Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis e Zuccato

Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis, Zuccato

Ed eccoci secondo giorno del Festival delle Città Impresa. Stasera siamo a Schio, dove per ora abbiamo incontrato Roberto Zuccato, Presidente di Confindustria Vicenza, scoprendo prima di tutto, che di sicuro ci siamo seduti su qualcosa di suo.

Dopo il salto l'intervista. Ma è il dopo dalle 20,30 in poi, che sarà notevolissimo: perchè incontreremo Gianni de Michelis, stasera qui insieme a Massimo Calearo, Fabio Gava per parlare di "Un nuovo equilibrio dopo la crisi". Chiaro che con De Michelis, faremo qualcosa di bizzarro e ancora da definire.

Intanto, antipasto con l'intervista a Zuccato.

Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis, Zuccato
Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis, Zuccato
Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis, Zuccato
Festival delle Città Impresa: Schio, De Michelis, Zuccato

Allora... un primo bilancio del Festival?

Bè mi sembra bene, io sono stato impegnatissimo stamattina, sono riuscito ad arrivare solo alle cinque e mezza mi sembra di avere recepito che anche l'incontro precedente era stato positivo... quello di oggi era un confronto interessante, oltre ai due rettori delle nostre università, con le associazioni industriali ha permesso di confrontarsi di quali sono i bisogni reali delle imprese

Quali sono le esigenza degli imprenditori del nordest?
La definizione di crisi è quando finisce un vecchio sistema e non si è ancora definito quello nuovo. E stiamo cercando di capire tutti quale sarà il mondo che ci si presenterà davanti. Però è innegabile una cosa: le aziende che stanno andando abbastanza bene sono quelle che hanno speso in innovazione, sia di processo, di prodotto di distribuzione. Oggi riescono a sopperire: sono tutte aziende che sono nate...

Dal non stare con le mani in mano

Oggi tutti sanno che ci sarà una pulizia, ci saranno meno aziende, sopravviveranno quelle che hanno investito e ci saranno nuove situazioni, Già adesso giorno per giorno si sperimenta che quando andiamo dai nostri clienti viene ricercato un certo tipo di qualità, di servizio, che è quello più adatto al nostro tipo di fare impresa. Noi dobbiamo cercare di capire in questo periodo, per le aziende che hanno un pò di forza, di respiro, perchè ci è venuto a mancare il circolante per il crollo degli ordini...

La crepa che ha fatto crollare tutto è stata quella

Esatto. Noi siamo sostenuti un pò dalle banche del territorio, le grandi banche parlano parlano, ma... c'è un crollo di ordini e manca il circolante, e le aziende se potessero superare questa fase, investirebbero in innovazione. Fa parte del nostra dna: io non so la frase esatta, ma Einstein diceva che ogni crisi è una grande opportunità, che sviluppa il meglio dei popoli, e questo succede anche da noi.

La sua storia?
Dopo la laurea in ingegneria ho iniziato come progettista, ma poi sono passato subito al settore commerciale, due tre aziende di settori diversi.

Parliamo di età, a che età ti sei laureato

25-26 anni, laureato a Padova, ho iniziato a Padova... erano tempi diversi... ho cominciato, ho lavorato poi come direttore commerciale, in aziende sempre di settori diversi, perchè come direttore commerciale, conoscendo i clienti, i contatti, mi sembrava di rubare l'anima. Cercavo di cambiare settore, per non portarmeli via. Poi nell'89 - io sono del 52 - nasceva mio figlio e io che ero sempre in giro per il mondo dicevo "Lo voglio vedere nascere". E ho ricominciato, da zero, con un socio, in un settore nuovo, Prendevo un treno per andare a Parigi... facevamo poltrone per ufficio, per sale conferenze, per università... oggi esportiamo in sessanta paesi, e penso che siamo diventati leader in Italia. Abbiamo puntato sulla qualità...

Chissà quante volte mi sono seduto su qualcosa di suo
Che università hai fatto?

Sono andato in Bicocca, a Milano
Eh, adesso inizieremo a fornire anche la Bicocca...
  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO