Mattarella cita la Consulta: "Il bilancio dello Stato è bene pubblico"

L'intervento del capo dello Stato incontrando i Magistrati di nuova nomina della Corte dei Conti

mattarella bilancio stato

Sergio Mattarella ha ricevuto oggi al Quirinale i Magistrati di nuova nomina della Corte dei Conti. È stata l’occasione, per il capo dello Stato, per soffermarsi sulle implicazioni dell’equilibrio di bilancio, come evidenziato dalla Consulta. "Dopo la revisione costituzionale del 2012 e la modifica dell'art. 81 della Costituzione - ha ricordato Mattarella ai nuovi giudici della Corte dei Conti accompagnati dal presidente Angelo Buscema - , l'equilibrio di bilancio, osserva la Corte costituzionale, implica "in prospettiva dinamica la continua ricerca di un armonico e simmetrico bilanciamento tra risorse disponibili e spese necessarie per il perseguimento delle finalità pubbliche".

"L'esercizio di bilancio - ha proseguito il Presidente della Repoubblica parlando ai magistrati - ha a che fare con il pieno dispiegarsi dei diritti delle persone, la sana gestione con la tutela della solidarietà intergenerazionale. La nascita e lo sviluppo dello Stato democratico sono indissolubilmente legati all'affermazione e all'espansione dei diritti sociali quale strumento idoneo ad affermare i principi di libertà e di eguaglianza posti dal costituente a fondamento della Repubblica. Una delle sfide più impegnative del tempo in cui viviamo sta proprio nella ricerca di un contemperamento tra esigenze di bilancio e tutela dei diritti sociali sanciti dalla Costituzione".

Quasi come un monito nei confronti dell’attuale maggioranza di governo alle prese con la bocciatura della manovra da parte dell’Europa, Mattarella conclude: "È evidente come, senza finanze pubbliche solide e stabili, non risulti possibile tutelare i diritti sociali in modo efficace e duraturo - le parole riportate dall’Ansa - , assicurando l'indispensabile criterio dell'equità intergenerazionale".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO