Pd, Martina risponde a Renzi: "Non serve lanciafiamme, ma ago e filo per ricostruire"

L'ex segretario ospite a "Circo Massimo" su Radio Capital.

Maurizio Martina risponde a Matteo Renzi

Matteo Renzi, dopo aver ribadito di non avere alcuna intenzione di candidarsi alle primarie del PD, nella sua e-news ieri ha scritto:

"Il mio errore più grande è stato non ribaltare il partito. Non entrarci con il lanciafiamme come ci eravamo detti. In alcuni casi il PD ha funzionato, in altre zone è rimasto un partito di correnti. Ritengo che le correnti siano il male del partito. E ho sempre spiegato che non mi sarei mai prestato a fare la mia corrente. Sono stato, sono e rimango di parola: le correnti avevano un senso nel partito novecentesco, non oggi. E le correnti nel PD sono state la causa di un rinnovamento meno forte di ciò che sarebbe servito. Quando i giornali scrivono 'la corrente dei renziani' mentono sapendo di mentire. Perché noi ci siamo impegnati a fare una battaglia sulla base delle idee, non delle appartenenze interne"

Stamattina a questa affermazione ha risposto Maurizio Martina, uno dei candidati alla segreteria del PD al Congresso del 3 marzo 2019, che è stato ospite della trasmissione "Circo Massimo" su Radio Capital. L'ex segretario reggente ha detto:

"Più che il lanciafiamme serve ricostruire con ago e filo, dobbiamo cambiare il Pd. Questo è il tema del congresso che deve essere legato sempre di più al paese. Se uno guarda a come non sono andati i salari in questi 15 anni, c'è un lavoro di ricostruzione fa fare ed è un lavoro che ci riguarda"

Martina, inoltre, ha lanciato una proposta a tutti gli altri candidati alla segreteria:

"Un patto atto d'azione comune, un impegno per fare un bel congresso partecipato, serio e leale fra noi"

E ha detto che le polemiche "alimentate ad arte" sul non far raggiungere ai candidati il 51% sono solo dannose, aggiungendo che a lui queste diatribe non interessano, ma gli interessa soltanto che le primarie siano "un passo utile per l'alternativa" e che tanta gente vada a votare e aiuti il PD a cambiare.

Intanto domani scade il termine per presentare le candidature e i "renziani" entro oggi decideranno se sostenere la candidatura di Maurizio Martina, che è appoggiato anche da Matteo Richetti, oppure candidare qualcun altro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO