso dal Pd è conquistato dagli alleati naturali di Sel). Dietro il Pdl, fermo al 25,9%. Continua invece la parabola discendente del Movimento 5 Stelle, che è ormai dato al 16,9% (un punto secco in meno anche questa settimana) ed è ormai molto lontano dai risultati ottenuti alle politiche, quando prese il 25%. Tra i partiti minori, da notare come Fratelli d'Italia, guidato da Giorgia Meloni, si stia consolidando come qualcosa di più di un fuoco di paglia del centrodestra, mantenendosi sempre attorno al 2%. Probabilmente la cosa è merito delle voci che vogliono che attorno a FdI si costituirà il nuovo partito di destra italiano. Ecco tutti i numeri:

Pd: 27,6% (-0,5)
Pdl: 25,9% (-0,1)
Movimento 5 Stelle: 16,9% (- 1)
Sel: 5,3% (+0,5)
Scelta Civica: 5,2% (+0,4)
Lega Nord: 4,7% (+0,3)
Fratelli d'Italia: 2,3% (+0,3)
Udc: 1,7% (-0,1)
Azione Civile: 1,7% (-0,1)

Sondaggi 18 giugno

Il Pd si conferma primo partito, trascinando tutta la coalizione.

Non cambia rispetto agli ultimi dieci giorni la situazione del gradimento ai partiti, almeno è quanto si vede nei sondaggi Emg trasmessi ieri sera dal TgLa7. Sondaggi che raccontano di un Pd tornato a essere primo partito e di un centrosinistra che va rafforzandosi. Di un centrodestra che rimane comunque molto forte e di un Movimento 5 Stelle che - alle prese con processi ai dissidenti e manifestazioni in favore del leader - probabilmente sta un po' smarrendo la bussola nei confronti dei propri elettori. Almeno di quelli meno radicali.

Guarda la gallery: sondaggi Emg 17 giugno

La notizia più importante, però, è il sorpasso del centrosinistra ai danni del centrodestra in generale (oltre che quello già visto del Pd sul Pdl): forse nel Partito Democratico la sconfitta di fatto delle elezioni di febbraio è stato assorbita, grazie anche alla netta vittoria alle Comunali. E a quanto pare il governo di larghe intese non fa molti danni a livello di consensi (cosa che, in effetti, vale anche per il Pdl).

Ecco tutti i dati:

Partito Democratico: 28,5% (+0,7)
Sel: 5,6% (+0,2)
Psi: 0,6% (=)
Altri: 0,9%

Totale centrosinistra: 35,6% (+1)

Pdl: 27,3% (-0,8)
Lega Nord: 4,1 (+0,2)
Fratelli d'Italia: 1,8% (+0,1)
La Destra: 0,4 (-0,1)
Altri: 0,8

Totale centrodestra: 34,4% (-0,8)

Movimento 5 Stelle: 18,8% (0,9)

Scelta Civica: 4,8% (+0,2)
Udc: 1,2% (+0,1)
Fli: 0,3% (+0,1)

Totale centro: 6,3% (+0,4)

Rifondazione Comunista: 1,1 (-0,1)
Idv: 0.6% (-0,1)
Verdi: 0,6% (=)

";i:18;s:3146:"

Sondaggi 14 giugno

Arriva il sorpasso del Partito Democratico sul Popolo delle Libertà. Beppe Grillo e i suoi in crisi di consenso.

Il clima da inquisizione che si respira nel M5S non piace agli elettori, che - dopo il flop delle amministrative - stanno punendo il movimento di Beppe Grillo anche nei sondaggi su scala nazionale. Sorprende invece la crescita del Partito Democratico: in Italia riuscire a vincere porta sempre un bel po' di gente a salire sul carro. E il Pd, nonostante i giusti discorsi sull'astensione, queste elezioni le ha vinte. Se poi ci si aggiunge che probabilmente molti hanno fatto il viaggio dal Pd all'M5S andata e ritorno, ecco che si spiega la crescita.

Il Pdl è in crisi: in molti iniziano a pensare che la resurrezione delle politiche di febbraio sia stato davvero l'ultimo colpo di coda, e la secca sconfitta alle Comunali ne sarebbe la dimostrazione. Si vedrà. Ecco tutti i numeri:

Pd: 28,1% (+3)
Pdl: 26% (-1,7)
Movimento 5 Stelle: 17,9% (-2)
Sel: 4,8% (-0,7)
Scelta Civica: 4,8% (+0,1)
Lega Nord: 4,4% (+0,1)
Fratelli d'Italia: 2% (+0,5)
Udc: 1,8% (-0,4)

Sondaggi 11 giugno

Dopo un periodo, dal punto di vista dei sondaggi e non solo, nerissimo, il Partito Democratico torna a crescere arrivando a ridosso del Pdl, che comunque si conferma primo partito. Cos'è successo? Perché il Pd si è rimesso in carreggiata senza che nulla di nuovo accadesse a livello nazionale? Probabilmente i fattori sono tre: la vittoria nelle amministrative (confermata ieri) ridà un po' di entusiasmo, l'attivismo di Renzi magari crea un po' di caos ma regala al partito parecchia attenzione mediatica e in più c'è il calo del Movimento 5 Stelle che necessariamente un po' di voti li restituisce al Pd.

Gallery: Sondaggi 10 giugno

Perché la discesa del M5S non si ferma: secondo i dati di Emg trasmessi sul TgLa7 (il giornale considerato più affidabile dagli stessi sostenitori Cinque Stelle nel sondaggio sul microfono di legno) il partito di Beppe Grillo è arrivato sotto la soglia psicologica del 20%. E visto com'è andata alle Comunali è difficile che il trend si inverta già nelle prossime settimane. Ecco tutti i dati.

Pd: 27,8% (+2,4%)
Sel: 5,4% (-0,2)
Psi: 0,6% (+0,1)
Altri: 0,8%

Totale centrosinistra: 34,6% (+2,2)

Pdl: 28,1% (+1,3)
Lega Nord: 3.9% (-0,3)
Fratelli d'Italia: 1,7% (-0,3)
La Destra: 0,4 (-0,1)
Altri: 1%

Totale centrodestra: 35,2% (+0,2)

Movimento 5 Stelle: 19,7% (-2,4)

Scelta Civica: 4,6 (-0,2)
Udc: 1,1% (-0,1)
Fli: 0,2% (=)

Totale centro: 5,9% (-0,3)

Rifondazione comunista: 1,2 (+0,1)
Idv: 0,7% (=)
Verdi: 0,6 (-0,1)
Altri: 2,1

Totale altri partiti: 4,6%

";i:19;s:14561:"

4 giugno: confermato il calo del Movimento 5 Stelle


Meno grave di quanto indicato nel sondaggio Lorien Consulting di ieri, ma il calo del Movimento 5 Stelle è confermato anche dai sondaggi Emg trasmessi ieri da La 7. In crescita invece Pdl (sempre primo partito) e Pd, che guadagna quasi due punti. Nel complesso, centrodestra sempre coalizione più forte, ma centrosinistra che si riavvicina. Ecco tutti i numeri.

Gallery: sondaggi 4 giugno

Pdl: 26,8% (+0,8)
Lega Nord: 4,2 (-0,5)
Fratelli d'Italia: 2% (=)
La Destra: 0,6% (-0,2)
Altri: 1,4%

Totale centrodestra: 35% (+0,4)

Pd: 25,4% (+1,7)
Sel: 5,6% (+0,1)
Psi: 0,7% (=)
Altri: 0,7%

Totale centrosinistra: 32,4% (+ 1,9)

Movimento 5 Stelle: 22,1% (-2,1)

Scelta Civica: 4,8% (-0,3)
Udc: 1,2% (-0,2)
Fli: 0,2% (=)

Totale centro: 6,2% (-0,5)

Rifondazione Comunista: 1,1 (+0,1)
Idv: 0,7 (=)
Verdi: 0,7% (=)
Altri: 1,8

Totale sinistra: 4,3% (+0,3)

Sondaggi Lorien 3 giugno: il calo dell'M5S

Quelli di Lorien Consulting per Italia Oggi sono forse i primi sondaggi non solo post-amministrative, ma anche in grado di cogliere come le delusioni e i sospiri di sollievo che sono seguiti alle elezioni comunali abbiano modificato le intenzioni di voto degli italiani. Il dato impressionante è che il Movimento 5 Stelle perde oltre sei punti rispetto alle rilevazioni sempre di Lorien del mese scorso. Ecco tutti i numeri.

Movimento Cinque Stelle

Pdl: 28,2% (+ 1,1)
Lega Nord: 3,2% (+ 0,8)
Fratelli d'Italia: 2,3% (-0,1)
Altri: 0,5%

Totale centrodestra: 34,2% (+ 1,6)

Pd: 26,5% (+2,5)
Sel: 5% (+0,2)
Altri: 0,2%

Totale centrosinistra: 31,7% (+2,7%)

Movimento 5 Stelle: 19,3% (-6,2)

Scelta Civica: 5,9% (=)
Udc: 2,3% (-0,2)
Altro: 0,1%

Centro: 8,3% (-0,2)

La sinistra è calcolata in questi sondaggi in modo tale (un mese fa c'era solo Rivoluzione Civile, oggi solo Rifondazione Comunista data all'1,9%, tutti gli altri non calcolati) che è impossibile fare un raffronto.

28 maggio: il Movimento 5 Stelle supera il PD

Bisognerà aspettare qualche giorno per sapere come il flop del Movimento 5 Stelle a queste elezioni comunali influirà (e se influirà) sui sondaggi, visto che le rilevazioni Emg trasmesse ieri da La7 sono ovviamente precedenti alla tornata di amministrative. Nel frattempo, però, va detto che l'M5S supera il Partito Democratico e che il Pdl rimane sempre abbondantemente primo partito. Dati in controtendenza con un voto, quello del 26 e 27 maggio, che ha visto il Pd uscirne bene, il Pdl e il Movimento 5 Stelle molto meno. Fermo restando che l'unico vincitore è stata l'astensione, che infatti è sempre il vero primo partito.

Pdl: 26% (-0,5)
Lega Nord: 4,7% (-0,1)
Fratelli d'Italia: 2,1% (-0,1)
Altri: 1,9%

Coalizione centrodestra: 34,6% (-0,4)

Partito Democratico: 26,7 (+0,7)
Sel: 5,5% (-0,6)
Altri: 1,3%

Coalizione centrosinistra: 30,5% (+0,2)

Movimento 5 Stelle: 24,2% (+1,2)

Scelta Civica: 5,1 (-0,6)
Udc: 1,4 (=)
Fli: 0,2 (-0,2)

Centro: 6,7% (-0,8)

Rifondazione Comunista: 1% (-0,3)
Italia dei Valori: 0,7% (-0,2)
Verdi: 0,7% (+0,1)
Altri: 1,6%

Sinistra: 4% (-0,2)

Gallery: Sondaggi Emg 27 maggio

Sondaggi Swg 27 maggio

Movimento 5 Stelle e Pd appaiati al secondo posto.

Magari il turno di elezioni comunali che si conclude oggi riserverà qualche sorpresa, in grado di smuovere un panorama politico che al momento sembra completamente bloccato: i tre partiti maggiori conquistano i 3/4 dei voti, di questi tre il Pdl è sempre in vantaggio. Vediamo i dati degli ultimi sondaggi Swg trasmessi questa mattina da Agorà.

Pdl: 27,8% (+ 0,4)
Pd: 22,6% (-1,6)
Movimento 5 Stelle: 22,6% (+0,8)
Scelta Civica 4,9% (-0,9)+
Lega Nord: 4,9% (+0,5)
Sel: 4,8% (+0,1)
Udc: 2,0 (+0,2%)
Fratelli d'Italia: 1,5% (+0,3)

Sondaggi Ipsos 22 maggio

Per ragioni completamente diverse, ma i risultati del sondaggio Ipsos andato in onda ieri sera a Ballarò non sorprendono: i due partiti che hanno maggiormente deluso gli italiani sono il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico. Il primo, probabilmente, paga ancora la decisione di non dare vita a un governo col Pd aprendo così la strada alle larghe intese, oltre alle tante polemiche interne su questioni di second'ordine che sono state riassunte con la formula "rivoluzione degli scontrini".

Il Partito Democratico invece paga inevitabilmente il fatto di essere andato al governo con il Pdl, ma anche di non essere riuscito a vincere delle elezioni che doveva avere in tasca, di essersi spaccato sulle elezioni del Presidente della Repubblica, di essere più diviso che mai e non riuscire a dire una parola chiara praticamente su nulla. E quindi, ecco i risultati:

"Qual è il partito che l'ha delusa di più?"

Movimento 5 Stelle: 42%
Partito Democratico: 26%
Popolo delle Libertà: 14%
Scelta Civica: 7%

21 maggio: cala il Movimento 5 Stelle, cresce il Pdl

Ma anche nei sondaggi Emg per il TgLa7 di Mentana ben poco si muove.

L'immobilismo di fatto nelle intenzioni di voto che mostravano i sondaggi di ieri di Swg (sotto nel post) vengono confermati da quelli di Emg. Con una conferma e una differenza: la conferma è che il Pdl rimane abbondantemente primo partito, la differenza è che nelle rilevazioni per il TgLa7 il Movimento 5 Stelle perde ancora, ma rimane secondo partito alla pari del Pd. Ecco i numeri:

Gallery: i sondaggi Emg 20 maggio

Centrodestra 35% (0,4)

Pdl 26,5% (-0,1)
Fratelli d’Italia 2,1% (-0,1)
Lega Nord 4,8% (+0,5)
La Destra 1% (+0,1)
Altri 0,6% (=)

Centrosinistra 30,3% (+0,1)

Pd 23% (+0,2)
Sel 6,1% (+0,1)
PSI 0,7% (-0,1)
Altri 0,5% (-0,1)

Movimento 5 Stelle 23% (-0,4)

Centro 7,5% (+0,4)

Scelta Civica 5,7% (+0,4)
UDC 1,4 (=)
FLI 0,4 (=)

Sinistra 4,2%

Rifondazione Comunista 1,3% (+0,1)
IDV 0,9 (=)
Verdi 0,6 (=)
Altri 1,4 (-0,6)

Sondaggi Swg 19 maggio

Non si muove praticamente nulla nei sondaggi Swg per Agorà: da una settimana all'altra tutte le posizioni rimangono inchiodate. E la cosa è abbastanza inevitabile, visto che il governo è nato ma ancora non è ben chiaro come si muoverà e che nel Pd si aspetta solo di capire chi sarà il prossimo segretario dopo la "reggenza" di Epifani. L'unica novità degna di nota - se così si può chiamare - è che l'M5S ha arrestato la perdita di consensi.

E quindi, ecco tutti i numeri:

Popolo delle Libertà: 27,4% (-0,2)
Partito Democratico: 24% (=)
Movimento 5 Stelle: 21,8% (=)
Scelta Civica: 5,8% (+0,4)
Sinistra Ecologia & Libertà: 4,7% (+0,2)
Lega Nord: 4,4% (-0,1)
Udc: 1,8% (+0,1)
Fratelli d'Italia: 1,8% (=)

17 maggio: l'M5S può esistere senza Beppe Grillo?

Il leader dell'M5S è indispensabile per il partito?

Il Movimento 5 Stelle può esistere senza Beppe Grillo? Per il 29% degli elettori "sì", per il 52% "no". Tra gli elettori dell'M5S il 42% pensa che il partito possa sopravvivere. Il 50% che senza Grillo il M5S sia destinato a scomparire. Un approfondimento a questo link.

14 maggio: il crollo del Movimento 5 Stelle

I sondaggi trasmessi ieri dal TgLa7 confermano quanto era nell'aria: tutta la "questione diaria" (che ora pare essere risolta, ma con parecchie ribellioni in corso) interna al Movimento 5 Stelle ha penalizzato parecchio il partito di Beppe Grillo, che perde addirittura due punti e mezzo, passando dal 25,9 al 23,4%. Non si tratta di una cosa da poco, visto che è un calo statisticamente rilevante e che, soprattutto, per la prima volta da febbraio l'M5S scende sotto il livello raggiunto alle elezioni politiche.

Gallery: i sondaggi 13 maggio

Recupera qualcosa invece il Partito Democratico, che guadagna mezzo punto e arriva al 22,8%. Gli ex alleati di Sel continuano la risalita, arrivando a toccare un 6% che non si vedeva da parecchio tempo.

Ma il primo partito in Italia è sempre, e di gran lunga, il Popolo delle Libertà, che cede uno 0,7 ma rimane comunque al 26,6%. Con la Lega Nord al 4,3%, Fratelli d'Italia al 2,2 e la Destra allo 0,9%. Nel complesso la coalizione di centrodestra rimane stabile al 34,6%.

Segni di vita anche dal centro, grazie al punto percentuale guadagnato da Scelta Civica (5,3%) e anche dall'area più a sinistra dello schieramento (Rifondanzione 1,2%; Italia dei Valori 0,9%).

Il quadro generale però non muta, con tre partiti sopra il 20% che si spartiscono il grosso dell'elettorato.

I sondaggi del 30 aprile

Dopo il Partito Democratico, tocca al Movimento 5 Stelle. Il partito di Beppe Grillo, nel sondaggio Emg di ieri sera, cede di colpo tre punti percentuali scendendo al 26%. Percentuali comunque alte e soprattutto in linea con quanto preso alle elezioni di febbraio. Se di "piccola crisi" si tratta - dovuta alle gaffe della Lombardi, al caso Mastrangeli, alla intransigenza che ha portato al governissimo - bisogna ammettere che l'M5S se la cava più che bene. Anche se, beninteso, tre punti percentuali in sette giorni sono comunque un segnale d'allarme.

Recupera qualcosa invece il Pd, che era scesa fino ai livelli più bassi della sua storia (20%), ma riconquista un paio di punticini toccando il 22,7%. Sel stabile al 5%. Nel complesso la coalizione arriva quasi al 30%.

Se la cava molto meglio il centrodestra. Nonostante il Pdl perda qualcosa scendendo dal 27,1 al 26%, la coalizione resta al di sopra del 34%. Lega Nord al 4,3%, Fratelli d'Italia al 2,4% (in crescita), La Destra allo 0,8%.

Il centro montiano che doveva cambiare la politica italiana è sul punto di scomparire: nel complesso arriva al 6,6% (Scelta Civica 4,8%; Udc 1,4%; Fli 0,4%). Si leccano le ferite anche dalle parti della sinistra: Rifondazione Comunista 0,9%; Italia dei Valori 0,6%; Verdi 0,6%. L'avventura di Rivoluzione Civile ha lasciato dietro di sé le macerie.

Il sondaggio shock del Partito Democratico

Agorà aveva promesso sondaggi shock per il Pd. E non ci andiamo molto lontani, in effetti.

Il Pdl passa dal 26,8% del 19 aprile al 27,0%.
Il Movimento Cinque Stelle torna a salire: dal 24% al 25,5%
Crolla definitivamente il Partito Democratico: dal 27% che aveva mantenuto il 19 aprile al 22%.
Fra gli altri, risale SEL di Nichi Vendola al 5,3%, evidentemente raccogliendo qualche deluso a sinistra, stazionari Lega Nord, Udc, Fratelli d'Italia e Rivoluzione Civile (questi tre ai limiti dell'ininfluente), stazionaria pure Scelta Civica, che dovrebbe accontentarsi, secondo SWG, di un 6,1%.

22 aprile 2013

Fra il 18 e il 19 aprile 2013, EMG Srl ha realizzato per La7 un sondaggio sulle intenzioni di voto. La domanda, posta a un campione di 1000 soggetti, era:

«Supponga ora di essere in questo momento nella cabina elettorale per le nuove elezioni politiche. Lei quale di questi partiti pensa di votare?»

La risposta è enormemente punitiva (e non sorprende, per il Pd). Ecco le cifre:

Rivoluzione Civile di Ingroia: 1.3%
Sinistra, Ecologia eLibertà con Vendola: 5.2%
Altri csx (Centro Democratico + SVP): 0.9%
UDC di Casini: 1.8%
Con Monti per l'Italia - Scelta Civica: 4.3%
Fini - Futuro e Libertà: 0.3%
Il Popolo della Libertà di Berlusconi e Alfano: 27.1%
Lega Nord di Maroni: 4.1%
Fratelli d'Italia: 2.1%
La Destra di Storace: 0.7%
Altri cdx (Mir, I Pensionati di Fatuzzo, Grande Sud - Mpa, Intesa Popolare): 0.8%
Movimento Cinque Stelle - Beppe Grillo: 29.1%
Altri partiti: 2.0%
Voterò scheda bianca/nulla: 3.1%
Sono indeciso/non so: 16.1%

Movimento 5 Stelle: il giudizio degli italiani


Pareri quasi opposti tra elettori M5S e tutti gli altri

Il Movimento 5 Stelle è davvero diverso da tutti gli altri? E la sua linea politica è giusta o sbagliata? Non è difficile immaginare che gli elettori a Cinque Stelle e il resto del corpo elettorale abbiano risposto in maniera diversa alle domande del sondaggio Swg presentato questa mattina ad Agorà. Ma forse una differenza del genere non ce la si immaginava.

La prima domanda è: "Come giudica la linea politica dell'M5S?". Il 76% degli elettori di Beppe Grillo la considera giusta; il 16% sbagliata; l'8% non sa. Il che significa che circa 2 milioni degli 8 che hanno votato M5S non sono del tutto d'accordo. Ma se si prende l'intero corpo elettorale (inclusi anche gli elettori a Cinque Ste";}}

  • shares
  • Mail
190 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO