Tria: "Ridurrei il deficit per evitare infrazione, ma la decisione spetta alla politica"

Il ministro dell'Economia esce allo scoperto alla vigilia dell'incontro Conte-Juncker.

Giovanni Tria vorrebbe ridurre deficit

Il ministro dell'Economia Giovanni Tria, in vista dell'incontro di domani tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker, ha detto che entro questa sera il governo spiegherà in cosa consistono le modifiche apportate alla manovra per evitare la procedura di infrazione da parte dell'UE e ha aggiunto.

"È ovvio che se è possibile un accordo con la commissione Ue forse è preferibile andare a una riduzione del deficit, non perché non servano le misure espansive, ma perché c'è incertezza e bisogna ritrovare la fiducia"

Poi ha spiegato che la manovra non sarà rivoluzionata e ha detto:

"Ormai siamo arrivati, entro la giornata si arriverà a determinare quali sono i possibili saldi e poi ci sarà la decisione politica"

Inoltre ha aggiunto che le due misure più attese, ossia il reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni, costeranno meno di quanto preventivano, ma ha anche sottolineato che tecnicamente queste misure avranno bisogno di un po' di tempo per essere realizzate, in particolare ha parlato di "qualche mese".

Tria ha anche detto che il governo sta pensando ad altre misure che possano far risparmiare:

"Sono possibili altri tipi di risparmi e di correzioni. E tutto questo può portare a un mutamento dei saldi di bilancio o le risorse trovate potranno essere destinate a maggiori investimenti"

Ormai il tempo stringe, Bruxelles, ma anche tutti gli italiani, fremono per sapere in cosa consisteranno queste correzioni e se la procedura di infrazione sarà avviata oppure no.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO