La senatrice Fattori: nel M5s clima da terrorismo psicologico

Resa dei conti al via nel M5s?

fattori terrorismo psicologico nel m5s gettyimages-163772195.jpg

Dopo le espulsioni dei senatori 5 Stelle Gregorio De Falco e Paola Nugnes, la senatrice Elena Fattori, già in rotta di collisione con il suo partito per la storia dei vaccini, denuncia: "nel Movimento c'è un clima da terrorismo psicologico".

Fattori: grazie a De Falco e Nugnes

La Fattori, con un post sui social, ringrazia i colleghi dissidenti espulsi dal gruppo M5s al Senato: "Un sentito grazie ai colleghi De Falco e Nugnes che hanno seguito la loro coerenza, hanno pensato prima al bene dei cittadini e dell'ambiente che agli ordini di scuderia... Grazie anche per il coraggio di una scelta non semplice in un clima di terrorismo psicologico lontano da ogni forma di democrazia e condivisione". Nugnes e De Falco ieri sera hanno fatto passare un emendamento di Forza Italia al Decreto Genova che ha di fatto svuotato il condono per Ischia.

Elena Fattori come i colleghi De Falco e Nugnes aveva già disertato l'aula di Palazzo Madama, sede del Senato, per il voto di fiducia posto dalla maggioranza sul Decreto sicurezza e immigrazione fortemente voluto dal ministro dell'Interno Matteo Salvini.

La senatrice già contro i no vax "di governo"

Prima della pausa estiva, in agosto la senatrice aveva espresso il suo "indignato voto contrario" sull’emendamento della maggioranza al decreto Milleproroghe che aveva rinviato all’anno scolastico 2019/2020 l’obbligo di vaccinare i bambini che dovevano iscriversi alla scuola dell'infanzia. "Un decreto brutto, nel metodo e nel merito" aveva spiegato la senatrice che circa un mese prima aveva pubblicamente dichiarato, con un messaggio alla ministra della Salute Giulia Grillo, di essere madre di un "bimbo fragile" costretta a non vaccinarlo e a temere quindi per la sua salute.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO