Manovra, incontro Juncker-Conte "positivo". Il premier: "non tradiamo gli italiani"

incontro conte juncker gettyimages-1064810808.jpg

Nell'incontro Juncker-Conte tenutosi oggi a Bruxelles sono stati fatti "buoni progressi" spiegano fonti della Commissione Ue. Il faccia a faccia tra il premier italiano e il presidente della Commissione mirava a porre le basi per scongiurare la procedura d'infrazione per deficit eccessivo che l'esecutivo europeo ha caldeggiato per il nostro paese, a causa della manovra di bilancio del governo Conte, chiamando in causa l'Ecofin che dovrebbe pronunciarsi in merito durante il vertice del 22 gennaio prossimo.

L'esecutivo Ue adesso "valuterà la proposta ricevuta questo pomeriggio" sui saldi della manovra, spiega una portavoce della Commissione aggiungendo che il lavoro continuerà nei prossimi giorni nel solco "del dialogo continuo" tra Roma e Bruxelles. "Ci sono buone motivazioni" per trovare un'intesa, ha concluso la portavoce che ha fatto trapelare un certo ottimismo.

"Abbiamo anticipato la nostra proposta a Bruxelles. Abbiamo illustrato la nostra proposta che mi consente di dire che non tradiamo affatto la fiducia degli italiani, rispettiamo gli impegni presi in particolare sulle riforme che hanno maggiore impatto sociale" ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte a margine dell'incontro con Jean Claude Juncker confidando di portare a casa "una soluzione positiva".

Per la trattativa sul deficit Conte informa che "Dal 2.4% siamo stati in grado" di scendere "al 2.04%". Come? "Abbiamo recuperato alcune risorse finanziarie eravamo stati molto prudenti. E queste risorse finanziarie le stiamo utilizzando adesso per questa negoziazione. Il presidente del Consiglio ha quindi rassicurato sul fatto che "reddito di cittadinanza e quota 100 partiranno nei tempi previsti".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO