Paolo Savona e il fondo speculativo fintech Euklid: Corsera chiede chiarimenti al Ministro

L'economista ha denunciato 50mila euro in azioni Euklid e altri 1,3 milioni di euro custoditi in Svizzera. Giallo sulle dimissioni dall'Hedge fund, l'Antitrust italiana non ha riscontrato però irregolarità

savona fondo speculativo euklid .jpg

Paolo Savona, il Ministro euroscettico degli Affari europei - che però in settimana è stato l’unico del governo ad avanzare dubbi sullo sforamento dei parametri di bilancio Ue - prima che si formasse l’esecutivo Lega-M5s, ha lasciato la carica di presidente della società londinese Euklid Ltd che gestisce un Hedge fund tech che si basa sull’uso di intelligenza artificiale e tecnologia blockchain. Si tratta di un fondo che agisce puntando sia sui rialzi sia sui ribassi e che si indebita per ampliare le proprie posizioni, un fondo speculativo a tutti gli effetti, come spiega il Corriere della Sera in un articolo di oggi a firma Federico Fubini.

Il potenziale conflitto di interesse di Savona

Savona si è dimesso da presidente di Euklid ma resta azionista della società possedendo 50mila azioni di classe B (una azione un voto) del capitale della società per un valore nominale di oltre 56mila euro: "in apparenza circa il 14% dei titoli su un totale dichiarato al registro delle imprese di Londra di 263.700 azioni in euro e 75.000 azioni in sterline" scrive il Corriere. Tutto alla luce del sole come prevedono le norme in vigore. Sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri Paolo Savona ha caricato la sua dichiarazione dei redditi in cui compaiono quei 50mila titoli.

Inoltre il Ministro ha denunciato altri 1,3 milioni totali di euro custoditi in Svizzera, in due rapporti finanziari distinti: una polizza e un conto. Qual è il problema? Un potenziale conflitto di interesse. Sempre il Corriere spiega che "la carica di presidente, quella alla quale Savona ha rinunciato, nel diritto societario britannico non esiste. O meglio, non come in Italia. A Londra essa è determinata dalle regole interne della società e a Euklid il presidente dispone di un voto doppio".

Nome del Ministro in registro imprese "fino a ieri sera"

Il registro delle imprese britannico alla pagina sulle "persone" in carica a Euklid Ltd fino a "ieri sera" citava due director nella posizione "active", Joseph Bradley, italo americano di 34 anni, e appunto Paolo Savona. Euklid ha dimenticato di comunicare al registro delle imprese britannico che Savona non è più director? La conseguenza sarebbe quella di avere un ministro "potenzialmente responsabile" delle azioni del fondo speculativo.

"Ciò appare in contrasto con la dichiarazione presentata dallo stesso ministro il 6 agosto scorso per la presidenza del Consiglio: lì Savona lascia vuota la casella sull’esercizio di eventuali funzioni di amministratore o sindaco di società" aggiunge ancora Fubini. Savona non ne avrebbe però nessuna colpa: "Di certo, a Roma l’Autorità antitrust, incaricata di controllare, per ora non ha segnalato conflitti d’interesse riguardo all’economista". Interpellato sul punto dal Corsera il Ministro, almeno per ora, non ha risposto.

Noi siamo andati a controllare oggi e il nome di Savona non compare più tra i membri del team che sono indicati sul sito di Euklid.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO