Ping Pong: botte (e risposte) della campagna elettorale

Walter Veltroni ironizza sulla “fifa” di Berlusconi e Fini. Cicchitto: “Parole di coniglio”.
Veltroni: “Fini e Berlusconi hanno paura di Bossi. Per questo di fronte alle minacce del leader del Carroccio di “imbracciare il fucile” non reagiscono, nemmeno una parola di condanna”. Cicchitto: “Il ruggito del coniglio”. Fiere e animali da cortile.
Silvio Berlusconi imbarazzato, scettico su Bossi ministro. Calderoli: “Sul nostro capo decidiamo noi”. Bettini: “Scintille prima del falò”.
Berlusconi: “ Bossi ministro nel mio governo? Non credo. A me non ha chiesto niente nessuno. E poi le sue condizioni di salute sono quelle che sono. Calderoli: “Il futuro di Umberto non lo decide il Cavaliere!”. Bettini: “Prime scintille prima del grande falò nel Pdl”. Presto il maggio mariano.
Fausto Bertinotti difende Amato sulla bufera schede. Il ministro: “Schede corrette. Avanti così”. Di Pietro: “ Frittata fatta”.
Bertinotti: “La denuncia del Pdl è sconcertante, vorrebbero una scheda su misura, in posizione di vantaggio rispetto agli altri partiti”. Amato: “Le schede sono in regola, non si modifica niente perchè si rischia di invalidare il voto”. Di Pietro: “Le schede non rendono giustizia della verità. Ma la frittata è fatta”. Voto valido e uova marce.
Pierluigi Castagnetti certo del ko del Pdl. Bondi: “Penoso! Capace solo di far fallire partiti”.
Castagnetti: “Berlusconi ha paura di perdere. Torna a dire che il Pd è l’evoluzione del Pci: una falsità storica oltre che una distorsione politica. Il Pdl è in discesa libera”. Bondi: “Il Pd è l’ultima mimetizzazione del Pci. L’ex dc Castagnetti lo sa bene, maestro nel cambiar nome ai partiti e farli chiudere”. Nuove insegne per vecchie botteghe.
Carlo Giovanardi replica a Casini sulla Mussolini. Casini: “Come fanno a stare insieme?”
Giovanardi: “Ricordo allo smemorato Casini che siamo stati insieme in Parlamento con la Mussolini nello stesso schieramento politico sin dal 1994 e nel 2001 e grazie a noi il capo dell’Udc è stato eletto presidente della Camera ringraziandoci calorosamente. Che vuole ora?”. Casini: “Insisto e preciso: come fanno a stare insieme? Perché stanno insieme quei due?”. Già. E perché stavano insieme quei tre?

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO