Manovra, il ministro Savona: "Così non va, è da riscrivere"

"Non si può più andare avanti così, non ha senso. E la manovra com’è non va più bene: è da riscrivere"

Paolo Savona

Tra i critici della manovra finanziaria italiana, bocciata ieri dalla Commissione Europea, c'è anche l'illustre economista che il leader della Lega Matteo Salvini avrebbe tanto voluto alla guida dei Ministero dell'Economia: Paolo Savona, poi scelto come Ministro per gli affari europei.

Intervenuto ieri alla presentazione del libro "Globalizzazione, governance, asimmetria" di Giancarlo Elia Valori, Savona ha puntato il dito contro i sovranismi e si è detto convinto che questi, alla fine, arriveranno a danneggiare lo sviluppo globale. E dire che fa parte di un governo orientato al sovranismo. Chissà, forse l'aver visto le cose dall'interno l'ha spinto a dare un giudizio negativo.

Savona si è detto critico anche sulla manovra finanziaria, che secondo il Ministro per gli Affari Europei sarebbe da rifare:

Non si può più andare avanti così, non ha senso. E la manovra com’è non va più bene: è da riscrivere.

Proprio stamattina il vicepremier Matteo Salvini ha ribadito la posizione del governo Lega-M5S, confermando che non c'è alcuna intenzione di fare un passo indietro. Poco importa, insomma, quello che decine di economisti sostengono da settimane e quello che sostiene anche un ministro dello stesso esecutivo che qualche mese fa era talmente stimato da voler essere messo a capo del MEF.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO