Berlusconi: "Il reddito di cittadinanza è una bufala, una barzelletta"

"Con un reddito di 780 euro al mese, al massimo saranno un milione di persone che potranno usufruirne"

Silvio Berlusconi

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, fino a prova contraria ancora alleato della Lega - solo pochi giorni fa il centrodestra si era detto più unito che mai - non sembra aver accolto di buon grado la manovra annunciata dal governo in cui non è riuscito ad entrare a causa del veto di Luigi Di Maio.

E, così, pur forte dell'alleanza con uno dei partiti al governo, oggi Berlusconi è tornato all'attacco di quanto deciso dall'esecutivo di Giuseppe Conte, concentrandosi però sul reddito di cittadinanza tanto caro a M5S, definito "una barzelletta, è una bufala e una presa in giro degli italiani", sottolineando come "nessuno lo ha spiegato bene, neanche i nostri".

Intervenendo alla convention di Forza Italia che si è tenuta oggi all'Hotel Gallia di Milano, organizzata dall'ex ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini, Berlusconi ha sottolineato come, secondo lui, le cifre non tornerebbero:

I miliardi di sforamento sono 9, attribuiti al reddito di cittadinanza. Basta fare i conti: con un reddito di 780 euro al mese, al massimo saranno un milione di persone che potranno usufruirne. Eppure l'hanno venduta come la fine della povertà.

Più in generale, parlando della manovra, l'ex Presidente del Consiglio si dice certo che non servirà a far ripartire il Paese:

Non ci sono misure per fare ripartire il Paese. Quando sale lo spread è simbolo di poca credibilità. Se l'Europa boccia il Def, noi con le agenzie di rating perderemo credibilità e diventeremo spazzatura. Mi auguro che non si vada a un rigetto totale della legge di bilancio, altrimenti avremo conseguenze negative.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO