Di Maio: "Non temo le elezioni"

"Fondi Europei? Francia e Germania non minaccino l'Italia"

Il Movimento 5 Stelle teme nuove elezioni? No, almeno secondo Luigi Di Maio. Il vicepremier oggi ha aperto la festa del vino cooperativo a Milano, organizzato dall'Alleanza delle Cooperative Agroalimentari. Il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha detto anche di trovare "normale" che il suo alleato Matteo Salvini continui ad incontrare Silvio Berlusconi "perché loro sono alleati sul territorio", mentre "noi abbiamo un contratto di governo a livello nazionale" e "a livello regionale e comunale ognuno è per sé".

Poi Di Maio ha parlato della notizia riportata ieri dal giornale tedesco Der Spiegel, secondo il quale la Francia e la Germania avrebbero raggiunto l'accordo per la creazione di "un fondo dell'Eurozona per gli investimenti". L'intenzione dei due partner europei sarebbe quella di creare un nuovo fondo per i soli Paesi dell'area Euro, a beneficiare del quale saranno solo i Paesi rispettosi delle regole europee. In buona sostanza, un fondo che vedrebbe l'esclusione della ribelle Italia.

A questa proposta di Francia e Germania, studiata in vista del vertice UE di dicembre, ha così risposto Di Maio: "Se si pensa di minacciare l'Italia dicendo non vi diamo più fondi europei, ricordiamo che quelli sono soldi degli italiani perché noi ne diamo più di quelli che riceviamo ogni anno dall'Europa. Si deve essere in tanti a livello europeo e non solo due Paesi. Se il criterio è che non si erogano più fondi a chi non si attiene alle regole dell'austerity, io posso essere anche d'accordo; ma se andiamo a vedere negli ultimi 10 anni chi ha rispettato le regole austerity…".

Di Maio ha poi parlato proprio del problema dei fondi europei in essere, che l'Italia storicamente non riesce mai a sfruttare a dovere: "dobbiamo fare ancora molto e sono contento che Barbara Lezzi stia portando avanti un programma di incontri continuo per chiedere ogni mese a che punto siamo. Non è mai sano quando bisogna spendere i soldi l'ultimo mese, ma cerchiamo di non perderli perché questi sono soldi nostri".

Infine Di Maio ha parlato degli investimenti sulla banda larga: "La nostra ambizione è creare un player unico che consenta di far arrivare la connessione a tutti gli italiani. Anche nelle zone più complicate dove il mercato non arriva. Serve banda larga, 5G, serve connettività ad alta velocità perché questo ci rivoluzionerà il sistema della mobilità della sanità e delle imprese. Sarà un player pubblico? vedremo nei prossimi giorni se a maggioranza pubblica o privata".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO