Maltempo, Zaia: "serve un Piano Marshall per la montagna"

"l'espressione è abusata, ma dobbiamo partire non dalle macerie bensì dalle ceneri"

Luca Zaia questa mattina ha accolto nel bellunese Matteo Salvini, arrivato in rappresentanza del Governo per rendersi conto in prima persona della devastazione causata dal maltempo. Il Governatore è preoccupato per il futuro delle zone di montagna ed ha invocato un serio piano d'investimento per far tornare la vita tra i monti: "Le scene apocalittiche che abbiamo appena visto meritano un piano Marshall per la montagna, anche se l'espressione è abusata. Ma dobbiamo partire non dalle macerie ma dalle ceneri. Dobbiamo ripristinare il patrimonio distrutto e farlo così rapidamente da evitare che la popolazione sia indotta ad andarsene dalla montagna".

Dalla mezzanotte di sabato è attivo il numero 45500, istituito per donare due euro a Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria. La Regione Veneto ha anche attivato un conto corrente presso la Banca Unicredit ed ha invitato a contribuire con un bonifico all'Iban IT 75 C 02008 02017 000105442360, con causale "Veneto in ginocchio per maltempo ottobre-novembre 2018".

Zaia ha spiegato che, al momento, è stato possibile fare solo una stima approssimativa dei danni: "possiamo stimare i danni in almeno un miliardi di euro, con 100 mila ettari di bosco andati distrutti, e 100 chilometri di strade provinciali e comunali da ripristinare". In ogni caso il Governatore ha promesso che la Regione farà di tutto per ripartire in vista dell'inizio della prossima stagione sciistica: "saremo pronti per la prossima stagione sciistica e le Dolomiti ospiteranno senza alcun problema i Mondiali di Sci del 2021 a Cortina, e faremo ancora di più per avere le Olimpiadi Invernali del 2026".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO