Le pagelle del lunedì

Walter Veltroni: guardiacaccia. Voto: + 7. Il leader del Pd non lascia cadere nel vuoto la minaccia di Umberto Bossi pronto “a imbracciare i fucili” se le schede elettorali (porcata?) non verranno ristampate. Berlusconi getta acqua sul fuoco: “Bossi usa solo un linguaggio paradossale e metaforico”. Ma Veltroni taglia corto e accusa: “Parole indegne di un ministro della Repubblica”. L’Italia ritorna nel Medioevo. Passando per Pontida.

Alfonso Pecoraro Scanio: “berlusconato”. Voto – 9. Il ministro dell’Ambiente si è sempre distinto nell’invocare le manette per gli avversari (Berlusconi su tutti) con un avviso di garanzia in tasca. Adesso che il capo dei Verdi è indagato per truffa e corruzione è costretto a subire la perfida “solidarietà” del Cavaliere: “Poverino Pecoraro, ha i giudici addosso , per questo mi comincia a diventare persino simpatico”. Peggio del sale sulle ferite, per Pecoraro. Chi la fa l’aspetti. E’ boomerang. E’ la legge del contrappasso dantesco.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO