Di Maio: "Non vogliamo guerra con l'UE, ma dobbiamo rispettare le promesse"

L'intervista del capo politico del Movimento 5 Stelle al quotidiano La Repubblica

di maio la repubblica

Il governo Conte tira dritto sulla manovra, ma non vuole andare allo scontro senza quartiere con l’UE: parola di Luigi Di Maio. Il capo politico del Movimento 5 Stelle, nonché vicepremier, ha rilasciato oggi una lunga intervista al quotidiano La Repubblica ed ha ribadito che la sua intenzione e quella della maggioranza sia quella di rispettare le promesse fatte ai cittadini con il contratto di governo: "Non si tratta di fare la guerra all'Europa - esordisce - , ma di rispettare le promesse. E non è che facciamo tutto subito perché abbiamo esigenze politiche: il nostro obiettivo è mettere in sicurezza parti di società che non possono aspettare". Proprio per questo motivo, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico dice di voler fermare il continuo botta e risposta con Moscovici per avviare un dialogo costruttivo che porti a risultati concreti: "Non voglio - aggiunge Di Maio - continuare in questo scambio di battute quotidiano, dobbiamo sederci e discutere questa procedura potenziando gli spazi di dialogo".

Di Maio: "Non vogliamo uscire dall'Euro"

La bocciatura della manovra da parte dell’UE intanto ha mandato ulteriormente in fibrillazione i mercati e molti cittadini continuano ad essere spaventati dallo spread. Di Maio prova a gettare acqua sul fuoco: "Non taglieremo i punti cardine della Manovra, ma i prossimi giorni permetteranno ai mercati di essere rassicurati: questo governo non vuole uscire dall'Europa e dall'euro - insiste - , sarebbe anche un bene ribadirlo ai media esteri". "Vedo - argomenta ancora il ministro penta stellato - che ci sono grandi perplessità nei confronti della Manovra e da parte nostra ci sarà il massimo dialogo, ma non possono chiederci di tradire gli italiani".

Nelle ultime settimane, alcuni intoppi in Parlamento hanno anche confermato che all’interno della maggioranza ci sia qualche problema di tenuta. Il Movimento 5 Stelle sta perdendo qualche pezzo, mentre la Lega continua ad accrescere i propri consensi. Ad un certo punto Salvini potrebbe far saltare il banco a raccogliere tutto quello che ha seminato, ma Di Maio è sicuro che non lo farà: "Il governo? Durerà perché sappiamo già quali sono i punti su cui non andiamo d'accordo, lo abbiamo visto quando abbiamo scritto il contratto".

Di Maio: "Libertà di stampa, non di dire bugie"

Tornando infine sull’infelice uscita contro la stampa e i giornalisti, Di Maio prova infine a spiegare quale fosse il reale obiettivo del suo attacco dopo l’assoluzione del sindaco di Roma, Virginia Raggi: "No, io non ho parlato di tutti i giornalisti, ma credo - conclude - che la libertà di stampa non possa essere libertà di dire bugie".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO