La manovra spagnola: patrimoniale, aumento delle tasse per i ricchi e salario minimo

Accordo in Spagna tra Sanchez ed Iglesias per la manovra "più a sinistra della storia"

Mentre in Italia si lavora sulla cosiddetta "Manovra del Popolo" - stiracchiata tra risicati redditi di cittadinanza e sogni di Flat Tax - in Spagna la maggioranza ha raggiunto l'accordo per la "Manovra per uno Stato sociale". Il Partito Socialista e Podemos hanno infatti raggiunto l'intesa per la manovra economica per il 2019 che i media spagnoli non hanno esitato a definire "la più a sinistra della storia".

Podemos è riuscita a trascinare i socialisti verso sinistra, arrivando a formulare una manovra diretta a tutelare le fasce più deboli della popolazione, inseguendo gli obiettivi di giustizia sociale che sono stati il manifesto del movimento politico "nato dal basso". Dentro c'è un po' di tutto: patrimoniale, aumento del salario minimo, imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin tax), la tutela del diritto alla casa e la tutela dell'ambiente.

Come spiegato nel documento introduttivo, questa manovra riporta al centro del dibattito il welfare, minato da anni di politiche di austerità: "I cittadini e le cittadine di questo Paese hanno visto crescere in questi anni le disuguaglianze, la povertà e la precarietà, mentre si riducevano gli investimenti nel welfare, cioè nei servizi pubblici che garantiscono uguali opportunità nella sanità, nell’educazione e nel mondo del lavoro. La maggioranza degli spagnoli si è impoverita mentre si privilegiava una minoranza: con la scusa della crisi si è portata avanti un’austerità a oltranza, concentrata esclusivamente sulla riduzione del debito pubblico".

Il rapporto deficit/pil è stato fissato all'1,8%, tenendo anche conto che la crescita del Pil spagnolo per l'anno prossimo è stimata al 2,3% e che la Spagna, quest'anno, dovrebbe attestarsi ad un +2,6%.

Riforma fiscale in favore dei più poveri

La patrimoniale sarà pari all'1% e colpirà i patrimoni superiori ai 10 milioni di euro, con l'obiettivo di promuovere la redistribuzione. Aumenteranno da 291 a 473 euro all'anno le detrazioni per ogni figlio a carico, con possibilità di ulteriori incrementi per le madri che lavorano. È stato anche deciso di stanziare 300 milioni di euro per gli asili nido, in modo da universalizzare la scuola da 0 a 3 anni. Si tratta di decisioni concrete per favorire la parità di genere, alla quale si affianca l'equiparazione dei permessi di paternità a quelli di maternità, con l'obiettivo di portarli entrambi a 16 mesi nel 2021. Sempre guardando alle esigenze del mondo femminile, la nuova manovra prevede anche la riduzione dell'IVA dal 10 al 4% sui prodotti femminili quali tamponi e assorbenti; una battaglia sostenuta da Pippo Civati in Italia, in larga parte deriso scioccamente anche dagli ex compagni del PD.

A contribuire di più sarà chi guadagna di più, nel pieno rispetto del principio di progressività. L'IRPF salirà di due punti per chi guadagna più di 130mila euro all'anno e di 4 punti per i redditi oltre i 300mila euro. La Tobin Tax sarà invece dello 0,2% sulle transazioni finanziarie sopra il miliardo di capitale. Il Governo ha anche previsto di estendere alle società la possibilità di dedicare lo 0,7% delle imposte a fini sociali.

Per la tutela del diritto alla casa il Governo ha previsto la possibilità in capo ai Sindaci di calmierare, "temporaneamente ed eccezionalmente", gli affitti delle case, in modo da evitare così bolle speculative ai danni di chi non ha i soldi per comperare una casa.

Salario minimo e fondi per la ricerca

È stato inoltre rivisto al rialzo il salario minimo garantito, che passerà da 735,90 euro a 900 euro. Previsto anche un nuovo sistema di adeguamento all'inflazione reale per le pensioni. Il Governo ha inoltre ridotto le tasse universitarie ed ha stanziato un fondo da 50 milioni di euro per garantire l'acquisto del materiale scolastico, destinato alle famiglie in difficoltà. Nel Presupuestos è stato trovato anche lo spazio per aumentare del 6,7% i fondi destinati alla ricerca. Una larga parte dell'accordo è dedicata ai cambiamenti climatici e alla tutela dell'ambiente; sono state gettate le basi per una legge sulla transizione energetica, che comprenderà anche la creazione di un fondo per contribuire all'acquisto di auto elettriche.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO