Violenza sulle donne, reati in calo ma Salvini annuncia: "Introdurremo bollino rosso"

I dati sono stati forniti dalla Polizia di Stato

violenza donne

La Polizia di Stato, che oggi a Verona ha lanciato la campagna “Questo non è amore”, sottolinea come nei primi nove mesi del 2018 i reati “spia” del femminicidio siano in calo. Meno violenza sulle donne dunque: stalking, maltrattamenti domestici, percosse, violenze sessuali sono in calo, mentre contestualmente si registra un aumento dell’azione di contrasto, in termini di arresti e denunce. Da qui l’iniziativa della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, che con la campagna “Questo non è amore” intende sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica in vista della Giornata Internazionale che si celebrerà il prossimo 25 novembre in tutto il mondo.

Da quanto emerge dai dati forniti dalla Polizia a Verona, tra gennaio e settembre 2018 il numero delle donne uccise è sceso di tre unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (94 casi contro 97), ma solo in 32 casi è appropriato parlare di femminicidio, fanno sapere. Nel dibattito si è inserito anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che ha annunciato un’importante novità in merito: l’introduzione di un bollino rosso sulle di stalking e violenza sulle donne in modo che le forze dell’ordine diano priorità a queste denunce rispetto ad altre.

Salvini: "Segnalazioni violenza su donne avranno priorità"

"Porterò in Cdm il prima possibile un intervento a difesa delle donne sul bollino rosso - dichiara il vicepremier - perché sui fascicoli dei magistrati le denunce di stalking e di violenza contro le donne non finiscano all'ultimo posto". Di recente, infatti, troppe denunce per stalking sono state relegate all’ultimo posto per importanza dalle forze dell'ordine e in alcuni casi, purtroppo, sono sfociate addirittura in tragedia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO