Rosaria Capacchione si candida con il Pd: ecco chi è

Rosaria Capacchione

Rosaria Capacchione sarà candidata per il Partito Democratico alle elezioni politiche 2013.

L'annuncio arriva direttamente dal sito ufficiale del Partito Democratico, dove si trovano anche le prime dichiarazioni della giornalista:

«Ho accettato con entusiasmo la proposta del segretario Pier Luigi Bersani di continuare con il Pd, in Parlamento, la battaglia per un Paese - e un Mezzogiorno - libero da condizionamenti criminali. Un Paese nel quale è possibile immaginare un percorso più giusto per i cittadini, per gli studenti, per le imprese. Sono i temi sui quali, nel corso degli ultimi trent'anni, mi sono impegnata: facendo informazione, cercando di dare voce a quanti non ne hanno, raccontando le storie di quanti sono stati sconfitti dalla violenza mafiosa, di quanti non hanno avuto la possibilità di alzare la testa o sono stati costretti ad abbassarla. Cambio postazione ma non fronte, con la volontà di proseguire sulla stessa strada, mettendo a disposizione del Paese la mia esperienza di giornalista e quanto imparato in una terra, la Campania, tra le più difficili e maltrattate d'Italia».

Non è il primo tentativo della Capacchione di darsi alla politica. Fu candidata, sempre nelle fila del Pd, alle scorse elezioni europee. Ma allora le andò male, e lei accusò il partito di non averla sostenuta, con parole molto dure.

«Fino al 23 maggio ho fatto campagna senza un euro, senza sapere se mai sarebbe arrivato il contributo promesso, poggiando solo sul volontariato gratuito di tanti giovani e amici che mi vogliono bene e credono nei valori che rappresento. Eppure ho raccolto 73mila preferenze, di cui 17 mila in regioni dove non sono mai andata. Sono voti d’opinione, non d’apparato e se il Pd meridionale avesse creduto davvero nei valori della legalità e del rinnovamento, e si fosse impegnato, come invece ha fatto il Pd siciliano, il mio risultato sarebbe stato molto diverso. E anche quello del Pd meridionale nel suo complesso, sarebbe stato più positivo»

Evidentemente, le circostanze oggi sono differenti. L'abbiamo contattata via Facebook e lei ha risposto così:

«Era una polemica con il Pd locale di allora. Era il 2009 e tante cose sono successe a quel Pd lì».



Autrice, nel 2008, di 2008, L'Oro della Camorra, la Capacchione è nata a Napoli nel 1960 e dal 1985, lavora per Il Mattino di Napoli.

In seguito alla sua attività di cronista di giudiziaria è stata oggetto di numerose minacce di morte, oggi vive sotto scorta.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO