Berlusconi a SkyTg24: "Ho mantenuto tutte le promesse, compreso il milione e mezzo di posti di lavoro"


Silvio Berlusconi ieri è stato intervistato da Gianluca Semprini per SkyTg24. Il leader del Pdl è tornato ad attaccare Mario Monti; in particolare, secondo il Cavaliere, quello che dice il Professore "non ha più credibilità". Il motivo è legato all'incoerenza nella scelta di salire in campo:

Non sono qui per criticare Monti che ne ha dette tantissime negli ultimi tempi, e quello che dice non ha più credibilità. Era stato messo a guida di un governo tecnico con una promessa. Aveva detto che non avrebbe approfittato della promozione, lo aveva promesso a tutti gli italiani e ora ce lo troviamo lì come leader di una coalizione con compagni di viaggio che ti raccomando...

Dopo aver rivendicato una sua, a dispetto di Monti, linearità di comportamento, Berlusconi ha ribadito la fiducia nel bipolarismo chiarendo che "il nostro avversario è Bersani, non Monti" e cioè quel "partito che viene dall'ideologia comunista e che ha cambiato molte volte nome". Quindi la dichiarazione, un po' inverosimile visti i precedenti storici, sul suo futuro:

Non è detto che io debba per forza essere il presidente del Consiglio. La legge dice che i partiti devono indicare il leader della coalizione: il premier sarà indicato successivamente, e sarà scelto dal Presidente della Repubblica. Quindi, tutto quello che si è detto sulla presidenza del Consiglio non attiene alla realtà e il mio partito potrebbe indicare anche un altro nome e si tenga conto che poi bisogna anche eleggere il presidente della Repubblica. Io mi adeguerò, come sempre, alle decisioni del mio partito.


Per quanto concerne i provvedimenti da assumere qualora chiamato al governo, Berlusconi ha confermato l'intenzione di eliminare l'Imu sulla prima abitazione perché "per noi la casa è sacra", mentre è tornato a parlare in tema di fiscalità di Stato di polizia tributaria e di regime di terrore asserendo che "operazioni di lotta all'evasione come quella dello scorso anno a Cortina fanno soltanto male e recano colpi molto duri al nostro turismo che è una delle attività più importanti del nostro Paese" e obiettando il fatto che "anche la lotta all'evasione deve essere fatta in modo liberale".

Spazio anche per i casi Ruby e Nicole Minetti. L'ex Premier ha chiarito di non aver "mai detto che Ruby fosse la nipote di Mubarak", ma anzi di essere vittima di "una mostruosa operazione di diffamazione montata dal tribunale di Milano perché le accuse non giustificavano le indagine e le 150mila intercettazioni di chi ha avuto la sfortuna di accettare un mio invito a cena". Sull'ex consigliera regionale in Lombardia invece il Cavaliere ha ammesso che la ragazza "ha perso l'equilibrio che sembrava avere" perché "travolta da un'onda più grande di lei".
Infine, la rassicurazione:

Ho mantenuto tutte le mie promesse. Tutto realizzato anche un milione e mezzo posti di lavoro. Ora l'attenzione del governo sarà sulle imprese per snellire i vincoli che la burocrazia pone e per arrivare ad un patto tra le imprese e le banche con la garanzia del governo per avere un credito alle aziende.

Nel corso dell'intervista non sono mancati momenti di tensione tra Berlusconi e Semprini. Per esempio, poco prima che partisse un blocco pubblicitario e dopo essere stato interrotto dal giornalista, il leader del Pdl ha vistosamente scosso le mani manifestando insofferenza non si sa se per l'interruzione operata dal conduttore o se per i contenuti dell'intervista stessa.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO