Standard&Poor's conferma il rating dell'Italia, ma taglia l'outlook a negativo

Dopo Moody’s anche Standard&Poor's ha espresso preoccupazione per la situazione italiana

Standard & Poor's ha confermato il giudizio negativo sull'Italia allineandosi a quanto deciso da Moody’s sabato scorso. L'agenzia ha confermato il rating sul debito pubblico italiano, classificato come BBB, ma ha tagliato l'outlook a negativo. Per entrambe le agenzie di rating - che utilizzano scale di valutazione diverse - l'Italia è a due gradini sopra il livello "junk". S&P ha motivato la scelta di tagliare l'outlook con l'assenza di riforme strutturali, la stagnazione economica e la previsione che il debito pubblico italiano possa crescere in modo eccessivo alla luce della manovra programmata dal Governo. Anche S&P ha mostrato preoccupazione per i rapporti tesi con l'Unione Europea, manifestando il timore che l'Italia possa uscire dall'Eurozona.

Ricordiamo che in agosto Fitch Ratings aveva fatto lo stesso tipo di valutazione; confermò il rating BBB tagliando l'outlook a negativo. Le tre principali agenzie di rating giudicano, dunque, l'Italia allo stesso modo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO