"Pista ciclabile fatta apposta per i migranti": la segretaria della Lega di Prato chiede scusa

La marcia indietro arriva via Facebook

piste ciclabili prato lega ovattoni

Uscita “a vuoto” della segretaria della Lega di Prato, Patrizia Ovattoni: commentando il progetto della giunta a maggioranza PD per la realizzazione di una pista ciclabile, l’esponente del Carroccio aveva lamentato il fatto che avrebbe favorito i migranti, che solitamente si spostano in bicicletta. L’idea del sindaco Matteo Biffoni è quella di destinare 600 mila euro per ammodernare una grande strada, via Montegrappa, con tanto di realizzazione della pista ciclabile al posto di una carreggiata, di rinnovamento dell'illuminazione e di sostituzione degli alberi. La nuova strada, secondo la Ovattoni, "sembra fatta per favorire i migranti a discapito dei residenti pratesi che si spostano con la macchina", poiché "molti richiedenti asilo non hanno l'auto e utilizzano la bici".

La segretaria leghista di Prato aveva precisato il proprio pensiero durante un’ospitata telefonica alla trasmissione La Zanzara, su Radio 24, ma sono bastati pochi minuti affinché la sua pagina Facebook fosse presa di mira con commenti ironici e anche qualche insulto. È per questo motivo che la Ovattoni ha deciso di pubblicare un post di scuse sul social network di Mark Zuckerberg: "Chiedo scusa a chi va a lavorare in bici, ai ciclisti che con passione si dedicano a questo sport...a tutti quelli che usano la bici a Prato...SCUSATEMI..".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO