Martina: "con questo governo paese in pericolo". Zingaretti: "voltare pagina"

Maurizio Martina paese in pericolo

Il segretario del Pd Maurizio Martina oggi era seduto al fianco di Nicola Zingaretti che la lanciato la sua candidatura a segretario dem. "Io penso che ci sia una battaglia fuori di noi da condurre" ha detto Martina per poi ricordare ai suoi che "che il nostro avversario sta fuori da qui, è questa destra pericolosa e noi dobbiamo unirci e aprirci. Dobbiamo condurre una battaglia dura ma necessaria contro questo governo che sta mettendo in pericolo il Paese".

Secondo l’attuale presidente della Regione Lazio, il Pd deve "voltare pagina, cambiare strada" smettendola di premiare "i fedeli e non i migliori" con evidente frecciatina inviata alla gestione renziana del partito, sopravvissuta alla caduta del governo dell’ex sindaco di Firenze.

Secondo Zingaretti "per troppo tempo ci si è illusi che per non disturbare qualcuno era meglio ritrovarsi tra eguali e forse c'è stata una selezione della classe politica nella quale si sono scelti non i migliori, ma i più fedeli e questo lo abbiamo pagato tutti noi".

Zingaretti e il progetto Piazza Grande

Per questo ha aggiunto il governatore: "Vogliamo cambiare strada e costruire una nuova speranza per questo Paese. Non può farlo un leader da solo, ma un popolo che si rimette in cammino. Questa è la sfida di Piazza Grande".

Una sfida che sa di rigenerazione, di rinascita: "Abbiamo avviato un percorso senza confini più ampio dei confini di un partito che si deve rigenerare, perché in una fase storica in cui due idee diverse si dividono e si contrappongono, deve seguirne una in cui 100 idee fanno un'unica politica. Vogliamo rigenerare una cultura politica fatta di inclusione, di umiltà fatta di ascolto di chi ha bisogno di essere ascoltato".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO