Martina al Forum PD: "Rischiamo un Paese ingiusto e pericoloso"

Il segretario del PD ha chiuso la due giorni di Milano.

Maurizio Martina Forum PD 27-28 ottobre 2018

Si è concluso oggi il Forum PD a Milano durato due giorni e che ha visto gli interventi di alcuni dei suoi più illustri rappresentanti. Ieri è stata la giornata di Walter Veltroni, oggi hanno parlato altri big come Beppe Sala, padrone di casa in quanto sindaco di Milano, Graziano Delrio, Gianni Cuperlo, Massimo Cacciari e, in chiusura, il segretario "reggente" e "uscente" Maurizio Martina.

In particolare, Beppe Sala ha detto:

"Pensare di minare le basi del Pd prima selle Europee è una follia, serve un segretario che faccia il mediano e non che pensi a se stesso come candidato premier, e serve una opposizione dura non solo sui giornali ma nelle piazze"

E su chi sarà il segretario ha aggiunto:

"Da sindaco e da Beppe Sala voglio un segretario che anche nei rari momenti di autoesaltazione che questo ruolo può dare non penserà a se stesso come candidato premier, che stia un giorno a Roma e gli altri in giro, al Sud, perché poi ci lamentiamo che lì non arriviamo, che parli con tutti, perché le partnership non si costruiscono solo vicino alle elezioni"

E ancora:

"Qui non ci chiudiamo in conclave e non guardiamo i sondaggi. Ascoltiamo, creiamo rete e la gestiamo ogni giorno, senza derogare sulle linee politiche ma sottoponendo le nostre scelte ai tanti popoli di Milano. Stiamo con i piedi per terra ma rilanciamo sempre verso il futuro"

Il segretario Maurizio Martina è intervenuto per ultimo per chiudere i lavori e ha parlato anche del governo, ripetendo quanto detto nei giorni scorsi e cioè che il Paese rischia la recessione. Poi si è soffermato, in particolare, sul condono contenuto nel decreto fiscale e ha detto:

"Richiamo un Paese più ingiusto e pericoloso. Un Paese in cui un evasore può pagare con lo sconto del 20% e un precario paga il 23%. Rischiamo un paese dove la furia ideologica della propaganda"

Martina ha concluso il suo discorso tornando sul futuro immediato del PD, che fisserà il congresso entro la prima metà di febbraio 2019, e ha detto:

"Con questo Forum si completa il mandato che ho ricevuto. Nei prossimi giorni con la segreteria concluderemo questa fase perché il mandato era quello di arrivare a concepire un percorso per raccogliere idee fondamentali per la prospettiva futura del PD. Prego tutti di considerare gli esiti di questa due giorni come un patrimonio della nostra comunità. Dobbiamo partire da qui e da quella Piazza del Popolo a Roma. Non è mia, non è di qualcuno, è di tutti. Penso che sia giusto chiedere alla presidenza di riconvocare l'Assemblea Nazionale, penso che l'11 novembre possa essere la data giusta. Vi devo dire con franchezza che credo che il nostro congresso possa essere un'occasione per fare una parte del lavoro che ci manca"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO