Obama porta un'europea nel team per lo sviluppo globale, é l'economista francese Esther Duflo


Che ci fa una quarantenne francese esperta nelle dinamiche dell'indigenza, nella lista dei membri del Consiglio Presidenziale per lo sviluppo globale? Facile a dirsi, dato che la giovane ed affermata economista europea potrebbe apportare un nuovo sguardo attuale ed umano, nelle politiche sociali americane e mondiali. Ingaggiata da Barak Obama nel suddetto organo collegiale composto da nove cervelli riuniti nell'équipe presieduta dall'egiziano Mohamed El-Erian, direttore generale del fondo d'investimento Pimco (alias Pacific Investment Management Company) l'economista Esther Duflo é un autentico talento sbocciato precocemente e ormai noto nell'ambiente.
Già professore in due prestigiose sedi come il MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston, dove dirige il laboratorio di ricerca sulla lotta contro la povertà Abdul Latif Jameel e il College de France, nel quale ricopre la cattedra dedicata alle speculazioni ed alle indagini per ridurre la medesima piaga, é stata anche premiata nel 2010 con la prestigiosa medaglia John Bates Clark, per i suoi lavori empirici (preludio in molti casi al Premio Nobel).

Una randomista vicina alla Casa Bianca
La Duflo, soprannominata "randomista" dal New Yorker proprio per il carattere dei sui studi più famosi, fonda le sue analisi sull'applicazione di un metodo ultraspecifico elaborato a partire dalle esperienze di terreno. Come un moderno antropologo alla Claude Lévi-Strauss (illustre connazionale che ha gettato le basi di alcune tra le più applicate teorie sociologiche) collabora con le ONG e segue da vicino i progetti che poi vengono elaborati in modello, sostenendo la vicinanza al micro, come chiave per la comprensione ed il miglioramento del macro. In attesa della sua nomina ufficiale freme l'attesa, e gli ambiti nei quali la nuova "consigliera" potrebbe assumere un ruolo chiave, non mancano davvero.

Nell'immagine Esther Duflo, professore di economia alla MIT University e membro fondatore del Jameel Poverty Action Lab (J-PAL) durante la lettura inaugurale della cattedra del "Savoirs contre la pauvreté", al College de France (la Principale Istituzione educativa di Francia) Parigi, 8 gennaio 2009. AFP PHOTO PATRICK KOVARIK (Photo credit should read PATRICK KOVARIK/AFP/Getty Images)

Via | lepoint.fr

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO