Rimborsopoli in Liguria: chiesti 3 anni e 4 mesi per il leghista Rixi, viceministro alle Infrastrutture

Il sostituto procuratore Francesco Pinto ha chiesto di punire Rixi per le spese pazze quando vestiva i panni di consigliere regionale

Il sostituto procuratore Francesco Pinto ha chiesto di condannare 21 tra ex ed attuali consiglieri della Regione Liguria nell'ambito del processo "spese pazze". Secondo l'accusa i consiglieri si sarebbero fatti rimborsare illegittimamente, con soldi pubblici, delle spese personali spacciandole per spese istituzionali, legate quindi all'esercizio delle funzioni. Nelle elenco ci sono le spese più disparate; cene, viaggi, bibite, fiori e perfino gratta e vinci. Si parla del periodo compreso tra il 2010 e il 2012 e questo non è l'unico processo promosso dalla Procura di Genova per questi fatti.

Il rimborso di queste spese sono state motivate nei modi più disparati dagli indagati, ma secondo l'accusa le loro "pezze d'appoggio" non si sarebbero dimostrate soddisfacenti. Tra le richieste di condanna c'è anche quella di Edoardo Rixi, a suo tempo capogruppo per la Lega Nord in consiglio regionale. Per lui Pinto ha chiesto 3 anni e 4 mesi di reclusione. Rixi è stato rieletto lo scorso 4 marzo alla camera dei deputati con la Lega ed il 18 settembre scorso è stato nominato viceministro al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Queste tutte le richieste del sostituto procuratore: Rosso - 3 anni e 6 mesi; Miceli - 3 anni; Siri - 2 anni e sei mesi; Limoncini - 3 anni e 6 mesi; Melgrati - due anni e tre mesi; Rocca - due anni e tre mesi; Saso - due anni e sei mesi; Della Bianca - due anni e sei mesi; Garibaldi - due anni e tre mesi; Boffa - due anni e due mesi; Chiesa - assoluzione; Morgillo - due anni e sei mesi; Conti - due anni e due mesi; Rossi - due anni e sei mesi; Capurro - due anni e tre mesi; Rixi - tre anni e 4 mesi; Donzella - assoluzione; Bruzzone - due anni e tre mesi; Fusco - un anno e 4 mesi; Quaini - assoluzione

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO