Draghi lancia l’allarme sull’Italia, la replica di Bagnai: "Parole improprie"

Il Presidente della Commissione Finanze al Senato perplesso dal capo della Banca centrale europea

draghi bagnai

"L'Italia, come Brexit e la guerra commerciale, è fra le incertezze per lo scenario dell'Eurozona": Mario Draghi, Presidente della Banca centrale europea, si è espresso così nella giornata di ieri a margine del Consiglio direttivo della Bce che ha lasciato i tassi d'interesse invariati. Insomma, la situazione italiana con la bocciatura della manovra da parte della Commissione Europea, è una delle variabili che sta in questo momento alimentando l’incertezza nel Vecchio Continente. Un’esternazione che non è piaciuta affatto ad Alberto Bagnai (Lega), Presidente della Commissione Finanze al Senato.

"A me sembra improprio - dichiara a Radio anch’io - che il massimo responsabile della stabilità finanziaria in Europa emetta degli allarmi, seppur poi velati e temperati, circa la tenuta delle banche di un paese che è sotto il controllo della sua vigilanza". Non solo la commissione UE, dunque, la maggioranza gialloverde deve fare i conti anche con una certa ostilità da parte della Bce. "Se ascoltiamo tutte le dichiarazioni di Draghi di ieri - continua Bagnai - vediamo che c'è anche un apertura al fatto che le politiche non convenzionali possano proseguire se le condizioni lo richiederanno. E quali sono le condizioni? Per esempio quelle che la BCE si è data e non riesce ad ottenere e cioè che l'inflazione raggiunga stabilmente l'obiettivo del 2%".

Di Maio: "Draghi avvelena il clima"

A stretto giro di posta, è arrivata la replica a Draghi anche da parte del vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio: "Secondo me siamo in un momento in cui bisogna tifare Italia e mi meraviglio che un italiano si metta in questo modo ad avvelenare il clima ulteriormente".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO