Chiusure domenicali, Sala a Di Maio: “non rompete le palle a Milano, fatelo ad Avellino”

Di Maio: "Sala sindaco fighetto del Pd"

chiusure domenicali polemica sala di maio mastella

Sulle chiusure domenicali dei negozi è polemica tra Luigi Di Maio e il sindaco di Milano Beppe Sala (Pd), polemica nella quale si inserisce anche Clemente Mastella che si sente chiamato in causa come uomo del Sud. Ma cos'è successo?

Sala vs Di Maio sulle chiusure domenicali

Sala, ospite per un intervento all'Università Bicocca, ha colto l’occasione per scagliarsi nuovamente contro la proposta del vicepremier e ministro dello Sviluppo/Lavoro Luigi Di Maio sulle chiusure domenicali di negozi ed esercizi pubblici. "Se le vogliono fare in provincia di Avellino (qui è nato Di Maio, Ndr) le facciano, ma a Milano è contro il senso comune. Pensassero alle grandi questioni politiche, non a rompere le palle a noi che abbiamo un modello che funziona".

Di Maio ha prontamente replicato su Facebook. "Per il sindaco di Milano i diritti delle persone sono una rottura di palle. Nessuno vuole chiudere nulla a Milano né da nessun'altra parte, ma chi lavora ha il diritto a non essere più sfruttato. Questo rompe le palle a un sindaco fighetto del Pd? E chi se ne frega!". 

La controreplica del sindaco, sempre via social, non si è fatta attendere: "Quando il ministro Di Maio avrà lavorato nella sua vita il 10% di quanto ho fatto io, sarà più titolato a definirmi fighetto. Non ho altro da aggiungere".

Mastella "offeso" da Sala

Nella polemica si è inserito anche l’ex Guardasigilli Clemente Mastella, oggi sindaco di Benevento, eletto con Forza Italia: "Non condivido nulla o quasi del programma del M5s, ma sono indignato come meridionale per le parole a vanvera e poco dignitose del collega Sala. Si può esprimere la propria opinione in dissenso ma non così. Francamente non così. Spero che Sala chiarisca e chieda scusa alla città di Avellino".

Salvini: Sala ha sbagliato

Contro Sala anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini: "Da milanese mi sembra quantomeno irrispettoso, da milanese e da ministro sto facendo il possibile e l'impossibile per portare più forze dell'ordine a Milano e recuperare aree di legalità alla tranquillità dei cittadini. E se fossi il sindaco più che di occuparmi del governo, di Avellino, mi occuperei di alcune zone della mia città assolutamente fuori controllo" ha detto Salvini.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO